23 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/09/2012
ONU
Onu, lotta contro la povertà: donazioni dai Paesi ricchi ridotte di oltre il 50 per cento
Almeno 16 Paesi donatori chiave hanno ridotto i loro contributi a causa della crisi economica globale. I Paesi del G8 non hanno mantenuto le promesse per l'Africa. Medicine e internet ancora troppo cari per i Paesi poveri.

New York (AsiaNews/Agenzie) - Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha annunciato che gli aiuti internazionali per i Paesi in viadi sviluppo sono diminuiti più del 50%. La riduzione, la prima in molti anni, mette in crisi il programma di ridurre la povertà entro il 2015.

In una conferenza stampa svolta due giorni fa, il segretario Onu ha presentato un rapporto sulla povertà e sul cosiddetto MDG (Millennium Development Goals), un programma lanciato nel 2000 che prevedeva donazioni per 300 miliardi di dollari per ridurre la povertà in molti Paesi. Per il 2011 invece le donazioni hanno raggiunto solo la quota di133 miliardi, meno della metà. Almeno 16 Paesi donatori-chiave hanno ridotto il loro contributo a causa della crisi economica globale.

"Per compiere il MDG - ha esortato Ban Ki-moon - abbiamo bisogno di una maggiore e globale partecipazione... Non mettete sulle spalle dei poveri - a casa vostra o in altre nazioni - il peso dell'austerità fiscale".

La tendenza a donare meno si diffonde da diverso tempo. Nel 2005 i Paesi del G8 avevano deciso di aumentare gli aiuti per l'Africa di 25 miliardi all'anno a partire dal 2010, ma la quota non è mai stata raggiunta.

Il segretario dell'Onu ha sottolineato che nei Paesi in via di sviluppo le medicine costano ancora troppo e solo metà delle istituzioni sanitarie riescono a procurarle. Anche internet, soprattutto in Africa, è ancora troppo cara per i poveri.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/02/2007 ASIA
Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
23/09/2010 SRI LANKA
Millennium Goal: i successi dello Sri Lanka tra guerra civile e calamità naturali
di Melani Manel Perera
12/12/2006 CINA
L’inflazione dei prodotti alimentari minaccia centinaia di milioni di cinesi
29/04/2013 CAMBOGIA
In Cambogia nuovi ceppi di malaria resistenti ai farmaci
06/07/2012 INDIA
India, presto medicine gratis per tutta la popolazione

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate