24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/07/2017, 08.46

    COREA

    Offensiva diplomatica del Sud per la pace



    La sede dei colloqui potrebbe essere quella di Tongilgak, un edificio nordcoreano nel complesso di Panmunjom nella zona demilitarizzata tra i due Paesi, già utilizzato per ospitare degli incontri precedenti. Il Sud propone la data 21 luglio: I primi obiettivi sono il ripristino delle linee di comunicazione tra le due Coree e lo stop a tutte le attività ostili al confine fortificato

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - La Corea del Sud ha proposto di riaprire la trattativa con il Nord, dopo settimane di tensione dovute al test missilistico a lungo raggio di Pyongyang. Se l’iniziativa dovesse procedere si tratterebbe dei primi colloqui ad alto livello dal 2015.

    Un alto ufficiale del Sud ha detto che il dialogo dovrebbe mirare a fermare "tutte le attività ostili che sollevano la tensione militare" al confine fortificato tra le Coree. Il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in ha da tempo segnalato che vuole riaprire i rapporti con il Nord. Ma la Corea del Nord non ha ancora risposto a questa proposta.

    In un recente intervento a Berlino, Moon ha detto che il dialogo non si può più rimandare e ha chiesto l'adozione di un trattato di pace. Ha aggiunto che tale sforzo è cruciale per chi cerca davvero la fine del programma di armamento nucleare di Pyongyang.

    I test sempre più frequenti del Nord, inclusi quelli più recenti relativi alla realizzazione di un missile balistico intercontinentale, sono in aperta violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite e hanno allarmato l’area e gli Stati Uniti.

    Il vice ministro della Difesa della Corea del Sud, Suh Choo-suk, ha detto nel corso di un briefing sui media che i colloqui potrebbero essere tenuti a Tongilgak, un edificio nordcoreano nel complesso di Panmunjom nella zona demilitarizzata tra i due paesi, già utilizzato per ospitare i colloqui precedenti. Ha proposto che i colloqui si svolgano a partire dal 21 luglio ed ha aggiunto: "Ci aspettiamo una risposta positiva dal Nord".

    Il ministro dell'Unificazione della Corea del Sud Cho Myoung-gyon ha anche sollecitato il ripristino delle linee di comunicazione tra le due Coree, tagliate l'anno scorso dopo un test nucleare nordcoreano.

    La corrispondente della BBC a Seoul, Karen Allen, ha spiegato che per interrompere il confronto militare che ha dominato i rapporti tra le due Coree per decenni nell’immediato potrebbero essere proposte delle semplici misure in grado di ricostruire la fiducia. Come per esempio il termine delle trasmissioni propagandistiche degli altoparlanti lungo il confine.

    La Croce Rossa e il governo hanno anche proposto una riunione separata, volta a discutere come trattare l’annosa questione delle riunioni delle famiglie separate dalla guerra di Corea, che si concluse nel 1953.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/07/2017 11:03:00 COREA DEL NORD - USA
    Pyongyang reagisce ai bombardieri Usa nei cieli coreani

    In un’editoriale del quotidiano nordcoreano Rodong Sinmun si legge: "Gli Usa con la loro pericolosa provocazione militare, stanno spingendo la penisola coreana sull’orlo del precipizio di una guerra nucleare”. "Gli Stati Uniti”, aggiunge il quotidiano del regime comunista di Kim Jong-Un, “dicono che aumenterà la presenza di caccia bombardieri strategici nella penisola coreana, ma è una mossa folle: come accendere un fuoco in un deposito di munizioni. Al minimo incidente si può scatenare un guerra nucleare che inevitabilmente porterà ad un'altra guerra mondiale". La corsa del presidente della Corea del Sud Moon Jae-In per tenere aperte le porte del dialogo



    17/11/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD – ONU
    Seoul a favore di una risoluzione Onu sui diritti umani in Corea del Nord

    Per la prima volta in assoluto, la Corea del Sud si unisce alla comunità internazionale per condannare gli abusi di Pyongyang. Il cambiamento di politica influenzato anche dalla nomina di Ban Ki-moon al vertice delle Nazioni Unite.



    10/10/2006 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    I fumi dell'atomica nordcoreana nascondono i gravi problemi interni del regime
    Secondo un politico sudcoreano, l'annuncio di Pyongyang ha 4 spiegazioni: il distacco dell'esercito dalla politica di Kim Jong-il, la popolazione sempre meno motivata, la visita del primo ministro giapponese a Seoul e la nomina di Ban Ki-moon a segretario generale dell'Onu.

    12/04/2017 08:58:00 COREA DEL SUD
    Moon, candidato cattolico alla presidenza: Protagonisti del dialogo con Kim Jong-un, non spettatori

    Dialoghi diretti con Kim Jong-un e revisione dello spiegamento del sistema antimissilistico Thaad. Intanto gli Usa inviano la portaerei Carl Vinson nel mar del Giappone per una prova di forza. Xi Jinping: Usiamo mezzi pacifici.



    30/06/2017 09:07:00 USA - COREA
    Moon e Trump a confronto sulla Nord Corea. Gli accordi e i disaccordi

    Trump si è impegnato ad aumentare la pressione su Pyongyang. Moon non vuole mettere da parte la diplomazia e gli aspetti umanitari. Sullo sfondo la realizzazione del Thaad, lo scudo missilistico americano in Corea del Sud che tanto fa arrabbiare Pechino.

     





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®