25 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2017, 13.11

    NEPAL

    Nepal del sud, violenze settarie tra indù e musulmani. Centinaia di giovani in fuga

    Christopher Sharma

    Gli scontri sono scaturiti dopo la morte di un indù, punito dai musulmani perché non aveva voluto partecipare alla festa per il compleanno di Maometto. Gli indù temono nuove violenze; i seguaci dell’islam l’arresto per omicidio. Parroco di Kathmandu: “Preghiamo per la pace”.

    Kathmandu (AsiaNews) – Centinaia di giovani e uomini indù e musulmani sono fuggiti da un villaggio del Nepal meridionale e di loro non si sa più nulla. La fuga precipitosa è iniziata il mese scorso, dopo che l’uccisione di un indù nel villaggio di Bidhyanagar ha scatenato un’ondata di violenze tra i fedeli delle due comunità religiose. Gli indù scappano perché il villaggio è a maggioranza islamica e temono di subire nuove aggressioni; i musulmani si sono dati alla macchia per evitare l’arresto della polizia e l‘incriminazione per violenze settarie. P. Ignatius Rai, parroco della cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu, spiega ad AsiaNews: “Tutti i gruppi religiosi sono liberi di professare la propria fede e dobbiamo rispettarci l’un l’altro. Ogni violenza e omicidio in nome della religione sono da condannare”.

    La situazione è precipitata il giorno della festa della nascita di Maometto [che quest’anno si è celebrata il 12 dicembre – ndr], quando Munnalal Yadav, indù, è stato ucciso a bastonate da alcuni musulmani perché “colpevole” di essersi rifiutato di accettare l’invito a prender parte alle celebrazioni.

    L’uomo è stato ucciso e il fratello Tilakram Yadav, 52 anni, è rimasto gravemente ferito. “Io non sono riuscito a fuggire a causa delle ferite – racconta – ma più di 100 uomini sono già scappati. L’intero villaggio vive nella paura di ulteriori vendette e scontri tra indù e musulmani”. Nazima Badhai, 60 anni, aggiunge: “Mio marito e mio figlio sono riusciti a fuggire subito dopo i disordini. Nel villaggio sono rimaste solo le donne con i bambini e alcune persone molto anziane. Noi siamo poveri e malati e non riusciamo a muoverci”. “Se qualcuno dovesse attaccarci – continua con rassegnazione – non sapremmo come difenderci. Speriamo che lo Stato ci protegga”.

    Nel villaggio di Bidhyanagar, nel distretto di Kapilvastu [già in passato scenario di violenze settarie tra le due comunità, ndr], vivono in tutto 124 famiglie, 100 musulmane e 24 indù. Gli scontri hanno provocato diversi feriti e alcuni poliziotti sono stati schierati per riportare l’ordine. Gli agenti hanno arrestato sei persone, ma le indagini sono in stallo a causa della fuga di molti sospettati.

    Nello stesso giorno di festa per il compleanno del profeta, incidenti simili sono avvenuti anche nel villaggio di Matehiya, nel distretto di Banke (nel sud-ovest del Paese), provocando la morte di due persone. Le uccisioni hanno innescato altre violenze e il danneggiamento di case e luoghi di culto. Mentre il figlio dell’indù ucciso a Bidhyanagar chiede giustizia per il padre e “che i musulmani colpevoli siano puniti”, p. Rai invita tutti “a pregare per la pace e la tolleranza”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/11/2004 INDONESIA
    Sulawesi centrali: cecchino uccide autista di minibus


    15/06/2016 15:29:00 INDIA
    Jammu, un musulmano prende a sassate un tempio indù. La polizia impone il coprifuoco

    L’uomo ha dissacrato il tempio di Aap Shamboo, nella zona di Roop Nagar. Egli è instabile di mente e dal 2008 è in cura presso una clinica psichiatrica. La polizia è accorsa sul posto ma un agente ha schiaffeggiato il sacerdote del tempio. La chief minister ha invitato tutti alla calma, tentando di disinnescare la tensione tra le comunità.



    04/03/2010 INDIA
    Conquiste delle donne islamiche possibili anche con il velo
    Alcuni giorni fa in Karnataka la popolazione islamica si è rivoltata dopo la pubblicazione di un articolo contro il velo islamico pubblicato dal quotidiano Kannada Prabha e attribuito alla nota scrittrice Taslima Nasreen. La Nasreen per le sue posizioni liberali nei confronti dell’islam e dalla donna vive da 16 anni in esilio. Il bilancio degli scontri è stato di 2 morti e 50 feriti, portando rabbia e paura nella popolazione di religione indù. Asghar Ali Engineer, musulmano e responsabile del centro Studi sulla società e il secolarismo di Mumbai, descrive agli indiani la battaglia delle donne islamiche per i loro diritti. Egli accusa i giornali indiani di dare una visione distorta della realtà, che impedisce una reale riforma dell’islam.

    21/11/2012 NEPAL
    Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
    I leader denunciano le drammatiche condizioni dei bambini e delle donne minori nel Paese. In un giorno oltre 200 casi di aborto registrati dagli ambulatori. Più di 3 milioni le spose bambine censite in questi anni. L'appello è stato lanciato in occasione della Giornata Internazionale dei bambini, celebrata ieri nella Syambhunath stupa di Kathmandu.

    02/08/2007 INDIA
    Mumbai: ripartono le indagini sulle stragi del ‘93
    L’inchiesta intende accertare i responsabili dei massacri che hanno causato la morte di 900 persone fra il dicembre ’92 e il gennaio ’93, durante gli scontri di piazza fra musulmani e indù. Attivista per i diritti umani chiede che sia fatta “giustizia” verso quanti restano tuttora “impuniti”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®