30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
INDIA
Nobel asiatici: l’attivista indiano che lotta per donne e bambine
di Nirmala Carvalho
Kulandei Francis, fondatore e presidente dell’Integrated Village Development Project (Ivdp), ha vinto il premio Magsaysay 2012 nella categoria “guida della comunità”. La sua lotta contro povertà e discriminazione pone le donne al centro, aiutandole a creare micro-imprese per renderle indipendenti da un punto di vista economico e sociale. Fondamentale il suo impegno per fermare feticidi e infanticidi femminili.

Mumbai (AsiaNews) - È un indiano impegnato nel difendere e valorizzare i diritti di donne e bambine uno dei vincitori del Premio Ramon Magsaysay 2012, meglio noto come il "Nobel dell'Asia". Kulandei Francis, fondatore e presidente dell'Integrated Village Development Project (Ivdp), ha accolto la notizia del riconoscimento "con grande stupore", sottolineando che "questo premio non va a me come individuo, ma al mio lavoro e alle persone che hanno reso l'Ivdp un modello di sviluppo". L'attivista ha vinto il premio nella categoria "guida della comunità". La cerimonia di consegna avverrà il prossimo 31 agosto nelle Filippine.

Francis, 66 anni, proviene da una famiglia di umili origini. Egli ha fondato l'Ivdp nel 1979, dopo la laurea alla Annamalai University (Tamil Nadu). In breve tempo l'attività è cresciuta, diventando nota in tutto lo Stato. L'Ivdp si occupa di formare gruppi di sostegno per donne molto povere o del tutto indigenti, aiutandole a creare micro-imprese, depositi bancari, e a conoscere quali sono i loro diritti, affinché possano mantenere le famiglie, anche da sole.

"La povertà - spiega l'attivista ad AsiaNews - è un crimine, che disumanizza e svuota l'essenza stessa di ogni persona. Avendo un effetto ancora più devastante sulle donne, dal 1989 abbiamo deciso di dedicarci in modo esclusivo ad esse. Valorizzare una donna è la chiave per la stabilità, la fiducia in se stessi, la dignità e lo sviluppo non solo della famiglia, ma della società e della nazione intera. Cambiare è possibile se si dà modo alle donne di comprendere la loro forza e il loro valore, ed è così che l'Ivda ha permesso a migliaia di donne del Tamil Nadu di spezzare la catena di povertà di cui erano vittime". Al momento, il progetto sostiene più di 8mila gruppi nei distretti di Krishnagiri, Dharmpuri e Vellore (Tamil Nadu).

Secondo Francis, "l'uguaglianza economica porta all'uguaglianza sociale", e può essere l'unico modo "per cambiare la mentalità patriarcale di questo Paese", che considera la donna subordinata all'uomo. "Grazie alle nostre iniziative - continua - le donne imparano a diventare indipendenti da un punto di vista economico, e così a godere di uno status sociale paritario a quello dei loro compagni. In prospettiva, questo può portare anche a eliminare la terribile pratica del feticidio e dell'infanticidio femminili".

Per il futuro, l'uomo è convinto che "ogni classe sociale dovrebbe sostenere l'educazione delle bambine, affinché la comunità stessa possa trasformarsi. Sradicare la povertà è una responsabilità sociale e non del solo governo. La gente comune deve collaborare per rendere effettivo questo cambiamento". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2007 INDIA
Culle in ogni distretto contro gli aborti di feti femminili
di Nirmala Carvalho
24/01/2012 INDIA
Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
di Nirmala Carvalho
06/06/2012 INDIA
India, aborti forzati al terzo, sesto e ottavo mese: erano tutte bambine
di Nirmala Carvalho
29/01/2015 INDIA
Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
di Santosh Digal

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate