19 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/06/2012
INDIA
Orissa: 50 nazionalisti indù attaccano cristiani. Paura di nuovi pogrom
di Nirmala Carvalho
Feriti in modo grave il pastore di una Chiesa pentecostale e 12 famiglie della sua comunità, nel distretto di Balasore. La polizia sequestra esplosivi e dinamite in un altro distretto (Puri) dell’Orissa. Secondo il Global Council of Indian Christians (Gcic), i nazionalisti indù stanno preparando un “piano diabolico” per ripetere le violenze del 2008 in Kandhamal.

Mumbai (AsiaNews) - Un nuovo "attacco brutale" in Orissa, che risponde a un "piano diabolico": così Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), definisce la violenta aggressione perpetrata da oltre 50 ultranazionalisti indù contro Evangelist Baidhare, pastore della pentecostale Prayer Fellowship, e 12 famiglie della comunità. Le violenze sono avvenute nel distretto di Balasore. Secondo il presidente Gcic, l'attacco "vuole gettare nel terrore la minoranza cristiana. Vogliono ripetere quanto accaduto nel 2008, con i pogrom anticristiani nel distretto di Kandhamal". Ad avvalorare questa ipotesi, il ritrovamento di alcuni ordigni artigianali in un altro distretto dello Stato.

Il 15 giugno scorso, un gruppo di nazionalisti indù ha aggredito e ferito in modo grave il rev. Baidhar, 50 anni, mentre tornava a casa nel villaggio di Mitrapur, dopo un servizio di preghiera. Gli aggressori hanno lasciato il pastore sanguinante a terra. Poco dopo, alcuni fedeli lo hanno trovato e portato all'ospedale locale per ricevere le cure necessarie.

Quando gli indù hanno scoperto che il rev. Baidhar era stato salvato, circa 50 di loro hanno attaccato 12 famiglie cristiane, ferendo 20 persone, giovani e anziani, e tentando di violentare alcune ragazze. Non contenti, gli aggressori hanno saccheggiato le loro case. In seguito all'aggressione, molti membri di queste famiglie sono spariti nel nulla, e da allora si sono perse le tracce. Il sospetto è che siano nascosti nella giungla, come success già nel 2008 a Kandhamal. Sajan George spiega che il Gcic di Bhubaneshwar ha scoperto l'accaduto solo il 16 giugno, e da quel momento ha denunciato i fatti alla polizia di Nilgiri.

Qualche giorno prima, nel distretto di Puri (Orissa) la polizia locale di Brahmagiri aveva sequestrato più di 50 bombe artigianali e 12 cariche di dinamite, nascoste in una baracca del villaggio di Gambhari. Secondo le forze dell'ordine, gli esplosivi ritrovati sarebbero serviti per organizzare un nuovo pogrom anticristiano a breve, simile agli attacchi del Kandhamal nel 2008.

Tra dicembre 2007 e agosto 2008, ultranazionalisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, nel 2008 oltre 50mila persone, per lo più cristiani, sono state sfollate. Oggi, si contano ancora 10mila profughi. La Chiesa dell'Orissa ha sempre avviato programmi di assistenza e ricostruzione, rivolti a cristiani e indù. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/07/2011 INDIA
Kandhamal, leader cristiano trovato morto. Sajan George accusa gli estremisti indù
17/07/2010 INDIA
Orissa: cattolici assaliti da un centinaio di tribali indù
di Santosh Digal
06/10/2012 INDIA
Orissa: arrestati 20 cristiani. Celebravano un battesimo
di Nirmala Carvalho
27/06/2009 INDIA
Cristiani dell’Orissa: dal governo non solo scuse, ma “misure concrete”
di Nirmala Carvalho
13/12/2008 INDIA
Natale, momento di pace e di speranza per le giovani vedove dell’Orissa
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate