25/09/2020, 12.54
LIBANO
Invia ad un amico

Nel dialogo con gli sciiti, il patriarca Rai suggerisce emendamenti al sistema politico libanese

Possibilità di ristrutturare il potere esecutivo, ma rimangono fermi sulla neutralità del Paese e sulla parità fra cristiani e musulmani. La campagna "In aiuto a Beirut devastata".

Beirut (AsiaNews) – Il patriarca maronita Beshara Rai ha suggerito la possibilità di emendamenti al sistema politico libanese per dare più spazio alla comunità sciita nella gestione del potere esecutivo.

La proposta è emersa domenica scorsa 20 settembre, durante la messa in onore dei “martiri della resistenza libanese” che il card. Rai ha celebrato a Jbeil.

Egli ha anche precisato che “la revisione del sistema politico libanese e dalla ripartizione di prerogative e funzioni si farà – se questo si mostra indispensabile – dopo la conferma della neutralità del Libano”.

L’affermazione è diretta verso la comunità sciita e gli Hezbollah. Fino ad ora il potere esecutivo nel Paese è stato sempre suddiviso soprattutto fra cristiani e musulmani sunniti, lasciando agli sciiti il potere sul parlamento. Anche la sottolineatura della “neutralità del Libano” è riferita agli sciiti e in particolare ad Hezbollah, che ha fatto della guerra contro Israele una ragione della presenza in Libano e un motivo che giustifica il partito nel possedere – unica milizia – armi e armamenti in proprio. La “neutralità”, a cui il patriarca ha dedicato una pubblicazione in occasione del centenario del Grande Libano, è l’unica via per sopravvivere in un Medio oriente sempre più complesso e pieno di tensioni.

Secondo alcune personalità maronite contattate dall’Orient-Le Jour, una revisione è necessaria, dato l’evidente “fiasco totale” in cui lo Stato libanese è precipitato. Il capo della Chiesa maronita sarebbe disponibile a un “nuovo concordato” fra le comunità libanesi.

Secondo le stesse fonti, la “neutralità” va scelta come pre-condizione, come pure la base degli accordi di Taef (1989), che consacrano la parità fra cristiani e musulmani. Hezbollah e sciiti di Amal, in queste settimane stanno lottando per avere a tutti i costi il ministero delle Finanze, minacciando di non far nascere un nuovo governo e minacciando di volere una democrazia numerica, non basata sul Patto non scritto che ha fatto nascere il Libano. Una democrazia numerica – data la maggioranza della comunità sciita rispetto alle altre comunità – darebbe ad essa un potere permanente, che porterebbe a tensioni ancora maggiori con Israele e Arabia saudita.

A sostegno della popolazione di Beirut e del Libano, in appoggio alla Caritas Libano, AsiaNews ha deciso di lanciare la campagna "In aiuto a Beirut devastata". Coloro che vogliono contribuire possono inviare donazioni a:

- Fondazione PIME - IBAN: IT78C0306909606100000169898 - Codice identificativo istituto (BIC): BCITITMM -

Causale: “AN04 – IN AIUTO A BEIRUT DEVASTATA”

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Covid-19 dà il colpo di grazia: il 55% dei libanesi è sotto la soglia della povertà
20/08/2020 11:02
Domato l’incendio. Aperta un’altra indagine
11/09/2020 10:24
Torna la paura: nuovo incendio nel porto di Beirut (Video)
10/09/2020 15:01
Battiti del cuore sotto le macerie di Beirut
04/09/2020 14:33
Caritas a Beirut: dallo shock alla crisi, l’emergenza continua
02/09/2020 13:17