30 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/12/2016, 12.56

    SRI LANKA

    Natale in Sri Lanka: messa per i carcerati cattolici e amnistia per 572 detenuti

    Melani Manel Perera

    Nel carcere di Colombo i prigionieri cattolici hanno potuto partecipare ad una messa. Poi sono stati offerti dei doni a tutti i detenuti. In seguito hanno incontrato i parenti e pranzato insieme a loro.

    Colombo (AsiaNews) – I detenuti cattolici dell’arcidiocesi di Colombo hanno potuto festeggiare il Natale con una messa solenne organizzata apposta per loro. Le autorità hanno anche concesso un permesso speciale per incontrare i parenti e condividere insieme il pranzo natalizio. In seguito tutti i prigionieri hanno ricevuto doni da p. Patrick Perera, cappellano del carcere.

    Per l’occasione, il presidente Maithripala Sirisena ha deciso di concedere l’amnistia a 572 carcerati, rinchiusi per condanne minori o perché non hanno i soldi necessari per pagare la cauzione.

    La liturgia è stata celebrata in entrambi i settori femminile e maschile del penitenziario. Officiando la messa in quello femminile, p. Perera ha domandato: “Riesco a vedere Dio dentro di me? Posso sentire la sua voce dentro di me? Sono pronto ad ascoltarlo?”. “Non dobbiamo dimenticare – ha detto – che le nostre vite appartengono a Dio. Noi non sappiamo niente di noi stessi: giorno, mese o anno in cui nasceremo; chi saranno i nostri genitori; in quale villaggio o Paese abiteremo; quali saranno la nostra razza, il colore della nostra pelle o la nostra religione. È solo Dio che decide tutte queste cose”.

    Ciò significa, ha continuato rivolgendosi alle carcerate, “che dobbiamo sempre tenere a mente che la nostra vita appartiene a Dio. Non è per noi. Perciò dobbiamo ascoltare la voce interiore, tentare di vedere Dio in noi. E in questo modo non commetteremo nulla di sbagliato”.

    Il cappellano ha invitato a riscoprire il senso autentico del Natale, che “non è solo fare festa, ma condividere il cibo, perdonare le offese e fare visita a chi è in solitudine”.

    Nella preghiera dei fedeli, le detenute hanno chiesto a Dio di proteggere i loro bambini, rimasti senza le cure amorevoli delle madri. Hanno anche domandato protezione per tutti gli uomini e donne dello Sri Lanka e che sia fatta giustizia per loro stesse.

    Nel settore maschile, la messa è stata celebrata da p. Noel Dias ed è stata animata con cori e musica da parte degli stessi detenuti. Al termine delle due funzioni, una grande folla di parenti ha potuto fare visita a coloro che sono richiusi dietro le sbarre e portare loro il conforto degli affetti familiari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/07/2015 MYANMAR
    Myanmar, il governo libera 7mila detenuti, ma ben pochi sono prigionieri politici
    L’amnistia è stata decisa oggi ed è l'ultimo di una serie di provvedimenti attuati dal governo riformista e semi-civile birmano. Tra i detenuti vi sono 210 stranieri, tra cui 155 cinesi. Attivista politico: “I prigionieri di coscienza sono forse 40 o 50”.

    02/01/2016 SRI LANKA
    Donne prigioniere a Welikada chiedono l’aiuto del card. Ranjith per i loro bambini
    Alla messa di Capodanno hanno partecipato le detenute, i loro bambini, le guardie. Le donne hanno domandato che i tempi dei processi siano più corti per poter tornare presto alle loro famiglie. Il card. Ranjith ha distribuito doni ai più piccoli che vivono in prigione con le madri.

    25/11/2016 12:53:00 SRI LANKA
    Sri Lanka, consegnata al presidente Sirisena una raccolta firme per il rilascio dei prigionieri politici (Foto)

    Almeno 160 persone sono detenute dal 2009. Al termine della guerra civile sono stati arrestati quasi 15mila sospettati di legami con le Tigri tamil. Familiari denunciano confessioni estorte con l’inganno.



    06/11/2016 12:13:00 VATICANO
    Papa: Nell’Anno santo della Misericordia, un atto di clemenza verso i carcerati

    Papa Francesco rivolge un appello alle autorità civili di tutto il mondo per un miglioramento delle condizioni carcerarie, una giustizia “non solo punitiva”, ma tesa al reinserimento del reo nella società. Senza il riferimento “al Paradiso e alla vita eterna, il cristianesimo si ridurrebbe a un’etica, a una filosofia di vita”. I 38 martiri del regime comunista ateo in Albania beatificati ieri. L’entrata in vigore dell’Accordo di Parigi sul clima “per porre l’economia al servizio delle persone e per costruire la pace e la giustizia”.



    03/11/2016 12:40:00 VATICANO
    Più di mille detenuti prenderanno parte al Giubileo dei carcerati

    Alla celebrazione saranno presenti “detenuti di tutte le categorie”. Le testimonianze di un detenuto che in carcere ha sperimentato l’esperienza della conversione, che parlerà insieme alla vittima con la quale si è riconciliato; del fratello di una persona uccisa che si è fatta strumento di misericordia, quindi di perdono; di un ragazzo minorenne che sta scontando la sua pena e di un agente della Polizia penitenziaria.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®