20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/12/2004, 00.00

    COREA DEL NORD

    Nord Corea, dissidenti politici rischiano la pena di morte



    Il regime attua un inasprimento delle pene per i crimini di Stato perchè sono in aumento i ribelli.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Nel tentativo di contrastare l'aumento dei dissidenti politici, la Corea del Nord inasprisce il codice criminale e impone perfino la pena di morte per i crimini di Stato. Lo hanno riferito fonti dei servizi segreti sudcoreani.

    L'inasprimento delle pene, introdotte in aprile, prevede l'ergastolo o l'esecuzione capitale per chi partecipa a rivolte armate contro il regime. In precedenza chi prendeva parte ad una manifestazione di rivolta era condannato a 10 anni di lavori forzati.

    Secondo analisti a Seoul, l'aumento di chi ha il coraggio di ribellarsi e il conseguente inasprimento delle pene sarebbero legati alle riforme economiche introdotte negli ultimi 2 anni in Corea del Nord. La graduale eliminazione del sistema delle razioni alimentari e l'introduzione dei prezzi di mercato hanno costretto milioni di nordcoreani a sopravvivere con difficoltà, senza l'assistenza statale alla qual erano abituati. Questo, secondo gli analisti, ha provocato nella gente un "ripensamento" del ruolo dello Stato, "riducendo" la fedeltà verso il partito comunista.

    A causa delle riforme economiche, è in aumento anche il numero di nordcoreani che sconfinano in Cina alla ricerca di cibo. Riconoscendo questo dato, il governo ha diminuito da 3 a 2 anni la pena per chi lascia il paese per "motivi economici", mentre i profughi accusati di tradire la patria andando all'estero per "ragioni politiche", rischiano più di 5 anni di detenzione.

    L'inasprimento delle pene per i crimini di Stato è l'ultima delle voci che giungono da Pyongyang e che fanno intuire probabili incertezze e instabilità politiche nel paese. Molti testimoni riferiscono di un re-styling nel culto della personalità di Kim Jong Il. I media di Stato hanno eliminato titoli retorici; nei luoghi pubblici frequentati da stranieri non si vedono più i ritratti del "caro leader" e chi viaggia verso la Cina ha smesso di indossare il distintivo raffigurante Kim Jong Il.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/05/2009 COREA DEL NORD
    Pyongyang: esecuzione capitale di tre uomini per “cattiva amministrazione”
    Un comandante dell’esercito ucciso per aver sottratto 1,8 milioni di dollari a un uomo d’affari cinese, vicino alla famiglia di Kim Jong-il. L’esecuzione è avvenuta davanti a 170mila persone. Due funzionari ministeriali uccisi per aver eseguito un comando – sbagliato – del “Caro leader”.

    11/07/2009 COREA
    Hanawon, crocevia di drammi e speranze per i profughi nord-coreani
    Per la prima volta in dieci anni apre le porte il centro di accoglienza sud-coreano. Dal 1999 a oggi ha ospitato più di 14mila dissidenti del Nord. Al suo interno, corsi trimestrali per superare i traumi della dittatura comunista e imparare le regole per “sopravvivere” nel Sud. La storia di una rifugiata.

    25/07/2009 COREA
    Pyongyang: esecuzione pubblica per una cristiana, distribuiva Bibbie
    Attivisti sud-coreani per i diritti umani affermano che la donna è stata giustiziata perché "distribuiva copie della Bibbia" ed era "una spia" di Seoul e Washington. I genitori, il marito e i figli sono stati rinchiusi in un campo per prigionieri politici. Il regime nord-coreano dichiara “guerra contro le religioni”.

    04/01/2008 COREA DEL NORD
    Giustiziato "eroe del lavoro", aveva avviato un’attività agricola privata
    La denuncia è del gruppo umanitario sudcoreano, Good Friends: l’uomo era a capo di una cooperativa agricola, ma aveva provato a far fruttare parte dei terreni per uso personale. Accusato di “tradimento”, è stato fucilato insieme a due colleghi e le loro famiglie internate in campi di lavoro.

    20/01/2009 COREA
    Venti di guerra in Corea. Pyongyang annuncia battaglia per i confini
    Il regime comunista del nord non esclude azioni militari presso la frontiera marina a ovest della penisola. La propaganda governativa parla di “capitolo storico nell’unificazione del popolo” e invita i cittadini a formare “un solo corpo” con l’esercito. Il presidente sud-coreano Lee nomina un nuovo Ministro per l’unificazione.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®