2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/12/2007
CINA - VATICANO
Nuovo arcivescovo di Guangzhou: “Anche in Cina la Chiesa è una e cattolica”
Prima di impartire la sua benedizione ai fedeli, mons. Gan ha ricordato che la Chiesa è “una, santa, apostolica e cattolica”. Alla cerimonia “imponente” presenza di agenti di polizia e membri dell’Associazione patriottica, che hanno controllato a vista i fedeli riuniti nella cattedrale del Sacro Cuore. L’abbraccio del vescovo agli unici stranieri presenti.

Guangzhou (AsiaNews) – La Chiesa cattolica, anche in Cina, è “una, santa, apostolica e cattolica”. Lo ha detto il nuovo arcivescovo di Guangzhou, mons. Joseph Gan Junqiu, subito prima di impartire la benedizione ai fedeli accorsi nella cattedrale del Sacro Cuore per partecipare alla sua ordinazione. Lo riferiscono ad AsiaNews fonti locali, che hanno seguito la cerimonia.
 
La messa solenne si è svolta questa mattina nella “Casa di Pietra”, la grande cattedrale che si trova nel centro della città. La stampa ed i fedeli delle altre diocesi non sono stati ammessi alla cerimonia “per mancanza di spazio”. Hanno partecipato circa 900 fedeli, dotati di biglietti lasciapassare con sopra segnato il numero di banco loro assegnato e persino la posizione da occupare all’interno dello stesso.
 
“Imponente” la presenza di agenti della polizia locale e membri dell’Associazione patriottica dei cattolici cinesi [Ap, organo governativo non riconosciuto dalla Santa Sede, che interferisce con la vita della Chiesa e cerca di imporre nelle diocesi i propri vescovi senza il consenso vaticano ndr], che “hanno controllato a vista tutte le persone riunite nella piazza, per tutta la durata della messa”.
 
Nonostante questo clima, mons. Gan ha approfittato del momento in cui i fedeli si sono scambiati il segno della pace per scendere dall’altare, uscire dalla cattedrale e raggiungere una sala vicina alla chiesa, dove si trovavano altri cattolici che assistevano alla messa tramite un mega schermo. Qui, ha abbracciato gli unici stranieri presenti, in segno di comunione con la Chiesa universale.
 
I cattolici dell’arcidiocesi di Guangzhou ripongono molte speranze nel loro nuovo pastore. Egli, dicono ad AsiaNews, “è aperto di mente e di cuore ed è stimato dalla gente. Non ama i compromessi, ma sa pure trovare forme di equilibrio là dove talvolta sia difficile praticare la tolleranza. Tutto questo costa sofferenza interiore e comporta amore per la sua gente e per la Chiesa, che è universale. E’ ormai da molti anni che non abbiamo un pastore e siamo felicissimi di questa grazia del Signore”.
 
Mons. Gan è stato eletto arcivescovo nel novembre del 2006. Subito dopo la sua elezione, ha ricevuto e comunicato ai fedeli del posto l’approvazione della Santa Sede. Grazie all’ostruzionismo dell’Ap, che non ha gradito questa pubblica dichiarazione di fedeltà al Papa, la sua ordinazione è rimasta bloccata fino ad oggi.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/12/2007 CINA
Arcivescovo di Guangzhou: “Combattere la minaccia del materialismo”
16/11/2007 CINA - VATICANO
L’AP frena l’ordinazione del vescovo di Guangzhou, approvato dalla Santa Sede
03/12/2007 CINA – VATICANO
Fissata per domani l’ordinazione del vescovo di Guangzhou
17/09/2007 CINA - VATICANO
Pechino si prepara all’ordinazione di mons. Li Shan; l’AP requisisce la casa del vescovo
18/01/2007 VATICANO - CINA
Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate