27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2008, 00.00

    INDIA

    New Delhi mostra i muscoli e testa un missile nucleare che puo' colpire Cina e Pakistan



    L’Agni-III ha percorso 3mila chilometri in 13 minuti, ed ha colpito con precisione il suo bersaglio. Ha una capacita’ pari a 300 kilotoni. Per alcuni analisti, si tratta di un avvertimento a Cina e Pakistan.

    Bhubaneswar (AsiaNews/Agenzie) – Il governo indiano ha testato ieri con successo un missile nucleare a media gittata, in grado di colpire l’interno della Cina. E’ il primo esperimento militare di questo tipo, che porta New Delhi nel gruppo di nazioni in grado di attaccare non solo i Paesi vicini con testate atomiche. Lo conferma il ministero della Difesa.

    Sitanshu Kar, portavoce del dicastero, spiega che il missile – nome in codice Agni-III, che in sanscrito significa fuoco – è l’arma atomica in grado di percorrere la distanza più lunga di tutte quelle presenti nell’arsenale indiano, circa tremila chilometri. L’esperimento è stato condotto “per stabilizzare i risultati ed essere sicuri della potenzialità del missile”.

    Il lancio sperimentale è partito da un mezzo corazzato mobile ed ha raggiunto le coste orientali dell’India, inabissandosi nei pressi delle isole Wheeler. Il missile ha una capacità offensiva pari a 300 kilotoni. Nel corso del test, l’arma ha colpito il bersaglio in 13 minuti e 20 secondi, muovendosi ad un massimo di quattromila metri al secondo. Secondo alcuni analisti, il missile fa parte di una strategia di sviluppo militare per mettere l’India al passo di Cina e Pakistan, entrambe dotate di arsenale nucleare. Nel caso di Agni-III, alcuni parlano di un deterrente al nuovo governo di Islamabad, che ha a sua volta sperimentato le proprie capacità missilistiche nel corso dell’anno.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/05/2008 PAKISTAN
    Islamabad risponde a Delhi: testato un nuovo missile nucleare
    L’esercito pakistano conferma le prove dell’Hatf-VIII, missile cruise in grado di montare ordigni nucleari. Due giorni fa, l’India aveva sperimentato un arma balistica con gittata pari a tremila chilometri, in grado di colpire Pakistan e Cina.

    13/07/2012 INDIA
    Dopo il “China killer”, New Delhi lancia un nuovo missile nucleare
    Agni-I ha una gittata di 700 chilometri, sufficiente (in teoria) per raggiungere il Pakistan. Ad aprile, l’India ha testato un missile della stessa famiglia, l’Agni-V, capace di arrivare in Cina grazie a un raggio di 5mila chilometri.

    19/04/2012 INDIA
    New Delhi lancia con successo il missile nucleare “China killer”
    L’Agni-V è partito questa mattina alle 8:05 (ora locale) dall’Orissa e ha raggiunto in 20 minuti l’obiettivo prefissato, un punto al largo dell’Indonesia. Il direttore dei test lo ha definito “perfetto”. Con una gittata di oltre 5mila chilometri, il missile può raggiungere anche Pechino e Shanghai.

    18/04/2012 INDIA
    New Delhi pronta a lanciare un missile nucleare, fino in Cina
    L’Agni-V avrà una gittata di oltre 5mila km e potrà raggiungere tutta l’Asia e alcune parti dell’Europa. Se il lancio andrà a buon fine, l’India diventerà il settimo Paese con missili balistici intercontinentali nel proprio arsenale, insieme a Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Cina, Francia e Israele.

    16/04/2007 INDIA
    Le ambizioni segrete dei missili indiani a gittata intercontinentale
    Fonti scientifiche ufficiali indiane si dicono pronte a realizzare un missile intercontinentale con 5.500 km di gittata, ma si parla anche di un razzo di 15mila km. di raggio. Preoccupata la Cina, vulnerabile al nuovo missile indiano. New Delhi risponde che lavora solo per la propria sicurezza e prosegue le ricerche.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®