25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/05/2016, 14.43

    TERRA SANTA

    Nuovo Custode di Terra Santa: La sfida è mantenere vivo il dialogo



    Fra Francesco Patton, della diocesi di Trento, succede a p. Pierbattista Pizzaballa, che ringrazia per i 12 anni di servizio e il “grande credito”. Il neo Custode racconta ad AsiaNews di aver accolto la nomina “con trepidazione e fiducia”. Il proposito di restare sempre “un uomo di dialogo” e di prendersi cura “dei frati e della loro vita”. 

    Trento (AsiaNews) - Una nomina accolta “con una certa trepidazione, perché è un servizio delicato”, ma al tempo stesso con una grande “fiducia”, perché alla fine “la nostra vita si gioca nel fidarsi” e questo è insito anche “nel nostro voto di obbedienza”. È dunque con “trepidazione e fiducia”, come racconta ad AsiaNews, che fra Francesco Patton, religioso della diocesi di Trento (Italia), ha accolto la nomina a nuovo Custode di Terra Santa, carica che ricoprirà per i prossimi sei anni. In una nota ufficiale diffusa oggi, il Definitorio Generale dei Frati Minori, ottenuto il consenso della Santa Sede, ha scelto fra Patton, che succede al 51enne padre Pierbattista Pizzaballa, che ha ricoperto l’incarico negli ultimi 12 anni. Si tratta di un esterno alla Custodia di Terra Santa, una scelta che non si verificava da tempo all’interno dell’ordine.

    Interpellato da AsiaNews egli vuole dedicare un pensiero al predecessore, p. Pizzaballa, “che lascia un grande credito di fiducia nei confronti dei Francescani. Per questo non cesseremo mai di apprezzare il suo servizio”. Poi, aggiunge, “in termini specifici lo incontrerò per capire le indicazioni che ci darà sugli aspetti da approfondire e le linee più importanti da seguire”. 

    Anche se, oggi, è “prematuro” parlare di sfide e di linee di lavoro da seguire, il nuovo Custode spiega che intende occuparsi “in primo luogo dei frati e della loro vita”, oltre alle problematiche “che i frati stessi mi identificheranno”. “Il ruolo - aggiunge - chiede anche di restare sempre un uomo di dialogo, di costruttore di ponti”. Una delle più grandi sfide della Terra Santa, conclude, è mantenere vivo “il dialogo” fra fedi e culture. 

    Fra Francesco Patton è nato a Vigo Meano, nella diocesi di Trento, il 23 dicembre 1963, e appartiene alla Provincia di S. Antonio dei Frati Minori, in Italia. Oltre all’italiano, parla inglese e spagnolo. Egli ha emesso la prima professione religiosa il 7 settembre 1983 e quella solenne il 4 ottobre 1986. Ha ricevuto l’ordinazione presbiterale il 26 maggio 1989.

    Nel 1993, ha conseguito la Licenza in scienze della comunicazione presso l’Università Pontificia Salesiana di Roma. Il frate ha svolto diversi servizi all’interno della sua provincia di origine - lo scorso anno era circolato anche il suo nome alla guida della diocesi - e all’interno dell’Ordine.

    Il nuovo custode è stato due volte segretario generale del Capitolo generale OFM (2003 e 2009), Visitatore generale (2003), Ministro provinciale del Trentino (2008-2016), presidente della Conferenza dei Ministri provinciali dell’Italia e Albania (COMPI). 

    Numerosi anche gli incarichi fuori dell’Ordine: membro del Consiglio Presbiterale Diocesano e della Segreteria dello stesso Consiglio Pastorale Diocesano dell’arcidiocesi di Trento; docente di scienze della comunicazione sociale presso lo Studio Teologico Accademico Tridentino; collaboratore del settimanale diocesano, della radio Diocesana e di Telepace Trento; iscritto all’albo dei giornalisti del Trentino – Alto Adige come pubblicista dal 1991.

    Oggi il custode di Terra Santa riveste un ruolo significativo nel contesto della Chiesa in Medio oriente. Oltre ad essere guida della prima missione del Frati minori e responsabile di molti dei luoghi di culto della vita di Gesù, egli è uno dei principali interlocutori della Chiesa cattolica verso le altre comunità cristiane. Inoltre, egli segue con attenzione gli eventi socio-politici che caratterizzano le aree in cui si estende la missione della Custodia -  – Israele, Palestina, Libano, Siria, Giordania, Cipro e Rodi, al Cairo con il convento del Muski – e vigilia sulle opere sociali, educative e culturali promosse nel corso della storia. Fra gli altri compiti della Custodia, quello di accogliere i pellegrini e i turisti stranieri in tutti i santuari sotto la sua giurisdizione, 55 in tutto.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2016 08:53:00 ISRAELE - PALESTINA
    La Chiesa di Terra Santa accoglie il nuovo Custode, fra Francesco Patton

    Ieri pomeriggio il religioso di origini italiane ha giurato come nuovo guardiano dei Luoghi Santi. La cerimonia si è svolta a Gerusalemme, nella Città Vecchia. Con lui vi erano oltre 100 fra sacerdoti, monaci e monache e una folla di fedeli. Oggi l’ingresso alla basilica del Santo Sepolcro. Le celebrazioni si concluderanno il 18 giugno con l’ingresso all’Annunciazione, a Nazareth. 



    24/06/2016 12:48:00 ISRAELE-PALESTINA-TERRA SANTA
    P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme

    Nello stesso giorno, la Santa Sede accetta le dimissioni di Fouad Twal, patriarca dei latini, e nomina l’ex custode di Terra Santa come amministratore apostolico del patriarcato. Rispondere alle nuove sfide, affrontando i cambiamenti geopolitici e socio-religiosi che avvengono in Medio oriente.



    20/12/2016 11:22:00 TERRA SANTA
    Mons. Pizzaballa: A Natale i fedeli di Asia e Russia rilanciano i pellegrinaggi in Terra Santa

    L’amministratore apostolico riferisce di un “aumento consistente” dei fedeli in visita nei luoghi santi. Cinesi e indonesiani “vogliono pregare” e confrontarsi “con la comunità locale”. I pellegrinaggi sono sicuri. Per sanare le ferite in Medio oriente serve una giustizia accompagnata da misericordia. Dall’incontro con un popolo e una comunità ferita le ragioni di una rinnovata speranza. 

     



    08/07/2016 10:29:00 TERRA SANTA
    Mons. Pizzaballa: Solo la misericordia salverà il Medio oriente dal fondamentalismo

    Il nuovo Amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme dei latini racconta le sfide della sua missione. Dal rapporto con i vertici israeliani alla deriva fondamentalista, cui si risponde con “incontro e dialogo”. E ancora, la pastorale per i migranti e l’accoglienza dei profughi in fuga dalla guerra. L’incapacità di perdonarsi il “problema principale” del Medio oriente. 

     



    11/07/2017 11:53:00 ISRAELE - PALESTINA
    Mons. Pizzaballa: cittadinanza, chiave per un nuovo modello di convivenza in Medio oriente

    A poco più di un anno dalla nomina, l’amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme dei latini traccia un bilancio del lavoro. Dal cambiamento drammatico in atto nella regione, al principio di unità e al contatto con il territorio, sono molti i nodi irrisolti. Fra gli elementi positivi la collaborazione del clero locale e l’accoglienza delle persone. Ma è ancora molto il lavoro da fare.

     





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®