21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2017, 12.08

    SIRIA

    Nunzio a Damasco: la guerra, “tsunami di violenza” che si è “abbattuto” su famiglie e città



    Ad AsiaNews il card. Zenari racconta sei anni di conflitto che lo hanno “toccato nel profondo”. Un “coinvolgimento” nella sofferenza e un sentimento di “solidarietà” verso il popolo siriano. Il dramma delle famiglie spezzate e un tessuto sociale da ricostruire. La speranza che i colloqui di Ginevra e Astana “portino frutto”. I numeri di sei anni di conflitto.

     

    Damasco (AsiaNews) - Utilizzando una metafora, i sei anni di guerra in Siria sono “uno tsunami di violenza, di sofferenza”, una vera e propria “ondata” che si è “abbattuta” sulla popolazione civile, sulle famiglie, sulle città, devastandole. È quanto dice ad AsiaNews il card. Mario Zenari, nunzio apostolico in Siria. tracciando un bilancio di sei anni di sanguinoso conflitto, che hanno seminato morte e distruzione in tutto il Paese. “Degli otto anni che ho trascorso in Siria - prosegue il porporato - sei li ho vissuti in guerra, e da questa sono stato toccato nel profondo”. Oltre al ruolo, vi è un “coinvolgimento nella sofferenza” e il sentimento di “solidarietà” verso un popolo, che respira “quotidianamente” un’aria carica di violenza.

    Il rappresentante vaticano in Siria, insignito della berretta cardinalizia nel novembre scorso a conferma dell’attenzione di papa Francesco per la “cara e amata Siria”, racconta questi anni di guerra che lo hanno coinvolto in prima persona. “Come quando, nel 2013 - ricorda - abbiamo avuto un colpo di mortaio sopra la nunziatura. Questa è la vita che condividiamo tutti, anche se a Damasco i danni sono stati inferiori rispetto ad altre realtà” come Aleppo e Homs. “Mi sono sentito partecipe e solidale - prosegue il cardinale - dei drammi delle persone. Dei bambini curati negli ospedali, feriti dallo scoppio di ordigni mentre tornavano da scuola. Piccoli con braccia e gambe fasciate, negli occhi il dolore e la sofferenza”. Una guerra, aggiunge, che “è entrata nella vita di tutte le persone, di un intero popolo, di una nazione”.

    La tragedia del conflitto siriano è racchiusa nelle cifre, snocciolate in questi giorni dalle Nazioni Unite e ong impegnate sul terreno: oltre 320mila morti, quasi la metà della popolazione sradicata dalle proprie case, dalle proprie origini. Deceduti 96mila civili, di cui 17mila erano bambini. Su una popolazione di 23 milioni di abitanti prima della guerra, oggi vi sono 6,6 milioni di sfollati interni; altri 4,7 milioni vivono in città sotto assedio o in aree difficili da raggiungere.

    Secondo l’Alto commissariato Onu per i rifugiati 4,9 milioni di persone hanno lasciato il loro Paese. E il 90% di questi vive in condizioni di povertà, un altro 10% è considerato “estremamente vulnerabile”. Per gli esperti la guerra ha fatto arretrare di decenni quello che era uno degli Stati più evoluti dal punto di vista economico, culturale e sociale di tutta la regione mediorientale. In grave crisi i sistemi educativo e sanitario, crollato del 55% il volume degli affari fra il 2010 e il 2015. Tuttavia, secondo il card. Zenari le devastazioni vanno “bel oltre” le cifre e i numeri “non illustrano” la reale portata del dramma che si sta consumando. “La visita ad Aleppo - racconta - mi ha impressionato. Passando per le strade, osservando le macerie e le distruzioni ho compreso appieno le lamentazioni di Geremia, che recitiamo il Venerdì Santo, quando al capitolo 1,12 si recita ‘O voi, che passate di qui, mirate, guardate, se v’è dolore pari al mio dolore!’.

    Scheletri di palazzi, vite umane spezzate, tragedie che toccano nel profondo: “Nei giorni successivi alla mia partenza - prosegue il porporato - ho saputo che all’interno di uno dei palazzi devastati, in un’area in cui avevano distribuito cibo e vestiti con i volontari della Caritas, hanno scoperto cinque bambini morti per malnutrizione e freddo. Ed erano stati rubati loro anche gli aiuti alimentari…”. Uno scenario di morte e terrore visto ad Aleppo, spiega il card. Zenari, “lo avevo visto solo, anche se in misura minore a livello spaziale e come portata, ad Homs”. E anche nei dintorni di Damasco vi sono situazioni di grave emergenza. “Questa esperienza - afferma - mi è entrata nel profondo, non è come raccontare la Prima guerra mondiale, studiata sui libri di storia. Qui, il conflitto, lo sperimentiamo ogni giorno sul posto, sulla pelle degli abitanti”.

    Queste sofferenze hanno generato anche un sentimento di grande “partecipazione” alla vita del popolo siriano. “Ogni volta che entro a San Pietro - racconta - mi fermo davanti alla Pietà di Michelangelo e rivedo nella Madonna le sofferenze di tutte quelle mamme siriane che hanno perso un figlio, di cui ho sentito in prima persona i racconti. Certo, le distruzioni di palazzi, strade e quartieri fanno impressione ma il dramma maggiore sono le ferite interne, i traumi, intere famiglie spezzate, la tragedia dei bambini senza genitori”. “Quante donne e bambini - aggiunge - ho visto al campo profughi di Jibreen, alla periferia di Aleppo, senza il loro padre, senza il loro marito, La distruzione della famiglia è il retaggio più evidente di questa guerra, e fa più impressione dei palazzi distrutti. Non fermiamoci ai danni esteriori, ma andiamo in profondità e cogliamo davvero la devastazione degli animi”.

    “La pace - avverte - è la prima condizione per la ricostruzione di un tessuto sociale. Prima la Siria era un mosaico di etnie e religioni, che la guerra ha danneggiato. E dopo i bambini e i giovani, la ricostruzione della società, a livello economico, psichico e umano, è uno degli aspetti da tenere in maggiore considerazione. Oggi non è quasi più possibile trovare un tecnico per riparare un computer, per sistemare un ascensore rotto, per far funzionare un apparecchio medico”. Oggi vi è anche un capitale umano “che è necessario ricostruire”.

    “Concordo con quanto ha dichiarato l’osservatore permanente della Santa Sede a Ginevra, secondo cui in Siria è in atto una inutile strage, responsabilità della comunità internazionale. Mi auguro che questo 2017 - conclude il card. Zenari - porti una svolta. Certo, non mi immagino che da domani torni tutto normale, ma che vi sia una ripresa e che i colloqui di Astana e di Ginevra portino frutto”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 08:55:00 ONU - SIRIA
    Ginevra, al via un nuovo round di colloqui di pace Onu sulla Siria

    Dubbi e incertezze aleggiano sull’incontro. Per il presidente Assad è un processo politico “nullo” e a “beneficio dei media”. Più efficaci i vertici di Astana. Ma l’inviato speciale Onu smentisce le contrapposizioni e parla di lavoro diplomatico “in tandem”. Nuove accuse Usa a Damasco: forno crematorio in carcere per nascondere le prove degli omicidi di massa. 

     



    23/03/2017 08:56:00 SIRIA - ONU
    Ginevra, al via il quinto round di colloqui sulla Siria. Poche speranze di pace

    All’incontro presenti delegati governativi e rappresentanti delle opposizioni. Non vi saranno colloqui “diretti” e le posizioni appaiono sempre più distanti. Gli scontri di questi giorni, che hanno investito la capitale, hanno innalzato la tensione. L’inviato speciale Onu in visita ad Ankara, Mosca e Riyadh per mediare un accordo.

     



    19/05/2017 08:54:00 SIRIA - ONU
    Governo siriano e ribelli aprono a una revisione costituzionale mediata dall’Onu

    Allo studio la creazione di un gruppo di esperti bipartisan chiamati a discutere di “questioni costituzionali”. L’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria parla di primo risultato tangibile dei colloqui. Ma i due fronti smorzano gli entusiasmi. Caccia Usa colpiscono forze siriane filo-governative nei pressi del confine con la Giordania: otto morti. 

     



    13/11/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: La parola vinca sulle armi. Colpito uno scuolabus pieno di bambini
    As AsiaNews mons. Zenari parla di una situazione di tensione, con granate e colpi di mortaio. Uno di quesi ha centrato un gruppo di studenti del patriarcato greco-melchita. In mattinata il nunzio visita l’ospedale in cui sono ricoverati. A Vienna le diplomazie internazionali si riuniscono per discutere della crisi. Raid Usa avrebbe ucciso Jihadi John.

    16/09/2016 13:28:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: Un razzo ha colpito il vescovado siro-cattolico. Timori per la tregua (FOTO)

    Ad AsiaNews p. Ibrahim Alsabagh parla di “isolati episodi di violenza” che “preoccupano” la popolazione civile. Eventi “improvvisi” che alimentano il clima di “instabilità e insicurezza”. Serve una “tregua duratura” che permetta la distribuzione di cibo e aiuti. Situazione critica anche nella zona est. I cristiani pregano per la salvezza della città. 





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®