28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/06/2012, 00.00

    NEPAL

    Nepal patria dell'inquinamento. Tonnellate di rifiuti sul monte Everest

    Kalpit Parajuli

    Una ricerca dell'Università di Yale (Usa) lo colloca fra i Paesi più inquinati del mondo. A Kathmandu oltre il 70% della popolazione non ha accesso all'acqua potabile. Più di metà degli abitanti soffre per malattie respiratorie e cutanee.

    Kathmandu (AsiaNews) - Aria irrespirabile nelle grandi città, fiumi ridotti a fogne a cielo aperto e tonnellate di spazzatura sul monte Everest, fanno del Nepal uno dei Paesi più inquinati dell'Asia e del mondo. E' quanto emerge dell'Environment Performance Index (Epi), sviluppato dalla Yale University (Usa) in collaborazione con la Columbia University  (Usa) e l'International Science Information Network. Tale indice mette in rapporto il tasso di inquinamento con l'efficacia delle politiche statali a favore dell'ecologia. I risultati del 2012 sono stati pubblicati ieri in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente. In esso, il Nepal è fra i Paesi dove l'inquinamento influisce di più sulla salute della popolazione insieme a Cina, Pakistan, India e Bangladesh. 

    Il principale pericolo per i nepalesi non sono le emissioni industriali, ma la crescente urbanizzazione e la deforestazione che ha reso le grandi città un luogo impossibile per vivere. A Kathmandu circa il 70% della popolazione non ha accesso ad acqua potabile. Più del 50% delle falde acquifere è contaminato da liquami e altri elementi inquinanti. L'aria è spesso irrespirabile a per gli scarichi di auto e motoveicoli. Nella capitale più del 50% della popolazione soffre di malattie respiratorie e allergie cutanee a causa di aria e acqua contaminata. Tale situazione si registra in tutte i principali centri abitati del Paese: Biratnagar (Terai, Nepal meridionale), Patan (Lalitpur, Nepal centrale), Pokhara (Gandaki, Nepal occidentale) e Birganj (Narayani, Nepal meridionale).     

    L'inquinamento ambientale non risparmia nemmeno l'Himalaya, la più importante attrazione turistica del Nepal. Ogni anno migliaia di scalatori tentano l'ascesa al monte Everest. Per rendere più accessibile la montagna, il governo nepalese ha abbassato il livello di preparazione tecnica e atletica necessario per l'ascesa, ma anche le regole di tutela ambientale, che hanno trasformato in una discarica la via che conduce al tetto del mondo.

    Per ripulire l'Everest, Dawa Steven Sherpa, direttore  dell'Asian Trekking e Apa Sherpa, scalatore entrato nel guinness dei primati per le sue 21 ascensioni sul tetto del mondo, hanno lanciato nel 2008 le "Eco-Everest Expeditions". L'iniziativa consiste in spedizioni annuali di raccolta dei rifiuti che coinvolgono decine fra alpinisti esperti e popolazione locale. Essa promuove anche l'utilizzo di strumentazioni ecologiche come fornelli a energia solare, batterie a pannelli fotovoltaici e bombole d'ossigeno multiuso. Dal 2008 al 2011 sono state trasportate a valle oltre 13 tonnellate di rifiuti non biodegradabili.  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2010 NEPAL
    Un portatore del Nepal vince la maratona “più alta del mondo” sul monte Everest
    In appena tre ore, 41 minuti e 20 secondi Phurba Tamang taglia il traguardo dell’ottava edizione della Tenzing-Hillary Everest Marathon proprio nella settimana in cui, per la prima volta, cinque telecamere vengono installate sull’Everest per monitorare lo scioglimento dei ghiacci.

    01/12/2005 Thailandia - Giornata mondiale dell'aids
    Thailandia, i malati di Aids "hanno bisogno di essere curati anche nello spirito"

    In occasione di un incontro interreligioso sulle problematiche legate all'Aids i cattolici sottolineano la necessità di cure anche spirituali per gli infetti ed auspicano una società più aperta, unico mezzo per ridare la voglia di vivere. In Thailandia 1.092.327 persone sono infette dal virus dell'Hiv, di cui 50.620 bambini.



    31/08/2006 AMBIENTE
    Banca mondiale in sintonia col Papa: "Il degrado ambientale danneggia i poveri"

    Riuniti a Cape Town per un incontro sull'ecologia, i vertici dell'organizzazione finanziaria riprendono la denuncia di Benedetto XVI ed invitano a guardare al futuro, per uno sviluppo equilibrato ed utile.



    29/09/2008 NEPAL
    Nepal, a salvaguardia dell’ambiente ogni turista pianterà un albero
    Il programma coinvolge tutti e 75 i distretti del Paese; esso intende ridurre gli effetti del cambiamento climatico e tutelarne le bellezze naturali.

    01/12/2004 giornata mondiale dell'aids - india
    Camilliani tra i malati terminali di Aids, "come una madre verso i suoi figli"
    I religiosi del centro Snehadaan considerano "un privilegio" poter servire i malati sieropositivi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®