20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/10/2004, 00.00

    ISRAELE – PALESTINA - TERRASANTA

    Nasce una scuola materna per arabi cristiani e musulmani



    Custode di Terra Santa: "E' un segno di speranza e di coraggio".

    Betlemme (AsiaNews) – "Noi francescani di Terra Santa siamo felici perché Betlemme ha ricevuto in dono una bellissima struttura, nuova, elegante e funzionale. In questi tempi così difficili per questa città è un segnale di speranza e di coraggio". Padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, esprime la soddisfazione di tutti i padri per l'apertura della nuova scuola materna del Terra Sancta College a Betlemme. La struttura ospiterà 350 alunni, cristiani e musulmani, ed è dotata di giochi, arredi e attrezzature moderne. P. Pizzaballa sottolinea che la nuova scuola è "un segno di speranza e di coraggio". Per il custode della Terra Santa è un segno di speranza perché "creare una struttura per bambini vuol dire avere fiducia nel futuro di questa terra". Allo stesso tempo la scuola diventa un simbolo di coraggio perché "in un periodo così turbolento si è voluto investire non in barriere di divisione, ma in progetti di educazione e di formazione".

    La realizzazione di un progetto grande e concreto riflette la vera immagine della società palestinese, che è protesa verso la vita a dispetto di una realtà drammatica: dall'inizio della nuova intifada si contano 112 vittime fra i bambini ebrei e 576 fra gli arabi. "La scuola – afferma p. Pizzaballa – è un segno che ci invita a non chiuderci nelle nostre sicurezze, ma ad amare e ad aprirci a tutti".

    L'edificio è composto da sei piani: i primi 3 sono formati da aule preparate per gli studi teorici; ogni classe è composta da un massimo di 24 allievi. Il laboratorio pratico è attrezzato con i più moderni giochi pedagogici, per accrescere nei bambini la comprensione dei talenti e le ispirazioni personali. Gli ultimi 2 piani sono campi da gioco moderni.

    La scuola è stata realizzata grazie all'opera dei Custodi della Terra Santa e all'impegno personale di P. Ibrahim Faltas, con il supporto di enti e istituzioni italiane: fra gli altri la diocesi e le cooperative della Toscana, l'Antoniano di Bologna e il Progetto Sorriso della Repubblica di San Marino.

    Mons. Pietro Sambi, Nunzio in Israele, sottolinea che "l'inaugurazione della nuova scuola materna è la vittoria della speranza nel futuro e della solidarietà". "Chi costruisce – afferma mons. Sambi – ha più futuro di chi distrugge, chi ama ha più futuro di chi odia". Il nunzio auspica che la scuola possa essere "il punto di partenza di un rinnovamento non solo di edifici, ma di tutta la comunità ecclesiale, perché continui a impegnarsi e a interrogarsi su cosa può e deve fare per la città".

    Mons. Piergiuseppe Vacchelli, sottosegretario e presidente del Comitato per gli interventi a favore del terzo mondo della CEI, afferma che "la scuola deve far crescere la sapienza del vivere e del camminare insieme sulle strade di un mondo che ha bisogno della pace".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura

    Conversazione con p. Pierbattista Pizzaballa, ofm, Custode di Terra Santa.



    22/12/2004 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Digiuno e preghiera per la pace in Terra Santa


    08/02/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: La jihad del digiuno per Sharon e Abbas

    Messaggio della Quaresima di mons. Michel Sabbah, patriarca Latino di Gerusalemme.



    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    18/02/2005 ISRAELE - TERRA SANTA - vaticano
    Patriarca e Nunzio in visita nel villaggio delle violenze druse anti-cristiane

    Domenica tutti i leader delle chiese cristiane si recheranno a Maghar, dove 2 giorni di attacchi drusi hanno fatto fuggire 2 mila cristiani, tra l'indifferenza della polizia israeliana. Le violenze contro i cattolici melchiti definite "un pogrom" da autorità d'Israele. I cristiani non hanno risposto agli assalti.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®