18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2014, 00.00

    IRAN - STATI UNITI

    Nucleare iraniano: ancora lontano l’accordo fra Teheran e le potenze occidentali



    A Vienna in corso la nuova fase di colloqui fra i Paesi del “5 + 1”. Il termine ultimo è fissato per il 20 luglio, ma è forte il timore che la deadline venga posticipata. L’incontro fra il segretario di Stato Usa e il ministro iraniano degli Esteri ha confermato la distanza fra le posizioni. Dalla Cina la richiesta di “flessibilità” ai due fronti.

    Vienna (AsiaNews/Agenzie) - Resta ancora profondo il divario fra Teheran e i rappresentanti dei governi occidentali, impegnati in questi giorni a Vienna nei nuovi round di colloqui relativi al programma nucleare iraniano. È forte il timore che la scadenza per il raggiungimento di un accordo, fissata al 20 luglio, non verrà rispettata mentre aumentano le pressioni sui rappresentanti seduti al tavolo dei negoziati. Tra le potenze mondiali del "5 + 1" (Cina, Russia, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, oltre all'Iran), Washington, Parigi e Gran Bretagna hanno inviato i massimi rappresentati della diplomazia; Pechino (con Mosca) ha mantenuto un basso profilo e rilanciato la posizione di neutralità, esortando il blocco Occidentale e l'Iran a "dare prova di flessibilità" per raggiungere un accordo a lungo auspicato dalla comunità internazionale. 

    In caso di mancato accordo, l'Iran minaccia di riprendere alcune attività nucleari "sospese" negli ultimi mesi; di contro, il Parlamento statunitense promette già "nuove e più dure sanzioni" contro Teheran. Nei colloqui diretti delle ultime ore fra il segretario di Stato John Kerry e la controparte iraniana non si sono registrati segni di superamento delle divisioni, emersi in tutta la loro portata negli ultimi 13 giorni di trattative nella capitale austriaca.

    Il 13 luglio il capo della diplomazia di Washington ha incontrato per due ore il ministro iraniano degli Esteri Javad Zarif; nella delegazione di Teheran era presente anche Hossein Fereydoun, fratello minore di Hassan Rouhani, considerato da molti come "gli occhi e le orecchie del presidente".

    I principali punti critici sono le date per la revoca piena delle sanzioni poste da Stati Uniti e Unione europea sul Paese e il grado in cui all'Iran sarebbe permesso di continuare l'arricchimento dell'uranio. I 5 +1 - con visioni e sfumature diverse - vogliono che Teheran riduca in modo sensibile le sua capacità di produzione di uranio, mantenendo solo poche centinaia di centrifughe attive, e che le sue attività siano pacifiche. In cambio, l'Iran vuole la rimozione delle sanzioni internazionali che soffocano la sua economia.

    Esperti di politica internazionale parlano di un probabile slittamento della data ultima per il raggiungimento di un accordo, perché non vi saranno novità sostanziali entro il 20 luglio prossimo. Il leader supremo iraniano, l'ayatollah Ali Khamenei, sarebbe intervenuto in questi giorni complicando ancor più, almeno stando agli Stati Uniti, il possibile raggiungimento di una posizione comune. La massima autorità religiosa sciita avrebbe chiesto almeno 190mila centrifughe di prima generazione per l'arricchimento dell'uranio; una cifra ritenuta tropo elevata dall'Occidente. Tuttavia, in patria egli ha anche confermato il pieno sostegno al presidente Rouhani, ritenuto troppo "morbido" e accusato di concedere troppo terreno nelle trattative dall'ala fondamentalista interna.  

    Intanto nelle trattative interviene anche il premier israeliano Benjamin Netanyahu, impegnato in questi giorni su più fronti "caldi" dell'area mediorientale, su tutte il conflitto a Gaza. Tel Aviv, avverte il Primo Ministro, conferma la propria posizione di intransigenza sull'atomica di Teheran e definisce "catastrofico" qualsiasi accordo che lasci all'Iran la possibilità di arricchimento dell'uranio. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2017 11:22:00 IRAN - UE - STATI UNITI
    Nucleare, l’Ue sconfessa Trump: l’accordo con l’Iran un ‘pilastro essenziale’

    In un periodo caratterizzato dalla crescente “minaccia nucleare” i leader europei intendono “preservare” il patto sottoscritto con Teheran. Ma il presidente Usa minaccia la “cessazione totale”. Aiea: fondamentale per la sicurezza degli Usa, degli alleati e della regione. Anche l’Fmi contro la Casa Bianca che chiedeva di tagliare i fondi all’Iran.

     



    11/11/2017 09:23:00 IRAN - USA - ONU
    Nucleare iraniano, l’Aiea risponde ai timori Usa: Teheran rispetta tutti gli impegni

    Il direttore generale Yukiya Amano ha incontrato l’ambasciatrice Usa all’Onu Haley. Teheran segue i dettami dell’accordo e permetto l’accesso a tutti i siti. Una risposta a Washington che aveva parlato di visite e controlli “insufficienti”. L’Ue rilancia il sostegno totale a “uno dei più importanti risultati della diplomazia internazionale”.



    20/03/2015 STATI UNITI - IRAN
    Barack Obama all'Iran: Siamo davanti a una opportunità storica per un accordo sul nucleare
    Il presidente Usa si rivolge al popolo iraniano in occasione del Nowruz, il Capodanno persiano. Egli parla di possibilità di cambiare le relazioni fra i due Paesi, da cogliere in breve tempo. L’alternativa per Teheran è l’isolamento internazionale. Il 31 marzo scade la deadline per il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano.

    18/02/2012 IRAN - STATI UNITI - UE
    Nucleare iraniano: cauto ottimismo di Usa ed Europa sulla ripresa dei dialoghi
    Il capo della diplomazia della Ue soddisfatta per l'apertura di Teheran. Per Hillary Clinton, la recente lettera è "quanto ci aspettavamo". Ma il ministro degli Esteri inglese teme una "guerra fredda" in Medio oriente. Navi da guerra iraniane nel Mediterraneo, mentre Ahmadinejad parla di legami fra nazioni su questioni etiche e umanitarie.

    17/04/2010 MALAYSIA – IRAN
    Kuala Lumpur, Petronas taglia le forniture di benzina all’Iran
    Lo ha annunciato il premier malaysiano Najib Razak, all’indomani di un incontro a due con il presidente Usa Barack Obama. Fonti non confermate spiegano che la sospensione risalirebbe a metà marzo. Kuala Lumpur invita il regime degli ayatollah a rivedere il programma nucleare e seguire le direttive Onu.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®