19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/12/2017, 08.29

    IRAQ

    Nassiriya, impiccati 38 ‘terroristi appartenenti ad Al Qaeda e a Daesh’



    L’esecuzione è avvenuta alla presenza del ministro della giustizia. I condannati sarebbero tutti irakeni, ma si parla anche di un cittadino svedese. L’Iraq al quarto posto nel mondo per l’uso della pena capitale, dopo Cina, Iran, Arabia saudita.

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Trentotto jihadisti “appartenenti ad Al Qaeda e a Daesh [acronimo dello Stato islamico]”, già condannati a morte per “terrorismo”, sono stati impiccati ieri nella prigione di Nassiriya, nel sud del Paese. La nazionalità dei 38 è irakena, ma vi sono voci che fra essi vi sia anche un cittadino svedese.

    Nella stessa prigione, lo scorso 25 settembre è stata eseguita la condanna a morte per altri 42 “terroristi”. Le esecuzioni sono avvenute alla presenza del ministro della giustizia Haidar al-Zamili, dopo la conferma della condanna e dopo decisione del consiglio di presidenza del Paese.

    Organizzazioni internazionali contro la pena di morte criticano l’uso troppo facile della pena capitale in Iraq.

    Lo scorso anno nel Paese sono state eseguite 88 condanne a morte; 26 nel 2015. Secondo Amnesty International, l’Iraq è al quarto posto per numero di condanne a morte dopo Cina, Iran, Arabia saudita.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2017 12:18:00 PAKISTAN
    Pakistan, dal 2015 465 esecuzioni capitali. ‘Motivi politici’ dietro le condanne

    I dati relativi al periodo da quando il governo ha eliminato la moratoria sulla pena di morte e sono pubblicati dalla Ong Justice Project Pakistan. Il Punjab è la provincia con il più alto numero di impiccagioni, pari all’83% del totale. Il crimine non è diminuito da quando è stata reintrodotta la pena di morte. Condanne a morte compiute “per fare spazio” nelle carceri sovraffollate.



    13/03/2012 IRAN
    Esecuzione pubblica di due uomini. Cresce l'uso della pena di morte in Iran
    Nel 2011 vi sono state 65 impiccagioni; 19 nel 2010; 9 nel 2009. Con le due di oggi, nei primi mesi del 2012 vi sono già state 15 esecuzioni pubbliche. L'Onu chiede la moratoria e la garanzia di legali per gli accusati. L'Iran denuncia l'occidente per un uso strumentale dei diritti umani, per colpire la Repubblica islamica dell'Iran.

    09/08/2004 IRAQ
    Il dramma dei rapiti nell'insicurezza che cresce
    Il Governo provvisorio reintroduce la pena di morte

    07/06/2004 IRAQ
    Attesa per la nuova risoluzione Onu


    07/09/2005 IRAQ
    Leader curdo: Il 90% degli irakeni vuole impiccare Saddam Hussein

    Il presidente iracheno torna sui suoi passi: "Saddam a morte 20 volte". Saywan Barzani, rappresentante curdo in Europa, spiega la posizione del presidente Jalal Talabani, che pur contrario alla pena di morte, ha dichiarato che "Saddam merita di essere giustiziato 20 volte". Perfino i terroristi sono contro l'ex dittatore.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®