29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/07/2012, 00.00

    INDIA

    Nobel asiatici: l’attivista indiano che lotta per donne e bambine

    Nirmala Carvalho

    Kulandei Francis, fondatore e presidente dell’Integrated Village Development Project (Ivdp), ha vinto il premio Magsaysay 2012 nella categoria “guida della comunità”. La sua lotta contro povertà e discriminazione pone le donne al centro, aiutandole a creare micro-imprese per renderle indipendenti da un punto di vista economico e sociale. Fondamentale il suo impegno per fermare feticidi e infanticidi femminili.

    Mumbai (AsiaNews) - È un indiano impegnato nel difendere e valorizzare i diritti di donne e bambine uno dei vincitori del Premio Ramon Magsaysay 2012, meglio noto come il "Nobel dell'Asia". Kulandei Francis, fondatore e presidente dell'Integrated Village Development Project (Ivdp), ha accolto la notizia del riconoscimento "con grande stupore", sottolineando che "questo premio non va a me come individuo, ma al mio lavoro e alle persone che hanno reso l'Ivdp un modello di sviluppo". L'attivista ha vinto il premio nella categoria "guida della comunità". La cerimonia di consegna avverrà il prossimo 31 agosto nelle Filippine.

    Francis, 66 anni, proviene da una famiglia di umili origini. Egli ha fondato l'Ivdp nel 1979, dopo la laurea alla Annamalai University (Tamil Nadu). In breve tempo l'attività è cresciuta, diventando nota in tutto lo Stato. L'Ivdp si occupa di formare gruppi di sostegno per donne molto povere o del tutto indigenti, aiutandole a creare micro-imprese, depositi bancari, e a conoscere quali sono i loro diritti, affinché possano mantenere le famiglie, anche da sole.

    "La povertà - spiega l'attivista ad AsiaNews - è un crimine, che disumanizza e svuota l'essenza stessa di ogni persona. Avendo un effetto ancora più devastante sulle donne, dal 1989 abbiamo deciso di dedicarci in modo esclusivo ad esse. Valorizzare una donna è la chiave per la stabilità, la fiducia in se stessi, la dignità e lo sviluppo non solo della famiglia, ma della società e della nazione intera. Cambiare è possibile se si dà modo alle donne di comprendere la loro forza e il loro valore, ed è così che l'Ivda ha permesso a migliaia di donne del Tamil Nadu di spezzare la catena di povertà di cui erano vittime". Al momento, il progetto sostiene più di 8mila gruppi nei distretti di Krishnagiri, Dharmpuri e Vellore (Tamil Nadu).

    Secondo Francis, "l'uguaglianza economica porta all'uguaglianza sociale", e può essere l'unico modo "per cambiare la mentalità patriarcale di questo Paese", che considera la donna subordinata all'uomo. "Grazie alle nostre iniziative - continua - le donne imparano a diventare indipendenti da un punto di vista economico, e così a godere di uno status sociale paritario a quello dei loro compagni. In prospettiva, questo può portare anche a eliminare la terribile pratica del feticidio e dell'infanticidio femminili".

    Per il futuro, l'uomo è convinto che "ogni classe sociale dovrebbe sostenere l'educazione delle bambine, affinché la comunità stessa possa trasformarsi. Sradicare la povertà è una responsabilità sociale e non del solo governo. La gente comune deve collaborare per rendere effettivo questo cambiamento". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/02/2007 INDIA
    Culle in ogni distretto contro gli aborti di feti femminili
    Il governo centrale lancia lo “schema delle culle” per incentivare i genitori a non abortire le figlie femmine e piuttosto darle in affidamento allo Stato. Nell’Unione il rapporto femmina/maschio è “allarmante”: a Delhi raggiunge 821/1000, contro 954/1000 della media mondiale. Soddisfatto l’arcivescovo di Mumbai, che vede nell’iniziativa “un proseguimento del lavoro della Chiesa a favore della vita”.

    24/01/2012 INDIA
    Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
    Una bambina su 13 non sopravvive oltre i 6 anni di età. Per un membro della Pontificia accademia per la vita “il problema della discriminazione di genere è ancora legato a fattori socioculturali”. Le campagne e i programmi della Chiesa cattolica, “per proteggere e valorizzare la bambina”.

    06/06/2012 INDIA
    India, aborti forzati al terzo, sesto e ottavo mese: erano tutte bambine
    Sono tutti accaduti nel distretto di Beed (Maharashtra). Arrestati tre medici. Una delle madri ha 17 anni. Muore una donna di 28 anni per complicazioni legate all’intervento. Medico della Pontificia accademia per la vita denuncia: “Gli aborti selettivi femminili sono in crescita, anche nelle città”.

    29/01/2015 INDIA
    Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
    La Corte suprema vieta a Google, Yahoo e Microsoft di pubblicizzare i test per la determinazione del sesso del feto. Il Primo ministro lancia due nuovi programmi per favorire l'istruzione e l'emancipazione delle bambine. Presidente dell'Ufficio per le donne della Conferenza episcopale dell'India (Cbci) ad AsiaNews: "La società indiana è maschilista, necessario aiutare tutte le donne ad avere coscienza di sé e a emanciparsi".

    04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
    Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
    Provengono da Thailandia, India, Filippine, Myanmar e Cina i vincitori dell’edizione 2009 del Premio Ramon Magsaysay, dedicato alla memoria dell’ex presidente filippino. Essi sono “veri eroi asiatici” perché non cedono davanti a “pressioni e avversità”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®