12/08/2016, 10.41
HONG KONG – CINA
Invia ad un amico

Olimpiadi: la sfida a badminton con la Cina fomenta gli indipendentisti di Hong Kong

I “localisti” sognano di staccarsi dalla madrepatria e scelgono l’area di Mong Kok per proiettare la partita: “Non c’è ragione per noi di tifare il team Cina”. Dietro all’evento anche gli “indigeni”, accusati di aver fomentato i violenti scontri dei mesi scorsi fra venditori ambulanti e polizia.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – La sfida a badminton fra la squadra cinese e quella di Hong Kong rischia di scatenare nuove violenze nell’ex colonia britannica. Un variegato gruppo di “localisti”, movimenti e singoli che sognano l’indipendenza dalla Cina popolare, ha infatti deciso di proiettare la partita all’aperto nell’area di Mong Kok. Questa è stata già mesi fa teatro di un violentissimo scontro fra alcuni venditori ambulanti e la polizia: fra gli ambulanti, poi arrestati, anche diversi esponenti della fazione contraria a Pechino.

L’evento di oggi è organizzato dal gruppo studentesco ProgressUST, dal “campione degli indipendentisti” Simon Sin e da Hong Kong Indigenous, gruppo radicale e violento accusato di essere la mente degli scontri dello scorso anno.

A contendersi il passaggio di turno olimpico nelle arene di Rio saranno Zhan Nan e Zhao Yunlei per la Cina e Chau Hoi-wah e Reginald Lee Chun-hei per Hong Kong. Gli “indigeni” portano avanti da giorni una campagna – da alcuni definita troppo aggressiva – per “invitare” gli abitanti dell’ex colonia britannica a “sostenere la nostra vera squadra”. Di fatto, dati i risultati non brillantissimi del team di Hong Kong ai Giochi, moltissimi abitanti preferiscono tifare la Cina o almeno entrambe le delegazioni.

Simon Sin ha invitato tutti all’evento, e ha scritto sulla sua pagina Facebook: “Questa partita vista insieme in pubblico servirà a far capire alla comunità internazionale, al popolo cinese e al pubblico che per noi non c’è ragione di sostenere il team Cina”. Dal canto suo, la polizia ha “promesso” di controllare “da vicino” la situazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I 20 anni del passaggio di Hong Kong alla Cina. Entra in scena anche Yao Ming
05/05/2017 13:13
Giustizia e pace di Hong Kong, a sostegno del movimento democratico “degli ombrelli”
10/04/2015
I leader di Occupy Central si consegneranno alla polizia. Con loro il card. Zen
02/12/2014
Occupy: la polizia sgombra Nathan Road. Almeno 116 arresti
26/11/2014
Occupy Central: via barricate e tende da Mong Kok
25/11/2014