20/09/2008, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Nepal, maoisti promettono la proprietà privata e confiscano i beni

di Kalpit Parajuli
I maoisti, spalleggiati dal ministro dell’Agricoltura, si appropriano di terreni e case, cacciando con la forza chi trovano e scontrandosi con la polizia. Ora la popolazione scende in piazza a tutela dei diritti dei cittadini.

Kathmandu (AsiaNews) – A dispetto degli slogan di facciata, in cui governo e Assemblea costituente ribadiscono il diritto alla proprietà privata e promettono la restituzione dei beni confiscati durante gli anni della lotta, gruppi maoisti nel Paese continuano a usurpare terreni e proprietà di privati cittadini nepalesi.

Sfidando il diktat imposto da governo e parlamento, il Ministro nepalese per le riforme agrarie Matrika Yadav ha guidato una spedizione di maoisti che voleva riprendere il controllo di numerose case e terreni in un villaggio del distretto di Siraha, nella zona orientale del Paese. I guerriglieri comunisti hanno “ripreso” il controllo delle proprietà, intimando ai senzatetto che avevano trovato rifugio in un centro di accoglienza di ricostruire le loro capanne. Il ministro Yadav ha inoltre minacciato “l’uso della forza” e le “dimissioni dall’esecutivo” nel caso in cui i maoisti vengano cacciati dai terreni da poco riconquistati.

L’intervento della polizia ha dato il via a una serie di scontri con i maoisti, per nulla intenzionati ad abbandonare la zona: a tarda notte le autorità locali hanno imposto il coprifuoco, mentre sul terreno cominciava la conta dei feriti (12 in totale). Alla fine i poliziotti hanno preferito abbandonare, non senza imbarazzo, il terreno per evitare ulteriori scontri con i ribelli, forti dell’appoggio del Ministro dell’agricoltura. “Da una parte avevamo ricevuto l’ordine di mandare via gli occupanti che avevano sottratto illegalmente case e terreni – afferma un ufficiale di polizia – dall’altra avevamo di fronte un ministro della repubblica che incitava le persone a infrangere la legge”.

La nuova ondata di razzie scatenata dai maoisti ha inasprito lo scontro sociale nel Paese, tanto da spingere migliaia di dimostranti a convergere nella capitale per una manifestazione di piazza nella quale si rivendicava il diritto alla proprietà privata e la restituzione dei beni espropriati. Pesanti accuse, infine, vengono lanciate al fronte maoista, accusato di “predicare bene” – con la promesse fatte di restituzione dei terreni – e di “razzolare male”, continuando l’opera di esproprio a danni di privati cittadini.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Cina: si moltiplicano gli espropri di terreni ai danni dei contadini
09/05/2006
Lahore, cristiani protestano: cimiteri sequestrati e venduti all’edilizia
13/04/2018 13:10
Cattolici tamil rientrano nell’isola di Iranaitheevu e pregano per le loro terre
24/04/2018 11:29
Shanghai: prigione e tortura per chi si oppone alla requisizione forzata delle case
08/11/2006