03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/09/2012, 00.00

    ONU

    Onu, lotta contro la povertà: donazioni dai Paesi ricchi ridotte di oltre il 50 per cento



    Almeno 16 Paesi donatori chiave hanno ridotto i loro contributi a causa della crisi economica globale. I Paesi del G8 non hanno mantenuto le promesse per l'Africa. Medicine e internet ancora troppo cari per i Paesi poveri.

    New York (AsiaNews/Agenzie) - Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha annunciato che gli aiuti internazionali per i Paesi in viadi sviluppo sono diminuiti più del 50%. La riduzione, la prima in molti anni, mette in crisi il programma di ridurre la povertà entro il 2015.

    In una conferenza stampa svolta due giorni fa, il segretario Onu ha presentato un rapporto sulla povertà e sul cosiddetto MDG (Millennium Development Goals), un programma lanciato nel 2000 che prevedeva donazioni per 300 miliardi di dollari per ridurre la povertà in molti Paesi. Per il 2011 invece le donazioni hanno raggiunto solo la quota di133 miliardi, meno della metà. Almeno 16 Paesi donatori-chiave hanno ridotto il loro contributo a causa della crisi economica globale.

    "Per compiere il MDG - ha esortato Ban Ki-moon - abbiamo bisogno di una maggiore e globale partecipazione... Non mettete sulle spalle dei poveri - a casa vostra o in altre nazioni - il peso dell'austerità fiscale".

    La tendenza a donare meno si diffonde da diverso tempo. Nel 2005 i Paesi del G8 avevano deciso di aumentare gli aiuti per l'Africa di 25 miliardi all'anno a partire dal 2010, ma la quota non è mai stata raggiunta.

    Il segretario dell'Onu ha sottolineato che nei Paesi in via di sviluppo le medicine costano ancora troppo e solo metà delle istituzioni sanitarie riescono a procurarle. Anche internet, soprattutto in Africa, è ancora troppo cara per i poveri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/02/2007 ASIA
    Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
    Il presidente dell’Asian Development Bank, lancia l’allarme e avverte i governi: la crescita economica non è la soluzione, si deve investire in sanità ed istruzione.

    23/09/2010 SRI LANKA
    Millennium Goal: i successi dello Sri Lanka tra guerra civile e calamità naturali
    Al Summit sulla povertà Rajapaksa elenca i buoni risultati raggiunti dal suo Paese, grazie ai valori della tradizione buddista. In 17 anni il tasso di povertà è diminuito di 11 punti, mentre l’alfabetizzazione si attesta intorno al 97%.

    19/01/2015 ASIA
    Nel 2016 l'1% fra i più ricchi possiederà più del restante 99% (Oxfam)
    Il fossato fra le grandi fortune e il resto della popolazione si allarga sempre più. Fra il 2009 e il 2013 la ricchezza dell'1% dei ricchi è cresciuta dal 44% al 48%. Occorre riscrivere le regole fiscali internazionali tassando di più il capitale e meno il lavoro; fissando salari minimi e attuando una rete di protezione sociale per i più poveri.

    12/12/2006 CINA
    L’inflazione dei prodotti alimentari minaccia centinaia di milioni di cinesi
    Forte aumento del costo dei generi alimentari, mentre scende il prezzo di prodotti di consumo. Ne soffrono i poveri che, nella Cina del boom economico, sono privi di sostegno pubblico di fronte a una malattia, a un cattivo raccolto, a un licenziamento. Intanto uno studio ufficiale dice che il 90% dei nuovi milionari sono parenti di importanti funzionari pubblici.

    29/04/2013 CAMBOGIA
    In Cambogia nuovi ceppi di malaria resistenti ai farmaci
    È l’allarme lanciato dall’Oms, secondo cui vi è il rischio di “minaccia globale” per la salute pubblica. I parassiti sono in grado di resistere all’artemisinina, il più efficace farmaco oggi disponibile. Il timore è che i focolai si estendano al continente africano, dove si registra il 90% delle vittime.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®