23 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/03/2004, 00.00

    iraq

    Nell'Iraq dell'occupazione c'è speranza di democrazia



    Roma (AsiaNews) - Gli iracheni sono più felici ora che prima della invasione, sono ottimisti sul futuro del paese e rifiutano la violenza: sono alcuni dei risultati emersi in un'inchiesta commissionata dalla BBC e pubblicata oggi dal sito BBC-online.

    L'inchiesta è stata effettuata nel febbraio 2004 dall'Oxford Research International su 2652 adulti irakeni da 16 aree del paese. Dalle risposte degli intervistati emerge un'immagine dell'Iraq che non appare di solito nei media internazionali, interessati a mostrare sempre gli attacchi contro le forze di occupazione.

    Circa il 70 % afferma che la vita è meglio o abbastanza buona adesso, mentre solo il 29% dice che la vita attuale è brutta. E il 56% dice che le cose vanno meglio ora che prima della guerra. Le prospettive per il futuro sono buone per il 71% degli intervistati e cattive solo per il 6,6%.

    Alla domanda "Qual è il problema più grosso che sta affrontando oggi?", le risposte più consistenti sono la mancanza di sicurezza-stabilità (22,1%) e di lavoro (11,8%); seguono l'aumento dei prezzi (9,5%), la mancanza di elettricità (4,2), di case (4,1%) e di servizi (acqua, strade… 3,7%). I problemi che stanno nelle prime pagine dei giornali, come gli attacchi terroristi, preoccupano solo l'1,8%; gli scontri etnico-religiosi preoccupano lo 0,2%.

    Circa la metà degli intervistati (il 49%) pensa che l'invasione dell'Iraq da parte della coalizione era giusta; il 39% la ritiene sbagliata; il 41,8 % ritiene che l'invasione ha liberato l'Iraq; il 41,2 % che ha umiliato il paese.

    La maggior parte degli irakeni pensa che un governo irakeno e il popolo irakeno deve prendersi cura della sicurezza, della ripresa economica, delle forniture di petrolio, dell'educazione, della ricostruzione delle infrastrutture; che la gente abbia un livello di vita dignitoso. Nello stesso tempo, alla domanda "Quale paese dovrebbe giocare un ruolo nella ricostruzione", si citano anzitutto il Giappone (35,9%), gli Stati Uniti (35,7% ), e la Francia ( 21,6%), di poco superiore alla Gran Bretagna (21,5%).

    A onore dello spirito laico della popolazione irakena si attribuisce alle personalità religiose il compito di garantire che gli ideali religiosi nella società (il 26%), e solo il 18% dice che è compito del governo.

    I capi religiosi però sono quelli di cui la gente si fida di più (il 42,4%); quelli di cui si fida di meno sono le forze di occupazione americane e inglesi (il 42,8%). Ma solo il 17% considera "accettabile" la violenza verso le forze di coalizione; il 78% lo definisce "non accettabile". La quasi totalità (il 96,6%) considera inaccettabili le violenze contro la polizia irakena.

    Sulla fiducia data ai leader politici irakeni vi è un grosso problema per gli Stati Uniti: il leader più coccolato dalla coalizione, Ahmed Chalabi è quello più sfiduciato dall'inchiesta. Saddam Hussein rimane fra i primi 6 leader stimati, sebbene con una piccola percentuale (3,3%). In verità, dalle scarse preferenze raccolte da diverse personalità, si vede come la popolazione irakena stia cercando un leader significativo e forte: il 46,6% considera questa la priorità assoluta per i prossimi 12 mesi.

    La seconda necessità è la democrazia (28%). A questo proposito, la maggioranza preferisce uno stato unico (79%), un sistema democratico (48,5%), con politici democratici (55,3%); solo il 20,5% vuole uno stato islamico e il 13,5% vuole religiosi in politica.

    Sulla presenza delle Forze di Coalizione, il 15,1% vuole che essi vadano via subito; il 35,8% vuole che restino finché non vi è un governo irakeno; il 18,3 finché non vi è sicurezza.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/12/2003 iraq
    "Mi auguro che gli Stati Uniti e i loro alleati non lascino l'Iraq"
    Intervista a Mons. Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad*

    14/02/2005 iraq
    Leader curdo: "i sunniti fanno già parte della vita politica in Iraq"
    Secondo Saywan Barzani, responsabile in Europa del Governo del Kurdistan, "anche loro parteciperanno alla stesura della Costituzione".

    25/02/2004 iraq
    La Chiesa anglicana avvicina sunniti e sciiti


    26/09/2013 ISLAM-CRISTIANESIMO
    La rinascita del terrorismo islamico dopo le primavere arabe
    Cristiani, musulmani moderati, sciiti sono strozzati dalla violenza terrorista in Siria, Egitto, Kenya, Pakistan... Tale fiammata è il segno della profonda crisi dell'islam, che non ha ancora affrontato il discernimento del mondo moderno e preferisce rifugiarsi nell'islam del passato. Il mondo islamico deve riconoscere la connivenza con tale violenza. L'impegno dei cristiani per il dialogo con islam e modernità.

    17/05/2004 iraq
    Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze




    In evidenza

    TURCHIA
    Il golpe fallito e il potere di Erdogan: l’inizio di una tragedia

    NAT da Polis

    Nuove manifestazioni pro-Erdogan a Istanbul e Ankara. L’esile tentativo di rovesciare il regime non era appoggiato dallo Stato maggiore. Aumentano gli arresti e la possibilità di introduzione della pena di morte. La democrazia turca minacciata dal secolarismo kemalista e dall’islamismo fondamentalista.


    CINA
    Cina, autorità contro la Huaqiu Church: minacce ai genitori, figli costretti a disertare la chiesa



    I vertici comunisti hanno promosso una campagna intimidatoria contro la comunità della provincia centrale di Guizhou. L’obiettivo è far aderire i suoi membri alla Three Self-Church, la Chiesa protestante di Stato riconosciuta da Pechino. Chi porta il figlio in chiesa viene denunciato e perseguito per legge.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®