21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/06/2012
NEPAL
Nepal patria dell'inquinamento. Tonnellate di rifiuti sul monte Everest
di Kalpit Parajuli
Una ricerca dell'Università di Yale (Usa) lo colloca fra i Paesi più inquinati del mondo. A Kathmandu oltre il 70% della popolazione non ha accesso all'acqua potabile. Più di metà degli abitanti soffre per malattie respiratorie e cutanee.

Kathmandu (AsiaNews) - Aria irrespirabile nelle grandi città, fiumi ridotti a fogne a cielo aperto e tonnellate di spazzatura sul monte Everest, fanno del Nepal uno dei Paesi più inquinati dell'Asia e del mondo. E' quanto emerge dell'Environment Performance Index (Epi), sviluppato dalla Yale University (Usa) in collaborazione con la Columbia University  (Usa) e l'International Science Information Network. Tale indice mette in rapporto il tasso di inquinamento con l'efficacia delle politiche statali a favore dell'ecologia. I risultati del 2012 sono stati pubblicati ieri in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente. In esso, il Nepal è fra i Paesi dove l'inquinamento influisce di più sulla salute della popolazione insieme a Cina, Pakistan, India e Bangladesh. 

Il principale pericolo per i nepalesi non sono le emissioni industriali, ma la crescente urbanizzazione e la deforestazione che ha reso le grandi città un luogo impossibile per vivere. A Kathmandu circa il 70% della popolazione non ha accesso ad acqua potabile. Più del 50% delle falde acquifere è contaminato da liquami e altri elementi inquinanti. L'aria è spesso irrespirabile a per gli scarichi di auto e motoveicoli. Nella capitale più del 50% della popolazione soffre di malattie respiratorie e allergie cutanee a causa di aria e acqua contaminata. Tale situazione si registra in tutte i principali centri abitati del Paese: Biratnagar (Terai, Nepal meridionale), Patan (Lalitpur, Nepal centrale), Pokhara (Gandaki, Nepal occidentale) e Birganj (Narayani, Nepal meridionale).     

L'inquinamento ambientale non risparmia nemmeno l'Himalaya, la più importante attrazione turistica del Nepal. Ogni anno migliaia di scalatori tentano l'ascesa al monte Everest. Per rendere più accessibile la montagna, il governo nepalese ha abbassato il livello di preparazione tecnica e atletica necessario per l'ascesa, ma anche le regole di tutela ambientale, che hanno trasformato in una discarica la via che conduce al tetto del mondo.

Per ripulire l'Everest, Dawa Steven Sherpa, direttore  dell'Asian Trekking e Apa Sherpa, scalatore entrato nel guinness dei primati per le sue 21 ascensioni sul tetto del mondo, hanno lanciato nel 2008 le "Eco-Everest Expeditions". L'iniziativa consiste in spedizioni annuali di raccolta dei rifiuti che coinvolgono decine fra alpinisti esperti e popolazione locale. Essa promuove anche l'utilizzo di strumentazioni ecologiche come fornelli a energia solare, batterie a pannelli fotovoltaici e bombole d'ossigeno multiuso. Dal 2008 al 2011 sono state trasportate a valle oltre 13 tonnellate di rifiuti non biodegradabili.  

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/06/2010 NEPAL
Un portatore del Nepal vince la maratona “più alta del mondo” sul monte Everest
di Kalpit Parajuli
01/12/2005 Thailandia - Giornata mondiale dell'aids
Thailandia, i malati di Aids "hanno bisogno di essere curati anche nello spirito"
di Weena Kowitwanij
31/08/2006 AMBIENTE
Banca mondiale in sintonia col Papa: "Il degrado ambientale danneggia i poveri"
29/09/2008 NEPAL
Nepal, a salvaguardia dell’ambiente ogni turista pianterà un albero
di Kalpit Parajuli
04/12/2009 INDIA
Prestito della Banca Mondiale per risanare il Gange

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate