Skin ADV
12 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/06/2012, 00.00

    INDIA

    Orissa: 50 nazionalisti indù attaccano cristiani. Paura di nuovi pogrom

    Nirmala Carvalho

    Feriti in modo grave il pastore di una Chiesa pentecostale e 12 famiglie della sua comunità, nel distretto di Balasore. La polizia sequestra esplosivi e dinamite in un altro distretto (Puri) dell’Orissa. Secondo il Global Council of Indian Christians (Gcic), i nazionalisti indù stanno preparando un “piano diabolico” per ripetere le violenze del 2008 in Kandhamal.

    Mumbai (AsiaNews) - Un nuovo "attacco brutale" in Orissa, che risponde a un "piano diabolico": così Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), definisce la violenta aggressione perpetrata da oltre 50 ultranazionalisti indù contro Evangelist Baidhare, pastore della pentecostale Prayer Fellowship, e 12 famiglie della comunità. Le violenze sono avvenute nel distretto di Balasore. Secondo il presidente Gcic, l'attacco "vuole gettare nel terrore la minoranza cristiana. Vogliono ripetere quanto accaduto nel 2008, con i pogrom anticristiani nel distretto di Kandhamal". Ad avvalorare questa ipotesi, il ritrovamento di alcuni ordigni artigianali in un altro distretto dello Stato.

    Il 15 giugno scorso, un gruppo di nazionalisti indù ha aggredito e ferito in modo grave il rev. Baidhar, 50 anni, mentre tornava a casa nel villaggio di Mitrapur, dopo un servizio di preghiera. Gli aggressori hanno lasciato il pastore sanguinante a terra. Poco dopo, alcuni fedeli lo hanno trovato e portato all'ospedale locale per ricevere le cure necessarie.

    Quando gli indù hanno scoperto che il rev. Baidhar era stato salvato, circa 50 di loro hanno attaccato 12 famiglie cristiane, ferendo 20 persone, giovani e anziani, e tentando di violentare alcune ragazze. Non contenti, gli aggressori hanno saccheggiato le loro case. In seguito all'aggressione, molti membri di queste famiglie sono spariti nel nulla, e da allora si sono perse le tracce. Il sospetto è che siano nascosti nella giungla, come success già nel 2008 a Kandhamal. Sajan George spiega che il Gcic di Bhubaneshwar ha scoperto l'accaduto solo il 16 giugno, e da quel momento ha denunciato i fatti alla polizia di Nilgiri.

    Qualche giorno prima, nel distretto di Puri (Orissa) la polizia locale di Brahmagiri aveva sequestrato più di 50 bombe artigianali e 12 cariche di dinamite, nascoste in una baracca del villaggio di Gambhari. Secondo le forze dell'ordine, gli esplosivi ritrovati sarebbero serviti per organizzare un nuovo pogrom anticristiano a breve, simile agli attacchi del Kandhamal nel 2008.

    Tra dicembre 2007 e agosto 2008, ultranazionalisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, nel 2008 oltre 50mila persone, per lo più cristiani, sono state sfollate. Oggi, si contano ancora 10mila profughi. La Chiesa dell'Orissa ha sempre avviato programmi di assistenza e ricostruzione, rivolti a cristiani e indù. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/07/2011 INDIA
    Kandhamal, leader cristiano trovato morto. Sajan George accusa gli estremisti indù
    Scomparso nei giorni scorsi, Micael Digal è stato ritrovato morto questa notte vicino al villaggio di Mdikia. La polizia ha subito archiviato il caso come morte accidentale. Presidente del Global Council of India Christian denuncia polizia e autorità che da anni coprono i delitti dei radicali indù.

    17/07/2010 INDIA
    Orissa: cattolici assaliti da un centinaio di tribali indù
    A scatenare le violenze una disputa legata alla terra e al passaggio di bestiame. In un primo momento la polizia si è rifiutata di aprire un’indagine. I medici hanno curato i feriti dopo aver ricevuto il nulla osta degli agenti. P. Ranjit: gli indù hanno subito il lavaggio del cervello dai gruppi estremisti.

    06/10/2012 INDIA
    Orissa: arrestati 20 cristiani. Celebravano un battesimo
    Nazionalisti indù hanno picchiato la comunità pentecostale, poi i poliziotti hanno portato via pastore e fedeli. Il Global Council of Indian Christians (Gcic) chiede al governo dell’Orissa di aprire un’inchiesta sugli agenti. Sajan George, presidente del Gcic: “Sfruttano le leggi anticonversione per perseguitare le minoranze”.

    27/06/2009 INDIA
    Cristiani dell’Orissa: dal governo non solo scuse, ma “misure concrete”
    Il ministro degli interni ha visitato i campi profughi di Kandhamal e ha assicurato l’impegno del governo per un ritorno alla normalità. I cristiani denunciano minacce, mancanza di risarcimenti e continue violazioni alla libertà religiosa. Ancora oggi gli autori delle violenze circolano impuniti nei villaggi.

    13/12/2008 INDIA
    Natale, momento di pace e di speranza per le giovani vedove dell’Orissa
    Il marito di Asmitha Digal, 25 anni e madre di due figlie, è stato ucciso dai fondamentalisti indù durante i primi giorni del pogrom contro i cristiani. La donna testimonia le violenze subite ma dice di non cedere alla logica della violenza. Attivista cristiano denuncia un trattamento da “cittadini di serie B”.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Sergei Chapnin: La Chiesa russo-ortodossa nel 2016. L’incomprensione e la sfiducia del popolo. Terza parte

    Sergei Chapnin

    L’attento analista russo mostra alcune contraddizioni in cui vive il Patriarcato, incapace a suo dire di comprendere la situazione dei poveri e della società russa. Un altro problema: la tradizionale “sinodalità” ha lasciato il posto a una gestione verticistica.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®