20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/10/2008, 00.00

    KUWAIT

    Non indossano il velo, due donne ministro kuwaitiane rischiano di essere “dimesse”



    Un comitato parlamentare ha deciso che il loro abbigliamento senza hijab viola la Costituzione e la legge elettorale. Il caso ora viene sottoposto al voto dei deputati.
    Kuwait City (AsiaNews/Agenzie) – Rischiano di essere allontanate dal governo le uniche due donne che fanno parte dell’esecutivo kuwaitiano. Il Comitato parlamentare legale ha deciso che la loro presenza viola Costituzione e leggi, in quanto non indossano l’hijab, il velo islamico. La presa di posizione del Comitato sarà ora sottoposta al voto dei 50 deputati che compongono il Parlamento.
     
    La Camera kuwaitiana è dominata dai conservatori, che nel Comitato avevano quattro dei sette componenti. Ma a votare contro le due donne sono stati anche i tre “liberali”. “Il Comitato ha deciso all’unanimità – ha infatti dichiarato il deputato Ali al-Hajeri, portavoce del Comitato – che la nomina dei due ministri ha violato l’articolo 82 della Costituzione e l’articolo uno della legge elettorale per aver mancato di attenersi alle regole islamiche”.
     
    Le due donne sotto accusa (nella foto, in una seduta parlamentare) sono il ministro dell’educazione Nuriya al-Sebih e quella per lo sviluppo amministrativo Mudhi al-Humoud. Nominate dopo le elezioni del 17 maggio, e due donne hanno suscitato da subito la reazione negativa dei conservatori. Alla sua prima sessione, il primo giugno, il Parlamento approvò di portare il caso al Comitato, che ora ha deciso. Quello stesso giorno, al momento del giuramento, nove deputati uscirono dal’aula, in segno di protesta contro l’abbigliamento “non islamico” delle due donne.
     
    Della vicenda, non ha fatto cenno l’emiro Sheikh Sabah Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, che oggi ha inaugurato la seconda sessione parlamentare.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2009 KUWAIT
    Le donne del Kuwait possono viaggiare col passaporto anche senza il permesso dei mariti
    Lo ha deciso la Corte costituzionale. “Nel 21° secolo non si può controllare la propria moglie”. Secondo la parlamentare donna Aseel Al Awadi, l’emendamento aiuta “il processo democratico in Kuwait”.

    13/10/2009 KUWAIT
    Parlamentare kuwaitiana: abolire il riferimento alla sharia nella legge elettorale
    Rula Dashti, che non indossa l’hijab, contesta l’obbligo posto alle donne che vogliono esercitare i loro diritti politici a portare il velo islamico. La questione dell’abbigliamento delle donne musulmane ha suscitato negli ultimi giorni opposte fatwa di studiosi musulmani.

    29/10/2016 09:22:00 ISLAM
    Il velo islamico e la politica, il difficile cammino di affermazione della donna nell’islam

    Imam estremisti e leader radicali attaccano un intellettuale egiziano secondo cui il velo non è obbligatorio. Secondo i critici sono affermazioni contrarie al Corano, che fomentano “indecenza e sedizione”. In tv uno scontro sul velo sfocia in una rissa. Intellettuali e accademici chiedono un ruolo maggiore in politica e nelle istituzioni per la donna nei Paesi arabi.



    22/01/2004 indonesia
    Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese


    30/04/2010 KIRGHIZISTAN
    A Bishkek tornano l’integrismo e il velo islamico
    Nel Paese (80% di musulmani) si riaffermano precetti islamici rigidi, come l’obbligo per le donne di portare l’hjiab. Molti datori di lavoro lo proibiscono e si diffonde la polemica. Esperti si chiedono come questo modificherà la società kirghiza.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®