01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale



    Mons. Mario Zenari lancia un appello al Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York. La situazione continuerà a peggiorare se la comunità internazionale resta divisa. Nuovo massacro di 200 persone a Tremseh (Hama).

    Damasco (AsiaNews) - "La comunità internazionale si sbrighi ad aiutare la Siria ad uscire da questa trappola infernale". È quanto afferma ad AsiaNews mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco, che lancia un appello ai Paesi al Consiglio di sicurezza Onu, in particolare Cina e Russia, e Lega Araba a mettere da parte le divisioni e lavorare in modo concreto per fermare una carneficina che in 16 mesi è costata oltre 14mila morti.

    Il prelato è rientrato nel Paese dopo tre settimane di soggiorno all'estero e trova la situazione molto peggiorata. Oggi a Tremseh, nella provincia di Hama, si è verificato un nuovo massacro di 200 innocenti. Come già accaduto per le stragi di Houla e al- Qubayr esercito e ribelli si scambiano accuse reciproche. Secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, i militari ha bombardato il villaggio con elicotteri da combattimento e carri armati, seguiti dalla Shabiha (Gli spettri), la milizia paramilitare del regime, incaricata di compiere le esecuzioni sommarie. La Siryan News Agency (Sana),  agenzia di stampa del governo, rigetta la responsabilità dell'attacco sui terroristi islamici che starebbero cercando di diffondere paura e caos nel Paese per influenzare il vertice  del Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York.

    Mons. Zenari sottolinea  che "la situazione si sta aggravando sempre di più. Dopo il mio ritorno è aumentata l'insicurezza, non ci si può muovere liberamente, vi sono continui scontri e rapimenti anche in zone fino a qualche tempo fa sotto controllo".  

    Al Consilio di sicurezza Onu, iniziato ieri a New York, Cina e Russia hanno di nuovo posto il veto contro l'imposizione di nuove sanzioni al regime di Bashar al-Assad. Mosca e Pechino sono contrarie a  qualsiasi risoluzione di condanna nei confronti del governo siriano. I due membri Onu accusano i governi occidentali di voler tentare la strada già sperimentata con la Libia, utilizzando le risoluzioni delle Nazioni Unite per scatenare un conflitto armato nella regione. L'opposizione di Russia e Cina  rende ancora più arduo l'operato di Kofi Annan, inviato speciale per Nazioni Unite e Lega Araba, che in queste settimane ha chiesto appoggio anche all'Iran per tentare una mediazione con il regime e applicare in modo concreto il piano di pace. Il 16 luglio,  l'ex segretario generale dell'Onu incontrerà a Mosca Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo, per convincere Mosca a collaborare.    

    Secondo il nunzio vaticano, "la comunità internazionale deve aiutare la Siria a non cadere nel baratro e cercare di parlare a una sola voce. Da solo il Paese non è in grado di liberarsi di questa tragedia. Senza la collaborazione di tutti, i 'bellissimi' piani di Annan sono carta straccia". Il prelato sottolinea che sempre più persone innocenti sono vittime di questa tragedia, soprattutto bambini. "Le uccisioni di questi piccoli indifesi - conclude - feriscono non solo il popolo siriano, ma  tutta l'umanità".  (S.C.)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2012 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Tutte le iniziative di pace per fermare la guerra in Siria
    Mons. Mario Zenari apprezza gli sforzi di Onu, Lega Araba e opposizione emersi negli incontri di Ginevra e al Cairo. Ma leader mondiali e siriani non devono perdersi nei dettagli. Priorità: evacuare i civili dalle città colpite. La morte degli innocenti ferisce non solo il popolo siriano ma tutta l’umanità.

    02/09/2013 SIRIA
    Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
    L'islamologo Francesco Zannini spiega ad AsiaNews le conseguenze dell'imminente attacco Usa alla Siria. Senza un piano strategico, i conflitti fra gruppi religiosi ed etnici potrebbero esplodere in qualsiasi momento. Turchia, Giordania e Israele appoggiano Obama, ma temono una guerra nei loro confini.

    13/11/2012 SIRIA
    La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
    La nuova entità è stata legittimata dalla Lega Araba. Essa è frutto di giorni di colloqui fra le varie componenti dell'opposizione avvenuti a Doha (Qatar). Essa sarà l'unico organo credibile per dar voce al popolo siriano. Il futuro leader dell'opposizione l''ex imam della moschea di Damasco. L'appello ai Paesi occidentali per avere nuove armi con cui rifornire i ribelli. Il dramma delle città siriane colpite dalla guerra, dalla fame e dalla criminalità dilagante.

    28/01/2014 SIRIA - ONU
    Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
    I delegati hanno di nuovo affrontato il rilascio di prigionieri e l'apertura del corridoio umanitario ad Homs. A dettare l'agenda è il comunicato di Ginevra I stilato nel 2012 da Onu e comunità internazionali. Restano le divisioni sul destino di Bashar al-Assad e l'ipotesi di un governo di transizione.

    28/05/2013 SIRIA - UE
    Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
    L'Unione Europea non rinnova il bando delle armi all'opposizione siriana. Gran Bretagna e Francia pronti ad inviare armamenti ai ribelli. Per il patriarca cattolico di Antiochia "Con la guerra non vi sono vincitori". L'invito a pregare per la conferenza di pace di Ginevra in programma per il prossimo 10 giugno.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®