1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/07/2012
TIBET – CINA
Nuova auto-immolazione a Lhasa, giovane tibetano “scompare” nel nulla
Una volta prelevato dalla polizia cinese, si sono perse le sue tracce. Il ragazzo, 22-23 anni, ha riportato ustioni sul 90% del corpo. Chiedeva il ritorno del Dalai Lama in Tibet e protestava contro il regime cinese. È la terza autoimmolazione nella capitale della Regione autonoma tibetana (Rat).

Lhasa (AsiaNews/Rfa) - Un giovane tibetano si è dato fuoco vicino a Lhasa, capitale della Regione autonoma tibetana (Rat), per chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet e protestare contro il regime cinese. Lo riferiscono fonti di Radio Free Asia. L'autoimmolazione sarebbe avvenuta il 7 luglio scorso, ma la notizia è stata diffusa solo oggi. Ancora sconosciute condizioni e identità della vittima, che dovrebbe avere tra i 22 e i 23 anni ed essere originario del villaggio di Chode (contea di Damshung, prefettura di Lhasa). La sua è la 43ma autoimmolazione dal febbraio 2009, e la terza nella zona di Lhasa.

Il giovane si sarebbe dato fuoco in pieno giorno. La polizia cinese è intervenuta quasi subito e l'ha portato all'ospedale di Damshung. Avendo riportato ustioni su quasi il 90% del corpo, fonti di Rfa sostengono che le forze dell'ordine l'avrebbero trasferito in un ospedale di Lhasa, più attrezzato per casi del genere. Da quel momento, del giovane si sono perse le tracce.

Fonti del governo tibetano in esilio hanno provato a contattare ospedale e polizia di Damshung per avere notizie, ma senza successo: gli agenti negano che l'incidente sia mai avvenuto. Tuttavia, dopo il 7 luglio le forze dell'ordine hanno aumentato i controlli nella contea. Le linee telefoniche non funzionerebbero, e chi è a Lhasa non può mettersi in contatto con parenti o amici a Damshung.

Questa autoimmolazione è la terza che avviene nei dintorni della capitale della Regione autonoma tibetana. Le prime due sono avvenute il 27 maggio scorso (v. 28/05/2012, "Prime auto-immolazioni a Lhasa, muore giovane tibetano"): Tobgye Tseten sarebbe morto poco dopo; Dargye, il secondo, sarebbe invece sopravvissuto. Già dopo questo incidente, le autorità cinesi avevano rafforzato le misure di sicurezza nella città. "Tibetani non residenti a Lhasa - spiega una fonte - hanno bisogno di cinque diversi permessi per stare qui. Inoltre, i controlli sono più severi per chi proviene dalle regioni di Kham e Amdo".

La maggior parte delle autoimmolazioni che dal 2009 insanguinano la protesta del popolo tibetano sono avvenute nelle province cinesi del Sichuan, dello Qinghai e del Gansu. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/02/2012 TIBET - CINA
Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
09/04/2008 TIBET - CINA
Gansu: monaci tibetani interrompono una visita di giornalisti guidata dal governo
14/03/2009 CINA - TIBET
Osservatori internazionali per fermare le falsità della Cina sul Tibet
di Urgen Tenzin
14/02/2012 TIBET - CINA
Tibet: giovane monaco 19enne si dà fuoco. La polizia cinese arresta un attivista
23/09/2005 ONU – TIBET – CINA
Commissione Onu chiede di visitare il Panchen Lama sequestrato da Pechino

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate