01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/10/2008, 00.00

    PAKISTAN - AFGHANISTAN

    Oggi l’esercito risponde al Parlamento pachistano sulla “guerra al terrore”

    Qaiser Felix

    Grande attesa per sapere l’esatta situazione di una guerra che il nuovo governo vuole vincere per sradicare l’estremismo militante. Intanto Islamabad caccia circa 50mila profughi afgani e l’Afghanistan cerca la pace con i talebani del mullah Omar.

    Islamabad (AsiaNews) – Questa sera l’Assemblea nazionale e il Senato pakistano in seduta congiunta (è solo la terza seduta congiunta nella storia di quel parlamento) sentiranno i vertici dell’esercito pakistano sull’attuale situazione e le operazioni in corso nelle zone tribali, nella guerra contro l’estremismo islamico.

    Misure di sicurezza eccezionali intorno alla camera dell’Assemblea nazionale, con blocchi stradali e controlli su tutti i veicoli nelle strade circostanti. I media non sono ammessi al dibattito, che discuterà anche di sicurezza nazionale.

    Il sacerdote Bonnie Mendes, direttore del Centro sviluppo umano, spiega ad AsiaNews che il Pakistan è in un momento cruciale, perché la guerra in corso è anche contro la sua popolazione e la gente è divisa tra la maggioranza che sostiene il governo e una forte componente di estremisti islamici che lo sfidano. “Qualsiasi cosa dica oggi il Parlamento – spiega – il governo sembra deciso a continuare la lotta contro chi fa il terrorismo in nome dell’Islam e a sradicare questo estremismo”. Padre Mendes è critico verso gli Usa, che non comprendono la situazione geopolitica del Paese e interferiscono nelle sue questioni interne, con continue dichiarazioni che lo mettono in difficoltà. Mentre l’ex presidente Pervez Musharraf ha agito in modo prudente verso gli estremisti, specie nella Provincia Frontiera nord occidentale (Pfno), l’attuale governo è deciso a debellare questo estremismo militante.

    A conferma, oggi il governo ha ordinato il rimpatrio di circa 50mila profughi afgani, fuggiti dal loro Paese per la guerra tra talebani ed esercito, minacciando di usare la forza. Sono ritenuti avere rapporti e supportare i combattenti talebani. Il governo vuole riprendere il controllo di questi territori, da anni vere zone franche per gli estremisti. Sono già stati arrestati almeno 45 afgani e chiusi molti loro negozi.

    Ieri nella zona di Swat i talebani locali hanno fatto saltare due scuole private per ragazze, tra cui il Sangota Public Girls tenuto dalle Suore apostoliche carmelitane dello Sri Lanka. L’edificio è distrutto ma non ci sono state vittime perché a seguito di minacce scuola e convento erano chiusi da giorni. Nella Pfno in due anni i talebani hanno assalito con esplosivo oltre 150 scuole femminili.

    Intanto fonti afgane dicono che  a settembre durante il Ramadan a La Mecca (Arabia Saudita) rappresentanti del presidente afgano Hamid Karzai, guidati dal parlamentare Arif Noorzai, hanno incontrato una delegazione talebana, tra cui il mullah Mohamed Tayeb Agha, portavoce del mullah Omar, e Mawlawi Abdul Kabir membro eminente del Consiglio talebano dei ministri, per “negoziati” durati tre giorni. Pare che gruppi talebani vogliano “prendere le distanze” da al Qaeda.

    Secca smentita di entrambe le parti. Ma una settimana fa Karzai ha invitato il mullah Omar a “colloqui di pace” e ha chiesto all’Arabia Saudita di fare da mediatore per concludere una guerra durata 7 anni, con almeno 3.800 morti solo nel 2008, di cui un terzo civili. L’Arabia è uno dei tre soli Paesi che avevano riconosciuto il regime talebano prima dell’invasione delle truppe internazionali del 2001.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/08/2008 PAKISTAN
    Violenti scontri tra esercito e ribelli islamici nella Swat Valley
    Violata la fragile pace istituita a maggio. In pochi giorni decine di morti e vittime civili. L’esercito spara con artiglieria ed elicotteri, mentre le milizie islamiche incendiano installazioni statali e scuole femminili. A maggio un armistizio molto criticato, che forse ha permesso ai talebani di rafforzarsi.

    19/07/2007 AFGHANISTAN
    Il principale alleato dei talebani dichiara la fine della lotta armata
    Gulbuddin Hekmatyar annuncia che continuerà la battaglia “a livello politico” e punterà alla formazione di “un sistema islamico” che garantisca la pace.

    18/09/2008 PAKISTAN – STATI UNITI
    Pakistan e Usa ai ferri corti per le operazioni contro i talebani
    Ripetuti episodi di sconfinamento dell’esercito americano in territorio pakistano hanno “irritato” Islamabad, che chiede “il rispetto dei confini nazionali”. Un raid di un aereo spia statunitense colpisce un deposito di munizioni, uccidendo sette guerriglieri e ferendone altri tre.

    11/12/2008 INDIA - PAKISTAN
    Forse i terroristi di Mumbai hanno complici indiani e basi in Nepal
    L’India rafforza le misure di sicurezza. Intanto l’Onu mette fuori legge un gruppo caritativo pakistano, ma i suoi leader si appellano al governo. Attesa per le reazioni di Islamabad, dove oggi è volato il vicesegretario di Stato Usa.

    27/07/2009 AFGHANISTAN
    Kabul ottiene una tregua dai talebani. Perchè l'occidente sta perdendo la guerra
    Per il voto del 20 agosto, i talebani di Badghis si impegnano a non attaccare i seggi e a ritirarsi da zone strategiche. Fonti di AsiaNews: i Paesi occidentali devono chiedersi, e capire, perché stanno perdendo la guerra.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®