24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2008, 00.00

    IRAN

    Non si attendono sorprese dal voto di domani in Iran



    Impossibile un successo dei riformisti, i candidati dei quali non sono stati ammessi in 130 delle 200 circoscrizioni elettorali e contro i quali è sceso in campo anche la Guida suprema. Il risultato comunque non è un test della popolarità di Ahmadinejad.
    Teheran (AsiaNews) – E’ scontato il risultato delle elezioni politiche di domani in Iran, e non tanto per l’atteggiamento politico dei 44 milioni di votanti, quanto perché, anche volendo, gli oppositori di Ahmadinejad non hanno candidati da scegliere. Il sistema elettorale prevede infatti che coloro che vogliono presentarsi alle elezioni abbiano il placet del Consiglio dei guardiani, organismo controllato dai conservatori. E la “scrematura” operata dal Consiglio ha fatto sì che candidati riformisti siano presenti solo in 70 dei 200 distretti elettorali. Tra i bocciati, quattro ex ministri ed una trentina di altri ex esponenti dei governi riformisti.
     
    Ciò ha provocato profonda delusione soprattutto tra i giovani, che rappresentano la maggioranza della popolazione. Un recente sondaggio (http://www.asianews.it/index.php?l=it&art=11736&geo=22&size=A) ha mostrato che in molti giudicano “inutile” il voto.
     
    Come se non bastasse, i media statali hanno stretto d’assedio gli esponenti più in vista dell’opposizione, con la Guida suprema, Ali Khamenei, sceso personalmente in campo per invitare a non votare “coloro che il nemico vuole vedere eletti”. Il riferimento, abbastanza trasparente è all’ex presidente Mohammad Khatami, definito “traditore”, in quanto accusato di aver parlato della questione nucleare con l'ambasciatore tedesco a Teheran, ed al portavoce dei riformisti, Nureddin Pir-Moazzen, reo di aver parlato addirittura ad una Tv americana per negare validità alle elezioni.
     
    Anche se, dunque, i risultai appaiono scontati, numerosi analisti ritengono che essi non vadano visti come un test sulla popolarità di Ahmadinajad. E ciò per vari motivi, a partire dal fatto che il partito che fa diretto riferimento al presidente, il “Dolce profumo di servire”, a differenza delle municipali del 2006 – quando accusò una pesante battuta d’arresto - questa volta non si presenta da solo, ma è confluito nel conservatore “Fronte unito dei difensori dei principi”.
     
    Il vero test saranno le presidenziali dell’anno prossimo. A faore di Ahmadinejad giocherà soprattutto il voto della provincia. Contro ci sarà l’inflazione, arrivata al 20% e che colpisce le classi più povere. Quelle che nel 2005 lo avevano eletto.
     
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/01/2004 iran
    Il Consiglio dei Guardiani boccia la legge di riforma elettorale


    27/01/2004 iran
    Parlamento – Consiglio dei Guardiani: compromesso in vista
    Intervista ad Ali Salami, caporedattore del Tehran Times

    09/06/2006 iran
    Teheran verso il voto per l'assemblea degli "Esperti", la vera sede del potere

    Sono coloro che eleggono, consigliano e controllano la Guida Suprema, l'uomo che ha l'ultima parola su tutte le decisioni politiche, religiose e strategiche.



    16/02/2004 iran
    Sconfitta elettorale annunciata per i riformisti


    10/01/2017 13:56:00 IRAN
    Teheran a lutto per i funerali di Rafsanjani

    Decine di migliaia di persone e tutti i leader del Paese hanno preso parte, oggi, alla cerimonia funebre. E’ stato definito “lo squalo” e “il pragmatico”: braccio destro  dell’ayatollah Khomeini, è stato presidente della Repubblica dal 1989 al 1997. Padre  dell'alleanza tra moderati e riformisti che ha portato alla vittoria Rouhany, è scomparso a pochi mesi dalle prossime difficili elezioni presidenziali.

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®