26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/10/2008
PAKISTAN - AFGHANISTAN
Oggi l’esercito risponde al Parlamento pachistano sulla “guerra al terrore”
di Qaiser Felix
Grande attesa per sapere l’esatta situazione di una guerra che il nuovo governo vuole vincere per sradicare l’estremismo militante. Intanto Islamabad caccia circa 50mila profughi afgani e l’Afghanistan cerca la pace con i talebani del mullah Omar.

Islamabad (AsiaNews) – Questa sera l’Assemblea nazionale e il Senato pakistano in seduta congiunta (è solo la terza seduta congiunta nella storia di quel parlamento) sentiranno i vertici dell’esercito pakistano sull’attuale situazione e le operazioni in corso nelle zone tribali, nella guerra contro l’estremismo islamico.

Misure di sicurezza eccezionali intorno alla camera dell’Assemblea nazionale, con blocchi stradali e controlli su tutti i veicoli nelle strade circostanti. I media non sono ammessi al dibattito, che discuterà anche di sicurezza nazionale.

Il sacerdote Bonnie Mendes, direttore del Centro sviluppo umano, spiega ad AsiaNews che il Pakistan è in un momento cruciale, perché la guerra in corso è anche contro la sua popolazione e la gente è divisa tra la maggioranza che sostiene il governo e una forte componente di estremisti islamici che lo sfidano. “Qualsiasi cosa dica oggi il Parlamento – spiega – il governo sembra deciso a continuare la lotta contro chi fa il terrorismo in nome dell’Islam e a sradicare questo estremismo”. Padre Mendes è critico verso gli Usa, che non comprendono la situazione geopolitica del Paese e interferiscono nelle sue questioni interne, con continue dichiarazioni che lo mettono in difficoltà. Mentre l’ex presidente Pervez Musharraf ha agito in modo prudente verso gli estremisti, specie nella Provincia Frontiera nord occidentale (Pfno), l’attuale governo è deciso a debellare questo estremismo militante.

A conferma, oggi il governo ha ordinato il rimpatrio di circa 50mila profughi afgani, fuggiti dal loro Paese per la guerra tra talebani ed esercito, minacciando di usare la forza. Sono ritenuti avere rapporti e supportare i combattenti talebani. Il governo vuole riprendere il controllo di questi territori, da anni vere zone franche per gli estremisti. Sono già stati arrestati almeno 45 afgani e chiusi molti loro negozi.

Ieri nella zona di Swat i talebani locali hanno fatto saltare due scuole private per ragazze, tra cui il Sangota Public Girls tenuto dalle Suore apostoliche carmelitane dello Sri Lanka. L’edificio è distrutto ma non ci sono state vittime perché a seguito di minacce scuola e convento erano chiusi da giorni. Nella Pfno in due anni i talebani hanno assalito con esplosivo oltre 150 scuole femminili.

Intanto fonti afgane dicono che  a settembre durante il Ramadan a La Mecca (Arabia Saudita) rappresentanti del presidente afgano Hamid Karzai, guidati dal parlamentare Arif Noorzai, hanno incontrato una delegazione talebana, tra cui il mullah Mohamed Tayeb Agha, portavoce del mullah Omar, e Mawlawi Abdul Kabir membro eminente del Consiglio talebano dei ministri, per “negoziati” durati tre giorni. Pare che gruppi talebani vogliano “prendere le distanze” da al Qaeda.

Secca smentita di entrambe le parti. Ma una settimana fa Karzai ha invitato il mullah Omar a “colloqui di pace” e ha chiesto all’Arabia Saudita di fare da mediatore per concludere una guerra durata 7 anni, con almeno 3.800 morti solo nel 2008, di cui un terzo civili. L’Arabia è uno dei tre soli Paesi che avevano riconosciuto il regime talebano prima dell’invasione delle truppe internazionali del 2001.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2008 PAKISTAN
Violenti scontri tra esercito e ribelli islamici nella Swat Valley
19/07/2007 AFGHANISTAN
Il principale alleato dei talebani dichiara la fine della lotta armata
11/12/2008 INDIA - PAKISTAN
Forse i terroristi di Mumbai hanno complici indiani e basi in Nepal
18/09/2008 PAKISTAN – STATI UNITI
Pakistan e Usa ai ferri corti per le operazioni contro i talebani
di Qaiser Felix
27/07/2009 AFGHANISTAN
Kabul ottiene una tregua dai talebani. Perchè l'occidente sta perdendo la guerra

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate