3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/07/2012
SIRIA
Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale
Mons. Mario Zenari lancia un appello al Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York. La situazione continuerà a peggiorare se la comunità internazionale resta divisa. Nuovo massacro di 200 persone a Tremseh (Hama).

Damasco (AsiaNews) - "La comunità internazionale si sbrighi ad aiutare la Siria ad uscire da questa trappola infernale". È quanto afferma ad AsiaNews mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco, che lancia un appello ai Paesi al Consiglio di sicurezza Onu, in particolare Cina e Russia, e Lega Araba a mettere da parte le divisioni e lavorare in modo concreto per fermare una carneficina che in 16 mesi è costata oltre 14mila morti.

Il prelato è rientrato nel Paese dopo tre settimane di soggiorno all'estero e trova la situazione molto peggiorata. Oggi a Tremseh, nella provincia di Hama, si è verificato un nuovo massacro di 200 innocenti. Come già accaduto per le stragi di Houla e al- Qubayr esercito e ribelli si scambiano accuse reciproche. Secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, i militari ha bombardato il villaggio con elicotteri da combattimento e carri armati, seguiti dalla Shabiha (Gli spettri), la milizia paramilitare del regime, incaricata di compiere le esecuzioni sommarie. La Siryan News Agency (Sana),  agenzia di stampa del governo, rigetta la responsabilità dell'attacco sui terroristi islamici che starebbero cercando di diffondere paura e caos nel Paese per influenzare il vertice  del Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York.

Mons. Zenari sottolinea  che "la situazione si sta aggravando sempre di più. Dopo il mio ritorno è aumentata l'insicurezza, non ci si può muovere liberamente, vi sono continui scontri e rapimenti anche in zone fino a qualche tempo fa sotto controllo".  

Al Consilio di sicurezza Onu, iniziato ieri a New York, Cina e Russia hanno di nuovo posto il veto contro l'imposizione di nuove sanzioni al regime di Bashar al-Assad. Mosca e Pechino sono contrarie a  qualsiasi risoluzione di condanna nei confronti del governo siriano. I due membri Onu accusano i governi occidentali di voler tentare la strada già sperimentata con la Libia, utilizzando le risoluzioni delle Nazioni Unite per scatenare un conflitto armato nella regione. L'opposizione di Russia e Cina  rende ancora più arduo l'operato di Kofi Annan, inviato speciale per Nazioni Unite e Lega Araba, che in queste settimane ha chiesto appoggio anche all'Iran per tentare una mediazione con il regime e applicare in modo concreto il piano di pace. Il 16 luglio,  l'ex segretario generale dell'Onu incontrerà a Mosca Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo, per convincere Mosca a collaborare.    

Secondo il nunzio vaticano, "la comunità internazionale deve aiutare la Siria a non cadere nel baratro e cercare di parlare a una sola voce. Da solo il Paese non è in grado di liberarsi di questa tragedia. Senza la collaborazione di tutti, i 'bellissimi' piani di Annan sono carta straccia". Il prelato sottolinea che sempre più persone innocenti sono vittime di questa tragedia, soprattutto bambini. "Le uccisioni di questi piccoli indifesi - conclude - feriscono non solo il popolo siriano, ma  tutta l'umanità".  (S.C.)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/07/2012 SIRIA
Nunzio a Damasco: Tutte le iniziative di pace per fermare la guerra in Siria
02/09/2013 SIRIA
Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
13/11/2012 SIRIA
La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
28/01/2014 SIRIA - ONU
Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
28/05/2013 SIRIA - UE
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate