21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/10/2017, 11.22

    IRAN - UE - STATI UNITI

    Nucleare, l’Ue sconfessa Trump: l’accordo con l’Iran un ‘pilastro essenziale’



    In un periodo caratterizzato dalla crescente “minaccia nucleare” i leader europei intendono “preservare” il patto sottoscritto con Teheran. Ma il presidente Usa minaccia la “cessazione totale”. Aiea: fondamentale per la sicurezza degli Usa, degli alleati e della regione. Anche l’Fmi contro la Casa Bianca che chiedeva di tagliare i fondi all’Iran.

     

    Teheran (AsiaNews) - In un periodo caratterizzato da una crescente “minaccia nucleare”, l’Unione europea (Ue) è “determinata nel preservare” l’accordo sul nucleare iraniano (il Jcpoa) quale “pilastro essenziale” nella lotta contro la proliferazione dell’atomica. È quanto hanno sottolineato i ministri degli Esteri dell’Ue, in un comunicato congiunto a conclusione di un incontro che si è tenuto nel pomeriggio di ieri in Lussemburgo.

    I capi della diplomazia europea difendono dunque l’accordo raggiunto nel 2015 fra Teheran e le potenze nucleari, sconfessato di recente dal presidente Usa Donald Trump; la scorsa settimana il leader della Casa Bianca ha dato mandato al Congresso per votare nuove sanzioni contro l’Iran e minaccia la cancellazione completa dell’accordo. Il 13 ottobre scorso, infatti, Trump, in un discorso durissimo nei toni, ha accusato l’Iran di non rispettare i termini e lo spirito dell’accordo nucleare. Tre giorni più tardi, durante una riunione di governo il presidente Usa ha avanzato l’ipotesi di una “cessazione totale” del patto stesso, definendola una “possibilità molto reale”. 

    Le parole dell’inquilino della Casa Bianca contrastano con le dichiarazioni ufficiali dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), la quale ha verificato per otto volte in due anni che Teheran “sta rispettano alla lettera” gli impegni presi. Da qui il rinnovato appello del massimo organismo mondiale sul nucleare perché Washington mantenga gli accordi previsti dal Jcpoa, fondamentali “per la sicurezza [degli Stati Uniti], dei suoi alleati e della regione”. La cancellazione delle sanzioni sul nucleare, avvertono gli esperti, “rafforza la cooperazione e permette il proseguimento di un dialogo efficace con l’Iran”.

    Sulla questione è intervenuta anche il capo della diplomazia Ue Federica Mogherini, che il mese prossimo volerà a Washington per discutere con la controparte della questione nucleare. Rivolgendosi ai parlamentari statunitensi Lady Pesc (Alto Rappresentante per la politica estera europea) chiede di non stralciare il patto con Teheran, che ha contribuito a bloccare la corsa al nucleare degli ayatollah e alla realizzazione della bomba atomica. “Dobbiamo dimostrare - ha aggiunto il ministro belga degli Esteri Didier Reynders - che quando si raggiunge un accordo, siamo anche in grado di rispettarlo”.

    Intanto la direttrice operativa del Fondo monetario internazionale (Fmi) respinge al mittente la richiesta del presidente Usa Trump di tagliare i rapporti con Teheran, assicurando che verranno mantenute tutte le transazioni e gli accordi in vigore. Christine Lagarde ha replicato con un secco “no” alle richieste della Casa Bianca di cambiare la sua politica monetaria verso il Paese, sottolineando che “il Fmi non vede ragioni per cambiare” e “continuerà a operare nello stesso modo”. Il botta e risposta fra i vertici del Fmi e Trump sull’Iran è solo l’ultimo di una serie di scambi al vetriolo fra l’amministrazione americana e il colosso finanziario. Gli Stati Uniti sono ancora oggi la componente più importante del Fondo monetario internazionale; tuttavia, l’istituzione intende mantenere la propria autonomia decisionale in merito ai rapporti economici con Teheran.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/10/2017 12:16:00 ISRAELE - IRAN - USA
    Israele, ex capo intelligence: Trump mantenga l’accordo sul nucleare iraniano

    Amos Yadlin invita la Casa Bianca a non mettere fine al Jcpoa e riservare la “minaccia” di un ritiro in un momento “più strategico”. Per esercitare maggiori pressioni su Teheran serve il sostegno dell’Europa. Direttore generale Aiea: l’Iran rispetta “tutti gli impegni presi”. Premier britannica: ha “neutralizzato” la ambizioni nucleari della Repubblica islamica.

     



    10/10/2017 08:37:00 ONU – USA – IRAN
    Nobel per la pace 2017: l’Iran sta rispettando gli impegni, mantenere l’accordo

    L’appello della direttrice della Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari durante una conferenza stampa all’Onu. Trump dovrebbe annunciare la sua decisione nei prossimi giorni. Leader Comitato Nobel: il rischio di una guerra nucleare non è mai stato così grande.



    12/01/2018 08:55:00 IRAN - UE - USA
    L’Europa contro Trump, cerca di salvare l’accordo sul nucleare iraniano

    Londra, Parigi e Berlino lavorano per preservare un patto essenziale per la sicurezza internazionale. Il Jcpoa va mantenuto, pur imponendo nuove “linee rosse” alla Repubblica islamica. Ma sull’operazione pesa l’imprevedibilità del presidente Usa. Attesa per oggi la decisione della Casa Bianca sull’estensione dei termini. 

     



    11/11/2017 09:23:00 IRAN - USA - ONU
    Nucleare iraniano, l’Aiea risponde ai timori Usa: Teheran rispetta tutti gli impegni

    Il direttore generale Yukiya Amano ha incontrato l’ambasciatrice Usa all’Onu Haley. Teheran segue i dettami dell’accordo e permetto l’accesso a tutti i siti. Una risposta a Washington che aveva parlato di visite e controlli “insufficienti”. L’Ue rilancia il sostegno totale a “uno dei più importanti risultati della diplomazia internazionale”.



    15/07/2014 IRAN - STATI UNITI
    Nucleare iraniano: ancora lontano l’accordo fra Teheran e le potenze occidentali
    A Vienna in corso la nuova fase di colloqui fra i Paesi del “5 + 1”. Il termine ultimo è fissato per il 20 luglio, ma è forte il timore che la deadline venga posticipata. L’incontro fra il segretario di Stato Usa e il ministro iraniano degli Esteri ha confermato la distanza fra le posizioni. Dalla Cina la richiesta di “flessibilità” ai due fronti.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®