04/08/2009, 00.00
FILIPPINE – ASIA
Invia ad un amico

Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani

di Santosh Digal
Provengono da Thailandia, India, Filippine, Myanmar e Cina i vincitori dell’edizione 2009 del Premio Ramon Magsaysay, dedicato alla memoria dell’ex presidente filippino. Essi sono “veri eroi asiatici” perché non cedono davanti a “pressioni e avversità”.
Manila (AsiaNews) – Sei personalità di primo piano provenienti da Thailandia, India, Filippine, Myanmar e Cina (2) riceveranno il prossimo 31 agosto il Premio Ramon Magsaysay 2009, meglio conosciuto come il "Nobel dell’Asia". Ieri il comitato direttivo del Ramon Magsaysay Award Foundation (Rmaf) ha annunciato i vincitori, sottolineando che essi “esemplificano la grandezza di spirito e la leadership” in una società in continuo cambiamento e rappresentano “una differenza in positivo” per i Paesi di provenienza.
Sei le categorie nelle quali è suddiviso il premio: incarichi di governo; servizio pubblico; guida della comunità; giornalismo, letteratura e arti comunicative; pace e cooperazione internazionale; giovani emergenti. Per l’edizione 2009 i premi andranno ai seguenti vincitori:
Krisana Kraisintu, dalla Thailandia, per aver messo a disposizione dei pazienti “il suo rigore nel campo farmaceutico” attraverso un lavoro “instancabile dedito alla produzione di medicine generiche molto richieste in Thailandia e in tutti i Paesi in via di sviluppo”.
 
Deep Joshi, dall’India, per aver portato “professionalità nel mondo delle organizzazioni non governative indiane”, unendo “cuore e cervello nel processo di trasformazione delle società rurali”.
 
Yu Xiaogang, cinese (nella foto), premiato perchè ha saputo unire “le conoscenze relative alla scienza sociale, insieme a un profondo senso di giustizia sociale”, assistendo le popolazioni affette dai progetti di costruzione di dighe in Cina, modellando “il loro impatto sull’ambiente e sulla vita delle persone”.  
 
Una seconda personalità proveniente dalla Cina, Ma Jun, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per aver sfruttato “il potere della tecnologia e della conoscenza per risolvere la crisi idrica” e aver promosso sforzi comuni “per assicurare benefici all’ambiente e alla società cinese”.
 
Antonio Oposa Jr., dalle Filippine, per “l’appassionante crociata” in cui ha trascinato i propri concittadini a difesa dell’ambiente “per loro stessi, i figli e le generazioni future”.
 
Infine il birmano di etnia Karen Ka Hsaw Wa, per la sua lotta “non violenta” a difesa di “diritti umani, ambiente e democrazia in Myanmar”.
 
Ramon Magsaysay (1907-1957) è stat il terzo presidente delle Filippine dalla fine della Seconda Guerra mondiale, la sua vita e il suo esempio hanno esercitato un notevole influsso in patria e all’estero. Il premio dedicato alla sua memoria è stato ideato nel 1958, a un anno dalla scomparsa; ad oggi 277 personalità del continente hanno ricevuto quello che è stato ribattezzato il Nobel dell’Asia.
 
Carmencita T. Abella, presidente Rmaf, afferma che i vincitori dell’edizione 2009 “sono dei veri eroi asiatici” perché hanno messo a disposizione “dei bisognosi le loro conoscenze e capacità”. “Essi – prosegue – promuovono la collaborazione e cercano il consenso in ogni ambito. Rifiutano di cedere sotto il peso delle pressioni e delle avversità”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nobel asiatici 2012, un riconoscimento allo sviluppo sostenibile
26/07/2012
Jovito Salonga insignito del “Nobel asiatico”
01/08/2007
Assegnati a Manila i premi Magsaysay, i ‘Nobel dell’Asia’
05/08/2019 12:25
“Premio Nobel” asiatico, i vincitori dell’edizione 2008
01/08/2008
Assegnati i premi Magsaysay: i vincitori 'hanno migliorato le società dell’Asia’
27/07/2018 11:21