05/02/2008, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Nelle carceri pakistane saranno creati luoghi di culto non islamici

di Qaiser Felix
Il ministro ad interim per i Diritti umani è tornato da una visita nelle galere di tutto il Paese ed ha presentato al governo un progetto di riforma carceraria che prevede la costruzione di luoghi di culto non islamici. Attivisti per i diritti umani applaudono l’iniziativa, ma chiedono una revisione giudiziaria per chi è in carcere per colpa di leggi discriminatorie.
Islamabad (AsiaNews) – Il governo pakistano ad interim ha approvato una riforma del sistema carcerario che prevede la costruzione di luoghi di culto non islamici all’interno delle prigioni nazionali. Lo ha annunciato Ansar Burney, ministro per i Diritti umani, dopo il suo ritorno da una visita nei luoghi di detenzione del Paese. Secondo il politico, manca soltanto il nullaosta del ministero delle Finanze per dare il via alla ristrutturazione.
 
Burney, che dice di essere rimasto “colpito” dalla situazione dei carcerati, aggiunge: “La piena libertà religiosa è un diritto inalienabile di ogni cittadino, sia questo in carcere o fuori. Dobbiamo integrare i membri delle minoranze, e renderli parte reale di questo Paese”.
 
Shahbaz Bhatti - presidente dell’All Pakistan Minorities Alliance, organismo che tutela il rispetto dei diritti delle minoranze etniche e religiose del Paese – commenta ad AsiaNews: “Questa è una notizia ottima: sarebbe molto bello che quanto annunciato venisse messo veramente in pratica, dato che altre volte il governo ha annunciato mosse del genere senza però metterle in pratica”.
 
Secondo Bhatti, tuttavia, Islamabad potrebbe fare uno sforzo in più: “Si dovrebbe permettere ai non musulmani di fare educazione religiosa all’interno delle carceri, così come fanno gli islamici. Il ministero per i Diritti umani, inoltre, dovrebbe condurre una seria indagine su coloro che sono in carcere sulla base di leggi discriminatorie, come la famigerata legge sulla blasfemia, e fare in modo che ne escano il prima possibile”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Lahore, bruciati una fabbrica e luoghi di culto ahmadi per “blasfemia”
23/11/2015
Sindh, 50 radicali musulmani arrestati per le violenze settarie contro gli indù
17/09/2019 08:56
Il governo chiude la moschea Djuma: diventerà un museo di tappeti
05/07/2004
Oltre 50 fedeli Bahai condannati perché parlano della loro fede
30/01/2008
Carcere per i religiosi, ma c'è chi in Occidente pensa più al petrolio
14/05/2007