21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
INDIA
Nobel asiatici: l’attivista indiano che lotta per donne e bambine
di Nirmala Carvalho
Kulandei Francis, fondatore e presidente dell’Integrated Village Development Project (Ivdp), ha vinto il premio Magsaysay 2012 nella categoria “guida della comunità”. La sua lotta contro povertà e discriminazione pone le donne al centro, aiutandole a creare micro-imprese per renderle indipendenti da un punto di vista economico e sociale. Fondamentale il suo impegno per fermare feticidi e infanticidi femminili.

Mumbai (AsiaNews) - È un indiano impegnato nel difendere e valorizzare i diritti di donne e bambine uno dei vincitori del Premio Ramon Magsaysay 2012, meglio noto come il "Nobel dell'Asia". Kulandei Francis, fondatore e presidente dell'Integrated Village Development Project (Ivdp), ha accolto la notizia del riconoscimento "con grande stupore", sottolineando che "questo premio non va a me come individuo, ma al mio lavoro e alle persone che hanno reso l'Ivdp un modello di sviluppo". L'attivista ha vinto il premio nella categoria "guida della comunità". La cerimonia di consegna avverrà il prossimo 31 agosto nelle Filippine.

Francis, 66 anni, proviene da una famiglia di umili origini. Egli ha fondato l'Ivdp nel 1979, dopo la laurea alla Annamalai University (Tamil Nadu). In breve tempo l'attività è cresciuta, diventando nota in tutto lo Stato. L'Ivdp si occupa di formare gruppi di sostegno per donne molto povere o del tutto indigenti, aiutandole a creare micro-imprese, depositi bancari, e a conoscere quali sono i loro diritti, affinché possano mantenere le famiglie, anche da sole.

"La povertà - spiega l'attivista ad AsiaNews - è un crimine, che disumanizza e svuota l'essenza stessa di ogni persona. Avendo un effetto ancora più devastante sulle donne, dal 1989 abbiamo deciso di dedicarci in modo esclusivo ad esse. Valorizzare una donna è la chiave per la stabilità, la fiducia in se stessi, la dignità e lo sviluppo non solo della famiglia, ma della società e della nazione intera. Cambiare è possibile se si dà modo alle donne di comprendere la loro forza e il loro valore, ed è così che l'Ivda ha permesso a migliaia di donne del Tamil Nadu di spezzare la catena di povertà di cui erano vittime". Al momento, il progetto sostiene più di 8mila gruppi nei distretti di Krishnagiri, Dharmpuri e Vellore (Tamil Nadu).

Secondo Francis, "l'uguaglianza economica porta all'uguaglianza sociale", e può essere l'unico modo "per cambiare la mentalità patriarcale di questo Paese", che considera la donna subordinata all'uomo. "Grazie alle nostre iniziative - continua - le donne imparano a diventare indipendenti da un punto di vista economico, e così a godere di uno status sociale paritario a quello dei loro compagni. In prospettiva, questo può portare anche a eliminare la terribile pratica del feticidio e dell'infanticidio femminili".

Per il futuro, l'uomo è convinto che "ogni classe sociale dovrebbe sostenere l'educazione delle bambine, affinché la comunità stessa possa trasformarsi. Sradicare la povertà è una responsabilità sociale e non del solo governo. La gente comune deve collaborare per rendere effettivo questo cambiamento". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2007 INDIA
Culle in ogni distretto contro gli aborti di feti femminili
di Nirmala Carvalho
24/01/2012 INDIA
Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
di Nirmala Carvalho
06/06/2012 INDIA
India, aborti forzati al terzo, sesto e ottavo mese: erano tutte bambine
di Nirmala Carvalho
29/01/2015 INDIA
Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
di Santosh Digal

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate