24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2017, 08.51

    ISRAELE - PALESTINA

    Netanyahu chiede il perdono del soldato israeliano condannato per l’omicidio di un palestinese



    A poche ore dalla condanna, il premier israeliano avanza già la richiesta di perdono per il sergente Elor Azari. Egli ha parlato di “giorno duro e doloroso” e conferma il pieno sostegno al militare e alla famiglia. Il presidente israeliano ricorda che ogni azione è al momento “prematura”. La richiesta potrà essere esaminata dopo che i giudici avranno stabilito la pena.

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - A poche ore dalla sentenza, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha chiesto il perdono per il soldato israeliano condannato per omicidio colposo per aver ucciso un giovane assalitore palestinese, a terra e inerme. Il processo a carico del 20enne sergente Elor Azaria sembra destinato a spaccare sempre di più il Paese, con i politici di centro-destra in prima fila nel chiedere l’annullamento della pena.

    Il militare rischia fino a 20 anni di galera; i tre giudici del tribunale militare si sono riservati alcune settimane di tempo prima di pronunciare la pena detentiva.

    Nel pronunciare la sentenza di condanna il presidente della giuria, colonnello Maya Heller, ha sottolineano che non vi erano motivi apparenti a giustificare l’apertura del fuoco contro il giovane palestinese. “Il motivo per cui [Elor] ha sparato - ha sottolineato il giudice - è il fatto che egli riteneva giusto che il terrorista morisse”.

    In un post pubblicato sulla sua pagina Facebook nel tardo pomeriggio di ieri il premier ha parlato di “giorno duro e doloroso per tutti noi, ma prima di tutto per Elor e la sua famiglia”. “Sostengo appieno la richiesta di concedergli il perdono” ha aggiunto Netanyahu, che si dichiara vicino “ai parenti e ai soldati”.

    Fra gli altri membri dell’esecutivo già attivi nel chiedere il perdono vi è il ministro israeliano dell’Istruzione, e rappresentante dell’estrema destra, Naftali Bennett. Per tutto il giorno ieri si sono tenute manifestazioni di solidarietà in diverse piazze del Paese. Secondo un sondaggio il 65% degli israeliani (ebrei) è favorevole alla richiesta del premier e del suo esecutivo.

    Di contro, gli schieramenti di centro-sinistra e l’ex ministro degli Esteri Tzipi Livni rivendicano l’autonomia della magistratura [militare] e affermano che il verdetto va accettato. Questo è il solo modo, avverte, per sanare la ferita sanguinosa che si è aperta all’interno della società.

    Nella vicenda è intervenuto anche il presidente Reuven Rivlin, il quale ha ricordato che ogni commento o azione è al momento “prematura”. Il capo di Stato potrà esaminare l’eventuale richiesta di perdono solo a conclusione dell’iter e la durata della pena.

    Il team di legali a difesa del giovane militare ha già annunciato che ricorrerà in appello contro il verdetto. Soddisfazione, di contro, fra i familiari di Abdul Fatah al-Sharif, il 21enne palestinese ucciso da Elor. Per il padre Yusri egli merita l’ergastolo; lo zio Fathi aggiunge che la decisione di processarlo per omicidio colposo piuttosto che omicidio premeditato - che prevede pene più pesanti - è una “perversione della giustizia della corte”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/03/2017 11:25:00 ISRAELE - PALESTINA
    Uri Avnery: la vicenda del sergente Azaria specchio della frattura nella società israeliana

    Il soldato che ha sparato a un giovane palestinese, ferito e inerme, non mostra pentimento. Il processo pretesto per una protesta contro l’esercito e la struttura dello Stato. L’odio profondo fra aschenaziti e mizrahì. Anche l’esercito non è più garante di unità. Fine dell’occupazione per sanare le fratture. Per gentile concessione di Gush Shalom, traduzione a cura di AsiaNews.

     



    21/02/2017 14:38:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele, 18 mesi al soldato che ha ucciso l’assalitore palestinese a terra e inerme. Peace Now: “Situazione esplosiva”

    Lieve pena detentiva per il sergente Elor Azaria. L’omicidio prevede sino a 20 anni di carcere. Il pm aveva chiesto una condanna fra i tre e i cinque anni. L’udienza si è tenuta presso il ministero della Difesa a Tel Aviv. All’esterno imponenti misure di sicurezza. Attivisti e militanti di destra in piazza contro la condanna. Attivista israeliana: Possibili influenze esterne, atmosfera tossica.



    04/01/2017 14:13:00 ISRAELE - PALESTINA
    Condannato il soldato israeliano che ha sparato a un giovane palestinese, a terra e inerme

    Il tribunale militare ha ritenuto colpevole di omicidio colposo il sergente Elor Azaria. Egli rischia fino a 20 anni di galera; la pena verrà stabilita nelle prossime settimane. In due ore e mezzo i giudici hanno respinto le ragioni della difesa, sostenendo che il 21enne palestinese non costituiva una minaccia.

     



    10/05/2016 08:58:00 ISRAELE - PALESTINA
    Al via il processo contro il soldato israeliano che ha ucciso un palestinese, a terra e inerme

    Il tribunale di Jaffa ha aperto il procedimento contro il 19enne sergente Elor Azaria, alla sbarra per omicidio colposo. La difesa proclama l’innocenza dell’imputato, che avrebbe agito secondo le regole di ingaggio. I giudici invitano le parti al patteggiamento. Entro la settimana l’accusa deve decidere se accogliere o rigettare l’istanza. 



    02/04/2016 09:50:00 ISRAELE - PALESTINA
    Niente carcere per il militare israeliano che ha freddato un palestinese a terra e inerme

    Il soldato che ha ucciso a sangue freddo il 21enne Abdul Fatah al-Sharif affronterà il processo da uomo libero. I giudici hanno deciso per il soggiorno nella base militare di appartenenza. Egli rifiuta di collaborare e non risponde alle domande. Polemica anche sul capo di imputazione, ritenuto troppo lieve. Movimenti di estrema desta in piazza per il suo proscioglimento da ogni accusa.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®