4 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
INDIA
Nobel asiatici: l’attivista indiano che lotta per donne e bambine
di Nirmala Carvalho
Kulandei Francis, fondatore e presidente dell’Integrated Village Development Project (Ivdp), ha vinto il premio Magsaysay 2012 nella categoria “guida della comunità”. La sua lotta contro povertà e discriminazione pone le donne al centro, aiutandole a creare micro-imprese per renderle indipendenti da un punto di vista economico e sociale. Fondamentale il suo impegno per fermare feticidi e infanticidi femminili.

Mumbai (AsiaNews) - È un indiano impegnato nel difendere e valorizzare i diritti di donne e bambine uno dei vincitori del Premio Ramon Magsaysay 2012, meglio noto come il "Nobel dell'Asia". Kulandei Francis, fondatore e presidente dell'Integrated Village Development Project (Ivdp), ha accolto la notizia del riconoscimento "con grande stupore", sottolineando che "questo premio non va a me come individuo, ma al mio lavoro e alle persone che hanno reso l'Ivdp un modello di sviluppo". L'attivista ha vinto il premio nella categoria "guida della comunità". La cerimonia di consegna avverrà il prossimo 31 agosto nelle Filippine.

Francis, 66 anni, proviene da una famiglia di umili origini. Egli ha fondato l'Ivdp nel 1979, dopo la laurea alla Annamalai University (Tamil Nadu). In breve tempo l'attività è cresciuta, diventando nota in tutto lo Stato. L'Ivdp si occupa di formare gruppi di sostegno per donne molto povere o del tutto indigenti, aiutandole a creare micro-imprese, depositi bancari, e a conoscere quali sono i loro diritti, affinché possano mantenere le famiglie, anche da sole.

"La povertà - spiega l'attivista ad AsiaNews - è un crimine, che disumanizza e svuota l'essenza stessa di ogni persona. Avendo un effetto ancora più devastante sulle donne, dal 1989 abbiamo deciso di dedicarci in modo esclusivo ad esse. Valorizzare una donna è la chiave per la stabilità, la fiducia in se stessi, la dignità e lo sviluppo non solo della famiglia, ma della società e della nazione intera. Cambiare è possibile se si dà modo alle donne di comprendere la loro forza e il loro valore, ed è così che l'Ivda ha permesso a migliaia di donne del Tamil Nadu di spezzare la catena di povertà di cui erano vittime". Al momento, il progetto sostiene più di 8mila gruppi nei distretti di Krishnagiri, Dharmpuri e Vellore (Tamil Nadu).

Secondo Francis, "l'uguaglianza economica porta all'uguaglianza sociale", e può essere l'unico modo "per cambiare la mentalità patriarcale di questo Paese", che considera la donna subordinata all'uomo. "Grazie alle nostre iniziative - continua - le donne imparano a diventare indipendenti da un punto di vista economico, e così a godere di uno status sociale paritario a quello dei loro compagni. In prospettiva, questo può portare anche a eliminare la terribile pratica del feticidio e dell'infanticidio femminili".

Per il futuro, l'uomo è convinto che "ogni classe sociale dovrebbe sostenere l'educazione delle bambine, affinché la comunità stessa possa trasformarsi. Sradicare la povertà è una responsabilità sociale e non del solo governo. La gente comune deve collaborare per rendere effettivo questo cambiamento". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2007 INDIA
Culle in ogni distretto contro gli aborti di feti femminili
di Nirmala Carvalho
24/01/2012 INDIA
Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
di Nirmala Carvalho
06/06/2012 INDIA
India, aborti forzati al terzo, sesto e ottavo mese: erano tutte bambine
di Nirmala Carvalho
29/01/2015 INDIA
Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
di Santosh Digal

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate