29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2005
INDONESIA
Nei campi profughi delle Molucche genitori nascondono bimbi malnutriti

Difficile il processo di ricostruzione e ricollocamento per i rifugiati del conflitto cristiano-musulmano: molti genitori privano i figli di assistenza medica, perché si vergognano del loro aspetto deperito; manca acqua pulita e scoppiano epidemie di malaria.



Ambon (AsiaNews) – Peggiorano le condizioni di salute nei campi profughi di Ambon, nell'arcipelago indonesiano delle Molucche: aumentano casi di malnutrizione infantile e malaria; i genitori, per la vergogna nascondono i figli, privandoli dell'assistenza medica necessaria. A denunciarlo oltre i media locali anche il Centro di Crisi della diocesi di Amboina.

Mentre continua la demolizione delle baraccopoli per far posto alle nuove case finanziate dal governo, nel campo di Waihaong, su 159 bambini, 25 sono malnutriti. Il numero potrebbe essere maggiore perché, come racconta Wendy Pattisahusiwa, capo del Centro medico della comunità di Waihaong, quando "i medici bussano alla porta molti genitori gliela chiudono in faccia". La donna è promotrice di un capillare monitoraggio porta a porta dela situazione sanitaria nei campi della zona. Per continuare, comunque, a dare assistenza ai bisognosi Pattisahusiwa ha organizzato anche una campagna di sensibilizzazione tra la gene sull'importanza di una giusta alimentazione per i bambini.

La malnutrizione è anche un aggravante dell'epidemia di malaria scoppiata nel villaggio di Wawasa, isola di Gorong - Ceram est. Su 800 contagi si sono registrati 35 decessi. Da aggiungere al quadro, le pessime condizioni igieniche in cui vivono i rifugiati, i quali spesso non dispongono neppure di acqua pulita.

Tra il 1999 e il 2001, un conflitto interreligioso tra cristiani e musulmani nelle Molucche, dove numerocamente le 2 comunityà di equivalgono, ha causato 5 mila morti e mezzo milione di profughi; questi dopo il trattato di pace di Manilo del 2002 stanno tornando nelle loro città d'origine. Parallelamente si procede con la demolizione delle baracche e capanne in cui molti hanno vissuto per più di 5 anni. Anche il Centro di crisi diocesano di Amboina ha già demolito diverse abitazioni precarie; la Fondazione Rinamakana e il Dipartimento sociale della diocesi, invece, sono impegnate nella zona di Ahuru, periferia di Ambon, nell'assistere i rifugiati che ricostruiscono le proprie case di legno.

Per sapere come gestire in modo adeguato il ricollocamento dei profughi, il governo provinciale delle Molucche del nord ha proposto a 575 famiglie nel campo di Ternate la possibilità di scegliere tra il rimanere nei campi accoglienza o ritornare nelle loro città di origine.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/05/2005 INDONESIA
Violenze nelle Molucche, uccisi 5 poliziotti e 1 civile
19/05/2005 INDONESIA
Molucche, piano terrorista per accendere odio interreligioso
di Mathias Hariyadi
09/11/2004 INDONESIA
Restaurata cattedrale cattolica nel centro di Ambon. Ospiterà 1.500 fedeli
27/10/2004 INDONESIA
Sulawesi e Molucche: armi illegali in cimiteri e chiese
16/06/2005 INDONESIA
Molucche, tornano 1.500 profughi, ma le case non sono pronte

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate