20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/11/2015, 00.00

    ISRAELE-PALESTINA-UE

    Obbligatoria l’etichetta sui prodotti israeliani dalle colonie nei Territori occupati. Netanyahu: E’ nazismo

    Joshua Lapide

    D’ora in poi le etichette di frutta, olio, cosmetici dal Mar Morto, prodotti industriali dovranno specificare se sono “Made in Israel” o nei Territori occupati della West Bank, del Golan, di Gerusalemme est. Israele teme un boicottaggio. Per l’Olp la decisione Ue è buona, ma insufficiente. Anche se ci fosse un boicottaggio, esso varrebbe circa 50 milioni di dollari Usa, una goccia nel commercio fra Ue e Israele.

    Gerusalemme (AsiaNews) – La Commissione europea ha emesso nuove linee guida perché i prodotti israeliani abbiano l’indicazione della provenienza distinguendo fra quelli prodotti nelle colonie nei Territori palestinesi occupati e nel Golan e quelli prodotti in Israele.

    Il premier Benjamin Netanyahu ha bollato la decisione come una “memoria buia” dei tempi del nazismo, quando nel 1933 la Germania decise un boicottaggio dei prodotti ebraici.

    Almeno 500mila israeliani vivono e lavorano in insediamenti nei Territori occupati da Israele nel 1967. Essi comprendono la Striscia di Gaza, la West Bank, le alture del Golan e Gerusalemme est. Secondo la legge internazionale essi sono illegali, ma Israele tende a non parlare di questa situazione. I dialoghi fra Israele e Palestina sono arenati da anni a causa della continua crescita di tali insediamenti.

    D’ora in poi le produzioni agricole, cosmetiche, industriali di queste zone devono avere nell’etichetta la denominazione d’origine. Il ministero israeliano degli esteri parla di “boicottaggio”. In ogni caso è dal 2004 che i prodotti degli insediamenti non godono delle stesse facilitazioni date ai prodotti israeliani. L’etichettatura specifica sugli insediamenti è già richiesta da Gran Bretagna, Danimarca e Belgio.

    Israele teme che la denominazione di origine porti al boicottaggio dei prodotti delle colonie, come frutta (uva e datteri), vino, pollame, miele, olio d’oliva e cosmetici dal Mar Morto.

    Per fare pressioni contro l’occupazione, Israele è da tempo oggetto di una campagna di boicottaggio globale denominata BDS (Boycott, Divestment and Sanctions: boicotta, disinvesti, sanziona), ma essa non ha avuto quasi alcuna influenza. Negli ultimi 9 anni, le esportazioni israeliane sono cresciute da 7,8  a 15,5 miliardi.

    L’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), ha definito “positiva” , ma non sufficiente la decisione della Ue. Secondo l’Olp si dovrebbe passare dalla etichettatura al boicottaggio.

    Il ministero israeliano dell’economia stima che l’impatto di un possibile boicottaggio si aggiri attorno ai 50milioni di dollari Usa all’anno, circa un quinto di tutta la produzione annuale degli insediamenti: una goccia nell’oceano degli scambi fra Israele e l’Unione europea, valutata attorno ai 30 miliardi di beni e servizi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/02/2018 12:33:00 UE-ISRAELE-PALESTINA
    Diplomatici europei contro ‘l’emarginazione economica, politica e sociale dei palestinesi’

    L’accusa della missione europea sulle politiche israeliane a Gerusalemme est: dall’isolamento fisico, all’uso eccessivo della forza, agli insediamenti, fino alle violenze dei coloni. L’Europa deve rispettare il “consenso internazionale su Gerusalemme”. Stanziati 42,5 milioni di euro per l’edificazione di uno Stato palestinese. Onu: 206 aziende coinvolte negli insediamenti. 



    11/01/2018 13:55:00 ISRAELE - PALESTINA
    Cisgiordania, l’espansione delle colonie è ‘l’ultima pallottola’ alla soluzione dei due Stati

    Approvate 1.122 unità abitative e aperta gara d’appalto per aggiuntive 651. Nel 2017 sono state demolite 420 strutture palestinesi. Continua anche la violenza: ucciso un colono ebraico in un avamposto illegale.



    21/02/2011 ISRAELE – PALESTINA
    Il veto Usa all’Onu, un boomerang contro Israele
    Gli Stati Uniti hanno messo il veto a una bozza di risoluzione per fermare gli insediamenti dei coloni israeliani nei territori occupati. In tal modo gli Usa danneggiano se stessi nei confronti del mondo arabo, ma rischiano anche di far cadere la soluzione dei “due Stati”. Israele rischia di essere cancellato come focolare del popolo ebraico perché dovrà accogliere una maggioranza palestinese.

    01/12/2017 12:03:00 ISRAELE-PALESTINA
    Un palestinese e un israeliano uccisi lo stesso giorno

    Il palestinese è stato ucciso nel nord della Cisgiordania da un colono armato. Testimoni palestinesi affermano che stava curando la sua terra. L’esercito israeliano, giunto a scontro finito, sostiene che il colono si è difeso dal lancio di sassi. In serata, un soldato israeliano di 19 anni è stato ucciso a coltellate.



    01/02/2017 08:32:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele autorizza altre 3mila case per i coloni nei Territori occupati

    È il quarto annuncio in due settimane, da quando Trump è presidente. Ma le colonie nei Territori occupati sono cresciute anche sotto Obama. Rendere impossibile la nascita di uno Stato palestinese





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®