12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/11/2015, 00.00

    ISRAELE-PALESTINA-UE

    Obbligatoria l’etichetta sui prodotti israeliani dalle colonie nei Territori occupati. Netanyahu: E’ nazismo

    Joshua Lapide

    D’ora in poi le etichette di frutta, olio, cosmetici dal Mar Morto, prodotti industriali dovranno specificare se sono “Made in Israel” o nei Territori occupati della West Bank, del Golan, di Gerusalemme est. Israele teme un boicottaggio. Per l’Olp la decisione Ue è buona, ma insufficiente. Anche se ci fosse un boicottaggio, esso varrebbe circa 50 milioni di dollari Usa, una goccia nel commercio fra Ue e Israele.

    Gerusalemme (AsiaNews) – La Commissione europea ha emesso nuove linee guida perché i prodotti israeliani abbiano l’indicazione della provenienza distinguendo fra quelli prodotti nelle colonie nei Territori palestinesi occupati e nel Golan e quelli prodotti in Israele.

    Il premier Benjamin Netanyahu ha bollato la decisione come una “memoria buia” dei tempi del nazismo, quando nel 1933 la Germania decise un boicottaggio dei prodotti ebraici.

    Almeno 500mila israeliani vivono e lavorano in insediamenti nei Territori occupati da Israele nel 1967. Essi comprendono la Striscia di Gaza, la West Bank, le alture del Golan e Gerusalemme est. Secondo la legge internazionale essi sono illegali, ma Israele tende a non parlare di questa situazione. I dialoghi fra Israele e Palestina sono arenati da anni a causa della continua crescita di tali insediamenti.

    D’ora in poi le produzioni agricole, cosmetiche, industriali di queste zone devono avere nell’etichetta la denominazione d’origine. Il ministero israeliano degli esteri parla di “boicottaggio”. In ogni caso è dal 2004 che i prodotti degli insediamenti non godono delle stesse facilitazioni date ai prodotti israeliani. L’etichettatura specifica sugli insediamenti è già richiesta da Gran Bretagna, Danimarca e Belgio.

    Israele teme che la denominazione di origine porti al boicottaggio dei prodotti delle colonie, come frutta (uva e datteri), vino, pollame, miele, olio d’oliva e cosmetici dal Mar Morto.

    Per fare pressioni contro l’occupazione, Israele è da tempo oggetto di una campagna di boicottaggio globale denominata BDS (Boycott, Divestment and Sanctions: boicotta, disinvesti, sanziona), ma essa non ha avuto quasi alcuna influenza. Negli ultimi 9 anni, le esportazioni israeliane sono cresciute da 7,8  a 15,5 miliardi.

    L’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), ha definito “positiva” , ma non sufficiente la decisione della Ue. Secondo l’Olp si dovrebbe passare dalla etichettatura al boicottaggio.

    Il ministero israeliano dell’economia stima che l’impatto di un possibile boicottaggio si aggiri attorno ai 50milioni di dollari Usa all’anno, circa un quinto di tutta la produzione annuale degli insediamenti: una goccia nell’oceano degli scambi fra Israele e l’Unione europea, valutata attorno ai 30 miliardi di beni e servizi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2011 ISRAELE – PALESTINA
    Il veto Usa all’Onu, un boomerang contro Israele
    Gli Stati Uniti hanno messo il veto a una bozza di risoluzione per fermare gli insediamenti dei coloni israeliani nei territori occupati. In tal modo gli Usa danneggiano se stessi nei confronti del mondo arabo, ma rischiano anche di far cadere la soluzione dei “due Stati”. Israele rischia di essere cancellato come focolare del popolo ebraico perché dovrà accogliere una maggioranza palestinese.

    01/12/2017 12:03:00 ISRAELE-PALESTINA
    Un palestinese e un israeliano uccisi lo stesso giorno

    Il palestinese è stato ucciso nel nord della Cisgiordania da un colono armato. Testimoni palestinesi affermano che stava curando la sua terra. L’esercito israeliano, giunto a scontro finito, sostiene che il colono si è difeso dal lancio di sassi. In serata, un soldato israeliano di 19 anni è stato ucciso a coltellate.



    01/02/2017 08:32:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele autorizza altre 3mila case per i coloni nei Territori occupati

    È il quarto annuncio in due settimane, da quando Trump è presidente. Ma le colonie nei Territori occupati sono cresciute anche sotto Obama. Rendere impossibile la nascita di uno Stato palestinese



    15/03/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Polizia israeliana in stato d’allerta; palestinesi in sciopero
    Palestinesi d’Israele e gruppi islamici mobilitati alla Spianata delle Moschee, che la polizia israeliana ha proibito a uomini sotto i 50 anni. Oggi vi sarà anche l’inaugurazione della sinagoga di Hurva, segno ulteriore dell’esproprio israeliano della città.

    17/12/2014 PALESTINA-ISRAELE
    Palestinesi all'Onu per la fine dell'occupazione israeliana. La minaccia del veto Usa
    I sostenitori della risoluzione al Consiglio di sicurezza sono Giordania e Paesi arabi. Si chiede che entro due anni termini l'occupazione israeliana dei territori occupati e di Gerusalemme est. La Corte della Ue toglie Hamas dalla lista delle organizzazioni terroristiche per "motivi tecnici". I passi diplomatici sono l'ultima via percorribile dopo decenni di frustrazioni.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®