27 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/09/2006, 00.00

    LIBANO - ISRAELE

    Negative le reazioni alle parole di Nasrallah nella festa della vittoria



    Prime reazioni israeliane e di analisti libanesi al discorso del leader Hezbollah, che ieri davanti a migliaia di sostenitori ha festeggiato la "vittoria divina" sullo Stato di Israele.

    Beirut (AsiaNews/Agenzie) – "Ridicole" agli occhi di Israele, "pericolose" per alcuni analisti libanesi, sono apparse così le parole di ieri del leader di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, alla sua prima apparizione in pubblico dall'inizio della guerra in Libano, il 12 luglio scorso. Nella "festa della vittoria" ieri a Beirut, Nasrallah ha usato toni forti: ha detto che nessun esercito al mondo potrà disarmare i suoi guerriglieri e ha chiesto la formazione di un nuovo governo di unità nazionale con una più ampia partecipazione di Hezbollah, in grado di proteggere il paese da Israele.  

    "Non c'è nessun esercito al mondo che possa (costringerci a) lasciare cadere le nostre armi a terra", ha detto il leader della milizia sciita davanti ad un'enorme folla di sostenitori, che ieri pomeriggio ha invaso la parte sud di Beirut per una marcia della "vittoria divina". Nasrallah, che si è presentato in pubblico, nonostante le minacce di Israele di ucciderlo, ha annunciato che le sue milizie sciite sono più forti di quanto non fossero prima dell'inizio del conflitto: "La resistenza oggi…ha più di 20 mila razzi".
    "Nasrallah è uno spaccone – ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri israeliano - questo uomo solo tre settimane fa diceva che non avrebbe preso la decisione di lanciare un attacco contro Israele se avesse misurato le dimensioni della risposta". Il governo del primo ministro Ehud Olmert ha poi fatto sapere che le dichiarazioni di Nasrallah sono state semplicemente "ridicole".

    Preoccupazione, invece, tra alcuni analisti libanesi che ritengono pericolosa la retorica di Nasrallah. Secondo Fadi Daou, direttore dell'Istituto di scienze religiose dell'Università libanese Saint Joseph, "il fatto che Hezbollah consideri di aver vinto la guerra potrebbe acuire la divisione del sistema politico tra le comunità del Paese e aumentare l'emarginazione dei cristiani". Il professore spiega che "il rischio è che si venga a creare una pericolosa contrapposizione tra musulmani sciiti e sunniti".

    Anche l'ex presidente libanese Amin Gemayel, critico di Hezbollah, ritiene "pericoloso" il discorso di Nasrallah in quanto "lega la resa delle armi della sua milizia ad un drastico cambiamento nel governo del Libano". "Questo – continua – è molto rischioso e ci porta a chiederci che tipo di governo e chi tipo di Libano voglia Nasrallah".

    Il leader Hezbollah ha apertamente criticato il premier Siniora, anche per la sua vicinanza agli Stati Uniti. Dal canto suo Siniora ha più volte rifiutato l'idea di un nuovo governo pur dichiarandosi disponibile al dialogo.  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2006 libano - iran
    Sciiti sempre più critici verso gli Hezbollah, la falsa "vittoria" e i legami con l'Iran

    Il Mufti di Tiro accusa le milizie di leggerezza nell'aver portato il Paese in guerra. La maggioranza dei libanesi vuole il disarmo degli Hezbollah.



    04/08/2006 LIBANO - ISRAELE
    Nuovi bombardamenti su Beirut sud, Hezbollah minaccia razzi su Tel Aviv

    Il leader sciita si dice però disponibile a cessare le ostilità, se Israele interrompe gli attacchi sul Libano. Lo Stato ebraico accusa: è solo un tentativo di tenerci in scacco. Tra oggi e domani risoluzione Onu sulla tregua e l'invio della forza internazionale.



    04/08/2006 LIBANO - ISRAELE
    Israele colpisce città cristiane a nord di Beirut

    Si tratta di Jounieh, Byblos e Fidar: distrutti i ponti che le collegavano al resto del paese. Si aggrava la crisi umanitaria. Fares Boueiz, ex ministro libanese degli Esteri: "Dov'è la coscienza del mondo?". Critiche anche ai Paesi arabi.



    03/08/2006 LIBANO
    Beirut sotto le bombe: il 70% dei cristiani pronti ad emigrare

    La popolazione si sente abbandonata. Il vescovo maronita di Jbeil parla di una "vera crisi" per i cristiani. Caritas Libano denuncia poca collaborazione delle organizzazioni governative. Inchiesta israeliana ammette: "Cana è stato un errore".



    19/09/2009 LIBANO
    Il rompicapo di Saad Hariri, tra tensioni interne e interferenze internazionali
    Tentando per la seconda volta di dare un governo al Libano, il premier incaricato si trova di fronte un compito che al momento non sembra destinato al successo. Vi si oppongono i legami tra i partiti e Paesi della regione e non e questioni interne come la rappresentanza degli sciiti.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®