25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/06/2012, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Oltre 25mila in marcia ad Hong Kong per domandare un'inchiesta sulla morte di Li Wangyang

    Eugenia Zhang

    Anche un deputato pro-Pechino domanda luce sulla morte. Secondo le autorità cinesi, il dissidente di Tiananmen, divenuto cieco e sordo per le torture subite in carcere, si sarebbe "suicidato". Due giorni fa è stato cremato e seppellito. Un dimostrante: Si uccide il movimento democratico come 23 anni fa a Tiananmen.

    Hong Kong (AsiaNews) - Decine di migliaia di persone hanno marciato verso gli uffici del governo cinese a Hong Kong per esigere un'inchiesta sulla morte sospetta di Li Wangyang, dissidente pro-democrazia dei tempi di Tiananmen, trovato impiccato in una stanza di ospedale a Shaoyang (Hunan). Pur essendoci molte discussioni in Cina e all'estero sulla sua morte, il 9 giugno le autorità  hanno cremato il cadavere, dicendo di averlo fatto "con il consenso" della famiglia Li.

    Oltre 30 organizzazioni erano presenti alla protesta: sindacati, associazioni femminili, cattolici, protestanti, studenti e gruppi politici. Secondo gli organizzatori almeno 25mila hanno preso parte alla marcia dal distretto di Central, fino all'ufficio del Liaison Office del governo di Pechino, nel Western district. La polizia afferma invece che i partecipanti erano solo 5400.

    I dimostranti, quasi tutti vestiti a lutto, hanno espresso doloro per la scomparsa di Li e chiesto giustizia per la sua morte. Essi hanno anche gridato per il rilascio di tutti i dissidenti politici e perché si fermi la repressione contro il movimento democratico in Cina, rivalutando pure il movimento del 4 giugno 1989.

    Molti dei presenti hanno portato fiori e incenso da bruciare per Li. Nel caldo del giorno - almeno 30 gradi - la marcia si è aperta con una grande foto di Li Wangyang e uno striscione con sopra scritto il carattere cinese "dian" (che significa "liberazione"), che i cinesi usano tradizionalmente per i funerali.

    Li, 62 anni, ha passato 21 anni in prigione, in seguito alla repressione contro il movimento di Tiananmen. Nei giorni prima del massacro, era giunto a Pechino da Shaoyang (Hunan) come rappresentante sindacale. Rilasciato nel 2011, egli aveva perso la vista e l'udito e acquisito alcune disabilità a causa delle torture subite in prigione.

    All'inizio di giugno, per commemorare i 23 anni dal massacro del 4 giugno, Li è stato intervistato da un giornale di Hong Kong. Nel dialogo, Li afferma che egli sperava di vedere una Cina democratica e la fine del partito unico; che non rimpiangeva di aver preso parte al movimento democratico. "Anche se mi tagliano la testa - aveva detto - non rimpiango nulla".

    Il 6 giugno Li è stato trovato morto e il governo locale ha dichiarato che egli ha commesso suicidio mentre era in ospedale. Pur con tutti i dubbi sulla sua morte, il suo corpo è stato rimosso e cremato in fretta il 9 giugno. Le autorità cinesi  affermano di avere avuto il consenso della famiglia, ma per ora non è possibile raggiungere la famiglia Li per una conferma. Un amico di Li, che è sotto stretta sorveglianza della polizia, ha telefonato ai media dicendo che i familiari di Li hanno acconsentito alla cremazione sotto l'enorme pressione delle autorità.

    I dimostranti di Hong Kong domandano che vi sia un'inchiesta per fare emergere la verità sulla morte di Li e fare giustizia a Li e alla sua famiglia. Ip Kwok-him, parlamentare di Hong Kong pro-Pechino, membro dell'Assemblea nazionale del popolo (Anp), con un viraggio a 180 grandi, ha preso la decisione di scrivere al presidente dell'Anp, Wu Bangguo, per domandare un'inchiesta sul caso Li. In precedenza aveva detto che non avrebbe fatto nulla.

    Fra i presenti alla marcia, Wong, di professione autista, ha spiegato il motivo della sua partecipazione: egli aveva "grande rispetto per Li, per la sua grande volontà a portare la democrazia in Cina, e per le sofferenze da lui subite in prigione per decenni. Un'inchiesta sulla sua morte è necessaria per fare giustizia a lui e alla sua famiglia. Ventitré anni fa ho visto alla televisione il crescere del movimento democratico di Tiananmen e la violenza in cui è stato soffocato. Ciò è vero allora e adesso. Dobbiamo avere il coraggio di gridare per la giustizia a lui e alla sua famiglia".

    Prima della marcia, un gruppo di 100 cattolici si è radunato per un momento di preghiera per Li e la sua famiglia e per tutti i dissidenti in Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2008 HONG KONG – CINA
    La marcia per le vittime di Tiananmen ricorda i morti del Sichuan
    Gli organizzatori della manifestazione hanno fatto osservare un minuto di silenzio a suffragio delle vittime del sisma che ha colpito la Cina. Banditi slogan e canti, mentre il ricavato della tradizionale raccolta fondi verrà devoluto alla Croce rossa impegnata nelle zone della tragedia.

    05/06/2007 HONG KONG – CINA
    Card. Zen: “Pechino lavi la sporcizia lasciata dal massacro di Tiananmen”
    In occasione dell’anniversario della repressione del movimento anti-corruzione e pro-democrazia, il vescovo di Hong Kong ha guidato un incontro di preghiera per la democrazia ad Hong Kong ed in Cina, che ha preceduto l’imponente veglia in ricordo delle vittime svoltasi in serata nel Victoria Park.

    01/06/2009 HONG KONG - CINA
    Migliaia in marcia ad Hong Kong per ricordare Tiananmen
    L’anno scorso erano mille, quest’anno sono stati 8 mila. Si attende grande partecipazione alla veglia del 4 giugno al Victoria Park. Xiong Yan, già leader di Tiananmen, ora in esilio negli Usa, ha ricevuto il visto un giorno prima, dopo vari rifiuti. Presenti anche alcuni studenti dalla Cina. Hong Kong è l’unico luogo cinese dove in pubblico si commemora Tiananmen.

    04/06/2014 CINA - HONG KONG
    Piazza Tiananmen sotto controllo per il 4 giugno. A Hong Kong si prepara la veglia per ricordare gli uccisi
    Poliziotti e pubblica sicurezza in assetto di guerra. Turisti fermati; giornalisti minacciati. Per i media cinesi vi è un progetto "delle forze anticinesi dell'occidente" per colpire la Cina. Alla veglia del Victoria Park si attendono almeno 150 mila persone. Molti cinesi del continente arrivano segretamente nel territorio per ricordare gli uccisi nel massacro.

    02/06/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, migliaia in piazza per il 25mo anniversario del massacro di Tiananmen
    In attesa della grande veglia della notte fra il 3 e il 4 giugno, l'Alleanza democratica sceglie di sfidare la manifestazione pro-Cina e, nel giorno più caldo dell'anno, sfila per chiedere verità e giustizia sulla repressione del movimento democratico del 1989.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®