25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/08/2017, 08.59

    IRAQ

    Offensiva irakena contro l’Isis a Tal Afar, timori per la sorte di migliaia di civili



    I soldati governativi hanno già assunto il controllo di alcuni villaggi nell’area. La città sorge lungo la via che collega Mosul al confine siriano ed è strategica per il passaggio di uomini e merci. All’interno vi sarebbero fino a 50mila persone intrappolate. Visita a sorpresa in Iraq del capo di Pentagono, previsti incontri con il premier e il presidente curdo. 

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - È giunta al terzo giorno l’offensiva sferrata dalle forze irakene contro lo Stato islamico (SI, ex Isis) a Tal Afar, nel nord del Paese, ultimo bastione ancora nelle mani delle milizie jihadiste. I soldati dell’esercito governativo hanno già assunto il controllo di alcuni villaggi alla periferia della città, che sorge lungo la direttrice che conduce da Mosul al confine siriano. 

    L’attacco è iniziato all’alba del 20 agosto e giunge a poche settimane di distanza dalla riconquista di Mosul, per anni considerata la “capitale” del sedicente Califfato islamico in Iraq. Una eventuale caduta di Tal Afar sarebbe un ulteriore, durissimo colpo alle milizie dell’Isis, che fino a pochi mesi fa controllavano gran parte del nord dell’Iraq e del settore orientale della Siria. 

    Protagonisti dell’offensiva contro il bastione jihadista sono l’esercito irakeno, la polizia federale, le forze anti-terrorismo e circa 20mila combattenti delle milizie paramilitari (sciite, sostenute dall’Iran) di Hashed al-Shaabi. L’attacco viene condotto su tre diversi fronti: occidentale, meridionale e sud-orientale; l’obiettivo è riprendere l’intero controllo dell’area, dal 2014 nelle mani dei jihadisti. 

    Nelle scorse settimane l’aviazione ha sferrato una serie di raid aerei per indebolire le difese dello SI e preparare così il terreno per l’offensiva militare che, nei prossimi giorni, dovrebbe puntare anche sulla vicina cittadina di Hawijah, in direzione sud. Nell’area i caccia dell’esercito hanno lanciato volantini in cui si afferma che “riprendere la vostra città è il prossimo obiettivo delle forze armate”. 

    Come per Mosul, i timori della battaglia di Tal Afar riguardano la sorte di migliaia di civili intrappolati in città e impossibilitati a fuggire. Stime della coalizione affermano che all’interno vi sarebbero dalle 10mila alle 50mila persone tuttora bloccate. Lisa Grande, rappresentante speciale Onu in Iraq per le questioni umanitarie, riferisce che “oltre 30mila persone hanno già lasciato” la regione di Tal Afar, in cui vivevano fino a 200mila persone prima dell’arrivo dell’Isis, e altre migliaia sarebbero pronte a partire nei prossimi giorni. “Alcune famiglie sono disposte a camminare dalle 10 alle 20 ore, in condizioni di caldo estremo - aggiunge - per raggiungere i punti di raccolta. Essi arrivano esausti e disidratati”. 

    L’offensiva di Tal Afar mostra, una volta di più, la debolezza militare dello Stato islamico in Iraq e in Siria, dove continua a perdere terreno e a perdere sempre più zone un tempo sotto il loro controllo. Analisti ed esperti sottolineano che gli attentati in Europa e in altre zone dell’Occidente, dall’ultimo attacco di Barcellona alle stragi del passato, sono una risposta dei jihadisti alle sconfitte interne. Un cambiamento nella strategia che, archiviato per il momento il sogno del Califfato, punta a colpire al cuore dell’Ue. 

    Questa mattina, intanto, il segretario della Difesa Usa Jim Mattis è atterrato a Baghdad, per una visita a sorpresa; il capo del Pentagono incontrerà il premier Haider al-Abadi e altri alti funzionari di governo, oltre che il presidente della regione autonoma curda Massoud Barzani a Erbil. “Lo Stato islamico - ha sottolineato Mattis - ha i giorni contati, questo è certo” anche se “non è scomparso del tutto” e la sua fine “non avverrà a breve”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2017 08:59:00 IRAQ
    L’esercito irakeno caccia l’Isis da Tal Afar. Preoccupa la sorte dei civili

    In una settimana le forze della coalizione hanno vinto la resistenza dei jihadisti, liberando la città. Ora l’obiettivo è Al-Ayadieh, a 15 km, lungo la strada che conduce al confine con la Siria. Attivisti e ong lanciano appelli per la tutela della popolazione, decine di famiglie accolte nel centro sanitario di Badush in condizioni precarie. 

     



    16/10/2015 IRAQ
    Iraq, parlamentare cristiano: Unite, Mosca e Washington possono battere lo Stato islamico
    Yonadam Kanna, dell’Assyrian Democratic Movement, è convinto che il Paese saprà mantenersi unito. Solo i curdi, in futuro, potrebbero “staccarsi” in cerca di autonomia. L’intervento di Mosca, spiega ad AsiaNews, è "decisivo" nella lotta contro i jihadisti; fondamentale unire gli intenti nella lotta al terrorismo. Sempre più critica la situazione dei cristiani, servono protezione, aiuti e riconciliazione nazionale.

    14/06/2017 14:18:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive

    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     



    18/03/2016 15:34:00 SIRIA - STATI UNITI
    Patriarca Laham su Kerry: In Siria vi è un conflitto, non un genocidio

    Ad AsiaNews Gregorio III critica le affermazioni del segretario di Stato Usa, perché “non fanno bene” ai gruppi etnici e religiosi nel Paese. Per il presule bisogna evitare di associare “la religione alla guerra”, perché altrimenti si “esaspera il clima”. Necessario lavorare per la pace e la convivenza. Dai vescovi siriani richiesta di preghiere per il buon esito dei colloqui a Ginevra. 



    30/06/2009 IRAQ
    Vescovi cattolici: fra “speranza e paura”, l’Iraq assiste al ritiro delle truppe Usa
    I prelati sottolineano il desiderio di “costruire un futuro all’insegna della riconciliazione nazionale”. Restano le divisioni “etniche e confessionali” e la minaccia di “elementi esterni” che vogliono alimentare il caos. A Mosul restano le tensioni fra sunniti e curdi; nella capitale riferiscono che “l’esercito irakeno non è pronto ad assumere il controllo”.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®