17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/09/2017, 09.01

    IRAQ

    Nassiriya, doppio attacco dell’Isis: almeno 74 vittime, anche pellegrini iraniani



    I jihadisti hanno colpito un checkpoint delle forze di sicurezza e un ristorante alla periferia della città. Oltre 90 i feriti, sei i miliziani uccisi nello scontro a fuoco con gli agenti della sicurezza. L’area è una importante via di comunicazione usata dai pellegrini sciiti per raggiungere le città sante di Najaf e Kerbala. 

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno 74 persone, fra cui diversi cittadini iraniani, il bilancio aggiornato delle vittime del doppio attentato, rivendicato dalle milizie dello Stato islamico (SI, ex Isis), avvenuto verso mezzogiorno di ieri nel sud dell’Iraq. Le milizie jihadiste hanno colpito nei pressi della città meridionale di Nassirya, provocando oltre 90 feriti alcuni dei quali in modo grave. Obiettivo dell’assalto un checkpoint dei reparti della sicurezza e un ristorante.

    Gli agenti hanno sventato un altro attacco a un secondo ristorante, innescando un conflitto a fuoco con gli attentatori; sei miliziani estremisti sono stati uccisi. 

    Abdel Hussein al-Jabri, vice-responsabile del Dipartimento della sanità della provincia di Dhiqar, a maggioranza sciita, parla di decine di vittime fra le quali vi sono anche sette cittadini iraniani. Si tratta del peggior attacco sul territorio irakeno perpetrato dagli uomini del “Califfato” dalla liberazione avvenuta nelle scorse settimane di Mosul, a lungo roccaforte dei jihadisti nel Paese. 

    Fonti locali riferiscono che gli attentatori si sarebbero travestiti da membri delle forze di sicurezza di Hashed al-Shaabi, una alleanza paramilitare sciita che combatte - insieme all’esercito e la polizia - Daesh [acronimo arabo per lo SI] nel nord dell’Iraq. Nassiriya dista circa 345 km a sud della capitale Baghdad ed è abitata in larga maggioranza da musulmani sciiti. 

    Abu Ali, una fra le decine di persone presenti al momento dell’attentato, riferisce che si stava dirigendo al ristorante Fadek al-Zahra insieme alla moglie quando, poco distante, ha visto un gruppo di persone in divisa paramilitare pronte a fare irruzione all’interno. “Abbiamo continuato a camminare in direzione del locale - prosegue l’uomo - pensando fossero truppe irakene. Qualche secondo più tardi abbiamo sentito colpi di arma da fuoco e persone urlare”. “Mia moglie - conclude - ha urlato ‘terroristi’ e siamo fuggiti”. Gli assalitori sono poi fuggiti, dopo aver ucciso la maggior parte dei clienti presenti al momento nel ristorante. 

    Sulla scena del doppio attentato giacciono ancora le carcasse dei mezzi incendiati, fra cui decine di automobili, camion e mezzi del trasporto pubblico. L’area colpita è attraversata da una importante via di comunicazione utilizzata dai pellegrini sciiti e dai visitatori stranieri, soprattutto iraniani, per raggiungere le città sante di Najaf e Kerbala, più a nord. 

    Lo Stato islamico ha rivendicato l’attacco con un comunicato diffuso sul sito di informazione Amaq, spesso utilizzato dai jihadisti per rilanciare i comunicati di propaganda e gli appelli alla guerra santa. Nel testo si esulta per la morte di “decine di sciiti”. 

    Immediata la condanna dei membri del Parlamento irakeno, che parlano di gesto “codardo” che ha preso di mira “persone innocenti”. I deputati non hanno risparmiato critiche ai membri della sicurezza dentro e attorno alla città, per non aver saputo impedire la strage. 

    Intanto prosegue l’offensiva dell’esercito irakeno sulle milizie jihadiste, che la scorsa settimana ha assunto il controllo della città di Tal Afar. Ora il prossimo obiettivo è il bastione jihadista di Al-Qaim, al confine con la Siria. Assieme alla città di Hawija, nella provincia di Kirkuk, 300 km a nord di Baghdad, rappresenta una delle ultime roccaforti dello SI in Iraq. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2017 08:56:00 IRAQ
    Baghdad, kamikaze dell'Isis colpisce davanti a una gelateria: 10 morti e 30 feriti

    L’attentatore, a bordo di una vettura carica di esplosivo, ha colpito nel popolare quartiere di Karrada. Obiettivo dell’attentato la comunità locale, a maggioranza sciita. Lo scoppio è avvenuto a termine della giornata di digiuno e preghiera. Sui social le immagini dei danni provocati dalla deflagrazione. 

     



    08/07/2016 12:22:00 IRAQ
    Ancora morti in Iraq, patriarca Sako: cristiani e musulmani uniti contro il terrorismo

    La Chiesa caldea ha organizzato una veglia di preghiera per le vittime della strage di Baghdad. Il numero dei morti è salito a 292. E non si fermano le violenze: 30 morti e 50 feriti in un attentato al santuario sciita di Balad. Mar Sako: Crimini che rinnegano i valori delle religioni e conducono i loro autori “all’inferno, non in paradiso”. 



    06/07/2016 08:55:00 IRAQ
    La strage di Baghdad, il "peggior attentato dall’invasione americana del 2003"

    Il bilancio delle vittime dell’attacco del 3 luglio a Karrada è salito a 250. Molti dei feriti sono stati dimessi. I casi più gravi trasferiti in strutture all’estero. Cittadini organizzano fiaccolate e preghiere per la pace. Per l’Eid al-Fitr il patriarca caldeo chiede ai “fratelli musulmani” di condannare una visione “deviata e distorta” della fede. 



    04/07/2016 12:46:00 IRAQ
    Patriarca Sako: Dietro la strage di Baghdad c'è il desiderio dell’Isis di dominare il mondo

    Questa mattina il patriarca caldeo ha visitato il quartiere di Karrada, teatro dell’attentato jihadista. Le vittime sono almeno 165, oltre 225 i feriti. Secondo alcune fonti i morti oltre 200. Contro la violenza estremista servono “unità” a livello di governo e una presa di coscienza del mondo musulmano, perché lo SI è un “cancro per l’islam stesso”. La preghiera di papa Francesco. 



    17/08/2015 IRAQ
    L’ex premier al Maliki a processo per la caduta di Mosul nelle mani dello Stato islamico
    Una commissione parlamentare punta il dito contro l’ex Primo Ministro e 30 alti funzionari. L’ascesa dei jihadisti favorita dal crollo dell’esercito regolare, che avrebbe ricevuto l’ordine di non combattere. Oggi l’assemblea ha approvato il rinvio a giudizio, la parola ora passa alla magistratura. Per gli esperti vi sono anche responsabilità degli Stati Uniti.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®