Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/06/2012, 00.00

    TIBET – CINA – INDIA - ITALIA

    Non solo Milano: “Il Dalai Lama è oramai un apolide in tutto il mondo”



    Una fonte tibetana commenta per AsiaNews la decisione di revocare la cittadinanza onoraria del capoluogo lombardo al leader buddista: “Una scelta che non stupisce nessuno, ormai la Cina può imporre la propria volontà praticamente a chiunque”. Pechino aveva minacciato di boicottare l’Expo 2015 e ha ottenuto la marcia indietro di Palazzo Marino. Pressioni anche dall’India, che non vuole avere problemi per la questione tibetana.

    Roma (AsiaNews) - "La cosa che dispiace di più è che il Dalai Lama, un uomo di pace, è divenuto di fatto un apolide. Tutto il mondo gli fa grandi sorrisi, ma all'atto pratico nessuno è disposto ad aiutarlo. Tanto più adesso che la Cina è divenuta una potenza economica di primo piano e può imporre la propria volontà al mondo". A parlare è una fonte di AsiaNews in Tibet, anonima per motivi di sicurezza, secondo la quale la decisione di Milano di non concedere la cittadinanza al Nobel per la Pace "non è una novità per nessuno".

    Il sindaco del capoluogo lombardo, Giuliano Pisapia, ha confermato ieri che la decisione di rendere il Dalai Lama cittadino milanese è stata revocata. Il consiglio comunale ha votato la mozione con 15 voti favorevoli, 12 contrari e tre astenuti - fra cui proprio Pisapia - e ha dichiarato che "una riflessione del consiglio comunale, con una manifestazione particolare in omaggio al Dalai Lama, è la soluzione più convincente e ragionevole".

    Secondo diverse fonti, la marcia indietro è stata imposta dalle autorità cinesi in Italia che hanno minacciato di boicottare l'Expo di Milano previsto per il 2015. Il console cinese si è recato a Palazzo Marino - sede dell'esecutivo milanese - due giorni fa; inoltre, diversi consiglieri comunali confermano di aver ricevuto segnali in questo senso da parte di industriali e membri della comunità cinese in Lombardia.

    Per il governo cinese, il Dalai Lama è un pericoloso secessionista e "un lupo vestito da monaco" che cerca l'indipendenza del Tibet. Da parte sua, il leader del buddismo tibetano non chiede più l'indipendenza da decenni ma insiste affinché il regime di Pechino conceda autonomia religiosa e culturale all'etnia tibetana rimasta nella regione. Per evitare problemi, la Cina fa continue pressioni in tutto il mondo per ridurlo al silenzio.

    La fonte di AsiaNews commenta: "La decisione di Milano non stupisce nessuno. Quando il nostro leader si reca in visita in tutto il mondo riceve sempre grandi sorrisi e l'attenzione della stampa, ma nessuno fino a oggi ha avuto il coraggio di impegnarsi in prima persona per una risoluzione della questione tibetana. Il Dalai Lama ha molti amici, ma nessuno di loro sembra essere molto coraggioso. Noi speravamo tanto anche in Giovanni Paolo II, che è stato un grande Papa e un buon amico del leader buddista, ma la situazione non si è mai sbloccata".

    Alle pressioni cinesi si aggiungono quelle dell'India, altra grande potenza economica mondiale. Una fonte in Italia racconta infatti ad AsiaNews che alcuni funzionari dell'ambasciata di Delhi a Roma hanno chiesto di "non commentare in alcun modo" la decisione del sindaco di Milano riguardo al Dalai Lama. La maggior parte della diaspora tibetana vive in India, a Dharamsala, insieme al leader buddista; sempre in India ha sede il governo tibetano in esilio.

    Il governo di Delhi ha fornito negli ultimi 6 decenni un grande sostegno alla causa del Tibet e ha difeso i leader tibetani dalle pressioni e dalle minacce di Pechino. Negli ultimi anni, tuttavia, questo sostegno ha iniziato a vacillare e in India si sono aperte polemiche sulla presenza della diaspora e del loro esecutivo sul suolo indiano.

    Secondo diversi esperti della questione, anche la posizione dei politici tibetani presenta diverse lacune. La diaspora vive infatti grazie alle generose donazioni dei fedeli buddisti sparsi per il mondo: questo denaro viene gestito dall'esecutivo in esilio che, se la questione tibetana venisse risolta, sarebbe subito dopo sciolto.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2013 TIBET - CINA
    Giovane padre tibetano si dà fuoco per chiedere la fine della repressione cinese
    Konchon Tseten, 30 anni, ha bruciato per più di un'ora prima di essere portato via dalla polizia: ignote le sue attuali condizioni. La folla cerca di difenderlo e scattano gli arresti: fermati anche la moglie e i parenti della vittima. Si tratta della 124ma auto-immolazione dall'inizio delle proteste.

    04/07/2015 TIBET
    I tibetani di tutto il mondo in festa per l’80mo compleanno del Dalai Lama
    Il leader buddista è nato il 6 luglio, ma secondo il calendario tradizionale è stato festeggiato a fine giugno. Presenti le massime autorità politiche dell’Arunachal Pradesh, del governo tibetano in esilio e delle quattro tradizioni del buddhismo tibetano. Al Dalai Lama è stata donata una statua di Buddha e il tradizionale Mandala. Tenzin Gyatso: “Abbiate a cuore la felicità degli altri. In questo modo aiuterete chiunque”.

    18/01/2008 INDIA – TIBET – CINA
    I monaci tibetani “suicidi”, vittime della repressione pre-Olimpiadi
    Urgen Tenzin, direttore del Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia, spiega ad AsiaNews che la morte di Gyaltsen Tsepa Lobsang e Yangpa Locho è piena di particolari misteriosi, e rientra in un accresciuta campagna di repressione attuata da Pechino in vista delle Olimpiadi.

    03/03/2010 CINA – TIBET
    Pechino, il falso Panchen Lama entra nel governo
    I tibetani in esilio puntano il dito contro il “pupazzo di Pechino”, che tuttavia “si dimostra sempre meno obbediente ai suoi padroni. È un tibetano, e il suo cuore prima o poi spezzerà le catene cinesi”. Oggi l’esordio del finto numero due del buddismo tibetano nella politica.

    12/11/2013 TIBET - CINA
    Tibet, sopravvissuto il giovane monaco che si è dato fuoco per la libertà
    Tsering Gyal, 20 anni, è stato trasferito all'ospedale provinciale di Siling per la gravità delle sue ustioni. Circa 200 persone hanno chiesto di potergli fare visita: il governo ha negato il permesso ma, spaventato dalla folla, ha consentito a due familiari del monaco di accompagnarlo nella nuova struttura di cura.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Sergei Chapnin: La Chiesa russo-ortodossa nel 2016. L’incomprensione e la sfiducia del popolo. Terza parte

    Sergei Chapnin

    L’attento analista russo mostra alcune contraddizioni in cui vive il Patriarcato, incapace a suo dire di comprendere la situazione dei poveri e della società russa. Un altro problema: la tradizionale “sinodalità” ha lasciato il posto a una gestione verticistica.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®