20 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/12/2004
INDONESIA
Natale a rischio per le chiese in Indonesia

Il governo aumenta le misure di sicurezza per i luoghi religiosi cristiani dopo l'attacco a 2 chiese protestanti.



Jakarta (AsiaNews) – Natale a rischio per le chiese in Indonesia. Oggi, il presidente Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) ha ordinato al capo della polizia Dai Bachtiar e al Ministro per la Sicurezza e gli Affari politici, Widodo As, di  aumentare le misure di sicurezza nei pressi delle chiese in tutto il paese per evitare incidenti con l'avvicinarsi del Natale e del Nuovo Anno. Il provvedimento segue l'attacco di ieri a 2 chiese protestanti a Palu, capitale della provincia delle Sulawesi centrali, dove un gruppo di uomini non identificati ha aperto il fuoco contro i 2 edifici religiosi e lanciato una bomba mentre i fedeli erano riuniti per celebrare la messa domenicale. Il bilancio della violenza contro le chiese di Immanuel e Anguerah Masomba è di 3 feriti.

Il ministro di Gabinetto, il generale Sudi Silalahi, ha dichiarato che il governo ha previsto un piano di collaborazione tra "intelligence e sicurezza territoriale per evitare ulteriori violenze".

Aryato Sutadi, capo della polizia delle Sulawesi Centrali, ha licenziato oggi Nyoman Siswandi,  capo della polizia di Palu, per non aver garantito la sicurezza necessaria nella zona. Alcuni poliziotti hanno dichiarato che Siswandi ha rifiutato di dispiegare maggiori forze nel periodo natalizio come richiesto dall'amministrazione locale.

Secondo Sulaiman Mamar, assistente del rettore all'Univerità di Palu, gli incidenti non sono espressione del conflitto religioso tra cristiani protestanti e musulmani, ma sono parte del piano di un "terzo gruppo interessato a far riaccendere gli scontri tra le due comunità". Ichsan Loulembah, rappresentante regionale delle Sualwesi centrali a Jakarta,  ha detto che questo gruppo "vorrebbe trasferire a Palu il conflitto di Poso".

Alla vigilia di Natale del 2000, attacchi dinamitardi contro 11 chiese sparse per il paese uccisero 13 persone e ne ferirono 100. Degli attentati si ritenne responsabile la Jemaah Islamiyah, gruppo terroristico legato ad al Qaida.

Sebbene l'Indonesia sia un paese a maggioranza islamica, la popolazione delle Sulawesi Centrali è divisa tra musulmani e cristiani. (MH)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/12/2004 INDONESIA
Sulawesi centrali: attaccate due chiese cristiane
di Mathias Hariyadi
08/11/2004 INDONESIA
Sulawesi centrali: cecchino uccide autista di minibus
02/05/2005 INDONESIA
Scoperto un piano terroristico su tutta l'Indonesia dopo l'attacco ai cristiani di Mamasa
di Mathias Hariyadi
21/10/2004 INDONESIA
Sulawesi, nuove violenze fra cristiani e musulmani
di Dario Salvi
08/11/2005 Indonesia
Nuove violenze a Poso, uomini armati sparano in faccia a 2 studentesse
Articoli del dossier
GIORDANIA
Giordania, Natale di luci e di contrasti
PAKISTAN – NATALE
Natale, festa che avvicina cristiani e musulmani
VATICANO
Il Papa: "cessino le violenze, dappertutto c'è bisogno di pace"
VATICANO
Il Papa: "stanotte nasce il pane della vita"
hong kong - cina
Mons. Zen: Il Natale sostiene la speranza afflitta dalla "decadenza" dei politici
sri lanka
Vescovo di Colombo: "Sì a pace e giustizia; no alla pena di morte"
MALAYSIA
Natale in Malaysia, tornano i canti che parlano di Gesù
ISRAELE – PALESTINA – VATICANO
Natale, la pace in Terra Santa, la pace del mondo
BANGLADESH
Natale in orfanotrofio, gioia per la festa e speranza per il futuro
UZBEKISTAN
Natale a Tashkent, sulle ferite dell'ateismo sovietico
THAILANDIA
Buddisti e non cristiani alla messa di Natale
FILIPPINE
Mons. Cruz: "L'essenza del Natale è Dio fatto carne"
FILIPPINE
Filippine, messe all'alba per celebrare la venuta di Cristo
INDIA
Cristiani del Gujarat chiedono un Natale senza scontri
PAKISTAN
Natale in un paese musulmano: festa, tradizione e solidarietà
ISRAELE - PALESTINA
Mons. Sabbah: per Natale "giorni che sembrano annunciare la pace"
IRAQ
Patriarca Caldeo: Anche fra gli attentati, vogliamo celebrare il Natale
sri lanka
Sri Lanka, chiesa cattolica incendiata a Colombo
VATICANO
Il Papa: l’albero di Natale insegni a “donare” se stessi
ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Natale, vigilia confusa per la popolazione e per i governi d'Israele e Palestina
ISRAELE – PALESTINA
Per Natale sarà permesso ai cristiani israeliani di andare a Betlemme
COREA DEL SUD
Alberi di Natale nel tempio buddista che onora Gesù
THAILANDIA
Concerto di Natale dei prigionieri thailandesi
CINA
Pechino, marcia indietro sui biglietti per la messa di Natale
INDONESIA
Natale a rischio attentati in Indonesia
palestina
Betlemme, Natale con poche luci per la morte di Arafat
malaysia
Natale in Malaysia: nessun riferimento a Gesù
cina - vaticano
Cattedrale di Pechino: Messa di Natale a pagamento
Vaticano
Papa: il presepe è un segno di cultura e di fede
iraq
P. Ragheed di Mosul: "Testimoniare Cristo in Iraq, anche a rischio della vita"
palestina
Palestina, i cristiani temono che divenga uno Stato islamico
PALESTINA
Avvento a Betlemme, fra vecchie paure e nuove speranze

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate