Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/07/2012, 00.00

    TIBET – CINA

    Nuova auto-immolazione a Lhasa, giovane tibetano “scompare” nel nulla



    Una volta prelevato dalla polizia cinese, si sono perse le sue tracce. Il ragazzo, 22-23 anni, ha riportato ustioni sul 90% del corpo. Chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet e protestava contro il regime cinese. È la terza autoimmolazione nella capitale della Regione autonoma tibetana (Rat).

    Lhasa (AsiaNews/Rfa) - Un giovane tibetano si è dato fuoco vicino a Lhasa, capitale della Regione autonoma tibetana (Rat), per chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet e protestare contro il regime cinese. Lo riferiscono fonti di Radio Free Asia. L'autoimmolazione sarebbe avvenuta il 7 luglio scorso, ma la notizia è stata diffusa solo oggi. Ancora sconosciute condizioni e identità della vittima, che dovrebbe avere tra i 22 e i 23 anni ed essere originario del villaggio di Chode (contea di Damshung, prefettura di Lhasa). La sua è la 43ma autoimmolazione dal febbraio 2009, e la terza nella zona di Lhasa.

    Il giovane si sarebbe dato fuoco in pieno giorno. La polizia cinese è intervenuta quasi subito e l'ha portato all'ospedale di Damshung. Avendo riportato ustioni su quasi il 90% del corpo, fonti di Rfa sostengono che le forze dell'ordine l'avrebbero trasferito in un ospedale di Lhasa, più attrezzato per casi del genere. Da quel momento, del giovane si sono perse le tracce.

    Fonti del governo tibetano in esilio hanno provato a contattare ospedale e polizia di Damshung per avere notizie, ma senza successo: gli agenti negano che l'incidente sia mai avvenuto. Tuttavia, dopo il 7 luglio le forze dell'ordine hanno aumentato i controlli nella contea. Le linee telefoniche non funzionerebbero, e chi è a Lhasa non può mettersi in contatto con parenti o amici a Damshung.

    Questa autoimmolazione è la terza che avviene nei dintorni della capitale della Regione autonoma tibetana. Le prime due sono avvenute il 27 maggio scorso (v. 28/05/2012, "Prime auto-immolazioni a Lhasa, muore giovane tibetano"): Tobgye Tseten sarebbe morto poco dopo; Dargye, il secondo, sarebbe invece sopravvissuto. Già dopo questo incidente, le autorità cinesi avevano rafforzato le misure di sicurezza nella città. "Tibetani non residenti a Lhasa - spiega una fonte - hanno bisogno di cinque diversi permessi per stare qui. Inoltre, i controlli sono più severi per chi proviene dalle regioni di Kham e Amdo".

    La maggior parte delle autoimmolazioni che dal 2009 insanguinano la protesta del popolo tibetano sono avvenute nelle province cinesi del Sichuan, dello Qinghai e del Gansu. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/02/2012 TIBET - CINA
    Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
    Tenzin Choedron proveniva dal monastero di Mamae Dechen Choekhorling: è la 23esima vittima di questa forma di protesta contro il dominio comunista. Il governo, invece di cercare il dialogo, continua a preferire il pugno di ferro contro la popolazione.

    09/04/2008 TIBET - CINA
    Gansu: monaci tibetani interrompono una visita di giornalisti guidata dal governo
    È la seconda volta in 15 giorni, da quando Pechino ha isolato le aree delle rivolte. I monaci chiedono il ritorno del Dalai Lama nel Tibet e precisano che essi non vogliono l’indipendenza, ma solo il rispetto dei diritti umani.

    14/03/2009 CINA - TIBET
    Osservatori internazionali per fermare le falsità della Cina sul Tibet
    Legge marziale, arresti, violenze, monasteri controllati: questa è la “pace” del Tibet decantata da Wen Jiabao. Nei dialoghi Cina-Tibet occorrono osservatori internazionali e stampa per verificare le reali intenzioni di Pechino. Il ricatto economico della Cina verso tutte le diplomazie mondiali. La campagna di offese contro il Dalai Lama accresce la protesta.

    14/02/2012 TIBET - CINA
    Tibet: giovane monaco 19enne si dà fuoco. La polizia cinese arresta un attivista

    Lobsang Gyatso, del monastero di di Kirti, a Ngaba, si è auto-immolato per protesta contro l'occupazione di Pechino. Le forze di sicurezza lo hanno picchiato in modo selvaggio mentre spegnevano le fiamme. Non vi sono conferme ufficiali del decesso. Le autorità hanno fermato Dawa Dorje, avvocato e difensore dei diritti dei tibetani.



    23/09/2005 ONU – TIBET – CINA
    Commissione Onu chiede di visitare il Panchen Lama sequestrato da Pechino

    Le autorità cinesi rispondono che Gedhun Choekyi Nyima, ora di 16 anni, sta bene e non vuole ricevere visite di estranei "per non essere disturbato".





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®