25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2013, 00.00

    NEPAL

    Non solo India: il Nepal impotente davanti all’aumento delle violenze contro le donne

    Kalpit Parajuli

    I dati relativi al 2012 sono terribili: il 64 % delle donne nepalesi ha subito violenza domestica o collegata al genere sessuale. E il 71 % delle donne fra i 26 e i 35 anni di età è considerato a rischio di violenza. Per i sociologi la causa primaria è la povertà, mentre un’attivista dice: “Non festeggiamo Capodanno. Piangiamo le nostre vittime”.

    Kathmandu (AsiaNews) - Mentre le nazioni asiatiche festeggiavano con grande calore il nuovo anno, le statistiche relative alla violenza sulle donne tratteggiano una situazione terribile non solo per l'India, ma anche per il Nepal. Secondo i dati presentati alla fine dell'anno, infatti, nel corso del solo dicembre 2012 si sono verificati più di 47 terribili crimini di tipo sessuale.

    A questi dati vanno aggiunti quelli relativi all'intero anno. Secondo alcuni rapporti del governo, il 64 % delle donne nepalesi hanno subito violenze domestiche nel 2012. Di queste, il 16 % ha subito violenze sociali e il 7 % è stato violentato. Nel campo delle violenze sessuali, il 59 % dei casi è avvenuto in casa e addirittura l'8 % dei casi configura un incesto. Il 71 % delle donne fra i 26 e i 35 anni di età è considerato a rischio di violenza.

    Scendendo nei particolari si incontrano situazioni estreme. Shiva Hasami, 16enne del distretto di Bardia, è stata bruciata viva il 12 dicembre; Bindu Thakur, 18enne di Bara, ha subito la stessa sorte il 26 del mese; Mankala Badi, di Dailekh, è stata data alle fiamme dal marito ma per fortuna è sopravvissuta, seppur con ferite gravissime.

    Il Paese è stato sconvolto soprattutto dal caso di Sita Rai, una donna rientrata in patria dopo 2 anni di lavoro in Arabia Saudita. Appena atterrata a Kathmandu è stata rapita e stuprata da un funzionario di polizia in servizio all'aeroporto. Il primo ministro Baburam Bhattarai ha espresso la "profonda vergogna" del governo per queste violenze e ha annunciato inchieste approfondite.

    Secondo i sociologi la povertà è la causa primaria dell'aumento delle violenze. Krishna Bhattachan spiega: "Se analizziamo i casi di morte o di roghi in famiglia vediamo che la causa primaria è la povertà. Nella zona di Terai, quando nasce una bambina, i genitori sono preoccupati: servono molti soldi per sposare una figlia femmina. E quelli che non se lo possono permettere scelgono la violenza e uccidono le proprie figlie".

    Renu Baj Bandhari, attivista per i diritti delle donne, denuncia: "La violenza sessuale e di genere è in aumento in Nepal, e noi non ci sentiamo sicure. La nostra protesta continuerà fino a che i colpevoli di questi atti non saranno assicurati alla giustizia e non verrà garantita la sicurezza delle donne. Quest'anno non celebriamo il Capodanno, ma piangiamo tutte coloro che sono morte vittime di queste violenze".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/10/2015 CINA
    Cina: donne disabili tenute in una porcilaia e vendute come “mogli” ai contadini del nord
    La polizia ha scoperto il traffico di esseri umani compiuto da un gruppo composto da dieci persone, tutti arrestati. Le ragazze, con problemi mentali, venivano comprate dalle famiglie per 400 euro e rivendute a circa 14mila euro a contadini del nord del Paese. Questi “le usavano soltanto per fare figli”. La politica del figlio unico ha creato uno sbilanciamento sociale terribile: ogni 118 maschi nascono solo 100 femmine.

    10/07/2015 PAKISTAN
    Pakistan: il “crimine” di essere donne e non musulmane
    L’Ong cristiana Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) ha organizzato un seminario sulla violenza contro le donne. Nel 2014 solo nel Punjab si sono consumati più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo.

    11/07/2017 14:05:00 IRAN
    Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio

    Si oppongono al divieto nonostante le multe e i sequestri. Acceso dibattito sullo spazio “privato” o “pubblico” dell’auto. Per il vicecapo della magistratura solo le parti invisibili dell’auto, come il bagagliaio, sono private. Nonostante le restrizioni, le donne sono parte attiva della società.



    14/12/2006 INDIA
    La Chiesa cattolica contro la discriminazione sessuale in India
    Nel Paese ogni 7 minuti una donna muore per ragioni collegate alla gravidanza. Ogni anno milioni di feticidi femminili. Mons. Fernandes invita a dare un aiuto concreto contro ogni discriminazione sessuale.

    09/09/2015 INDIA – NEPAL
    India, mandato di arresto per un diplomatico saudita: abusava di donne nepalesi
    Le violenze si sono protratte per cinque mesi. Le vittime adescate con la promessa di un buon lavoro. Condotte anche nella giungla indiana per strane pratiche sessuali e abusi di gruppo. Una vittima racconta di decine di donne trafficate, con ogni probabilità vendute in Arabia saudita.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®