23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 27/04/2011, 00.00

    ASIA

    Nel 2011 in Asia ci saranno 64 milioni di nuovi poveri



    Lo prevede la Banca Asiatica per lo Sviluppo, quale conseguenza dei forti aumenti dei prezzi di alimenti e carburante. A rischio le famiglie che già spendono la gran parte del reddito per mangiare. Occorrono investimenti di lungo termine, per aumentare i raccolti e le strutture di sicurezza sociale.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Nei primi mesi del 2011 i prezzi degli alimenti sono saliti in media del 10% in molti Paesi dell’Asia, secondo i dati della Banca Asiatica per lo Sviluppo (Adb). La Banca ha ammonito ieri che il perdurare degli aumenti, insieme alla crescita del prezzo dei carburanti causato dalle proteste scoppiate in molti Stati del Medio Oriente e del Nord Africa, può generare una forte inflazione, far precipitare decine di milioni di persone nella povertà e ridurre la prevista crescita economica della regione fino all'1,5%.

    Changyong Rhee, economista capo dell’Adb, osserva che anche se la gran parte delle economie asiatiche ha superato la crisi finanziaria globale degli scorsi anni, questi forti aumenti colpiscono “le famiglie povere nei Paesi asiatici in via di sviluppo, che già spendono oltre il 60% del loro reddito per il cibo” e che vedono “ridursi la loro possibilità di pagare le spese mediche e l’istruzione per i figli”.

    Un aumento dei prezzi alimentari del 10% può significare circa 64 milioni di nuovi poveri, ovvero chi ha meno di 1,25 dollari al giorno per vivere. Anche perché l’Adb prevede che il costo degli alimenti rimarrà “molto volatile” nel breve termine, pure quale conseguenza della generale riduzione delle scorte di grano. Negli ultimi 12 mesi il prezzo del granturco è salito del 90% e quello della soia di circa il 40%, mentre è anche in forte aumento il riso.

    I forti aumenti sono solo in parte conseguenza delle cattive condizioni atmosferiche e dei disastri che nel 2010 hanno colpito la produzione del cibo, come gli alluvioni in Pakistan e gli incendi in Russia e Ucraina. Altre cause sono fattori strutturali, come la debolezza del dollaro Usa (utilizzato come valuta internazionale di riferimento) e il crescente prezzo del carburante che ieri ha toccato i 111,57 dollari al barile, record da 31 mesi, con un aumento del 22% nel 2011.

    Inoltre gli aumenti dei prezzi internazionali hanno indotto molti Paesi a imporre bandi alla esportazione dei propri prodotti alimentari, ridurre le imposte su questi generi, concedere sussidi a famiglie e agricoltori. Ma l’Adb ritiene che queste misure, seppure utili nel breve termine, possono essere fattori di ulteriori incrementi. Al punto che Rhee ammonisce che “per evitare questa crisi incombente, è importante che i Paesi [della regione] si astengano dall’imporre divieti alle esportazioni dei loro prodotti e invece rafforzino la rete dei servizi sociali”.

    Rhee chiama questi Paesi dell’Asia a mettere al centro delle loro politiche “l’impegno per rendere stabile la produzione alimentare, con maggiori investimenti nelle infrastrutture agricole per aumentare i raccolti ed espandere le strutture per il loro immagazzinamento, per meglio garantire che il grano prodotto non vada sprecato”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2008 ASIA
    La rapida crescita dell’Asia minacciata dall’inflazione
    Inflazione alle stelle e in aumento, prezzi di energia e alimenti senza limiti. La crisi economia asiatica induce a cercare nuovi modelli di sviluppo. E a rivalutare anzitutto l’agricoltura.

    28/02/2011 INDIA
    Per frenare l’inflazione New Delhi punta sull’agricoltura
    Presentato oggi il budget per l’anno fiscale 2011/2012. Forti finanziamenti all’agricoltura, per favorire la produzione, contenere i prezzi, aumentare i redditi della popolazione rurale. Esperti: il governo deve contenere i prezzi alimentari e recuperare credibilità dopo i molti scandali per corruzione.

    16/04/2008 ASIA
    Si espande in Asia la “crisi dei cereali”, dal Kazakistan alla Cina
    Il Kazakistan vieta l’esportazione di grano e l’Indonesia di riso. La Cina non è autosufficiente, ma lo Stato paga bassi sussidi ai contadini per i cereali e così disincentiva innovazioni. L’India non avrà da mangiare, se le prossime piogge monsoniche non saranno benevole.

    09/04/2008 FILIPPINE
    Manila chiede aiuto alla Chiesa per distribuire il riso ai poveri
    L’aumento del prezzo del riso rende ancora più essenziali gli aiuti alimentari pubblici per i poveri. Per evitare la “scomparsa” dei sacchi di riso, saranno distribuiti presso le parrocchie a Manila, poi nell’intero Paese. Vescovi: c’è abbastanza terra per sfamare tutti, lo Stato deve meglio sostenere i contadini.

    25/07/2008 ASIA
    La crescente inflazione in Asia può fermare lo sviluppo di interi Stati
    Nel Continente sempre più Stati distolgono risorse da altri progetti per destinarle a sussidi per i meno abbienti o per incrementare l’agricoltura, finora trascurata nelle economie nazionali. Esperti: occorre riconsiderare il modello di sviluppo, valorizzando anzitutto le risorse nazionali.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®