22 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/12/2007
INDIA
Orissa: attacco notturno di fondamentalisti contro i missionari di Madre Teresa
di Nirmala Carvalho
Le suore e il sacerdote sono in fuga e nascosti nella foresta. In applicazione ancora il coprifuoco. A Natale il Vhp (Vishva Hindu Parishad) ha celebrato il ritorno all’induismo di 187 persone. Manifestazione indetta a New Delhi

New Delhi (AsiaNews) – Continuano le violenze contro i cristiani nell’Orissa. La scorsa notte una casa dei Missionari della Carità, il ramo maschile dell’ordine di Madre Teresa, è stata attaccata dai fondamentalisti indù a Kandhamal. Il fratello Sadasananda e la casa Shanti Niwas  di Madre Teresa hanno subito violenze. Attaccato anche il convento delle suore di san Giuseppe di Annecy.

L’attacco è avvenuto in piena notte, nonostante il coprifuoco che regna nella zona. Le suore e il sacerdote della missione sono fuggiti e sono nascosti nella foresta che circonda l’area. Intanto, nella capitale indiana i cristiani di tutte le denominazioni hanno organizzato per oggi pomeriggio una imponente manifestazione contro le violenze in Orissa.

Dalla sera della vigilia di Natale, uno “sciopero” lanciato dal Vhp (Vishva Hindu Parishad, un’organizzazione fondamentalista indù, nota per la sua violenza) ha fatto diverse vittime e ha distrutto chiese, conventi, case, negozi di cristiani.

Secondo il Global Council of Indian Churches (Gcic), presente nell’Orissa, “300 case di cristiani sono state bruciate e 3 fedeli sono morti in un incendio a Barakamal”.

Il coprifuoco rimane applicato in 4 delle cittadine dove sono avvenute le violenze: Baliguda, Daringibadi, Brahmanigaon e Phulbani. T K Mishra, segretario degli Affari interni, ha assicurato che la situazione è sotto controllo, anche se ieri e stanotte sono avvenute violenze sporadiche.

Sajan George, presidente nazionale del Gcic ha dichiarato ad AsiaNews che “i radicali del Vhp hanno cercato di uccidere il pastore Bikay Charan Sethi a Bamunigam. Gli hanno gettato addosso una bottiglia molotov e ora soffre per ustioni al 50% del corpo”. Intanto, le violenze si diffondono in tutti i distretti vicini: Boudh, Gajapati, Koraput  e Kalahandi.

Gli attivisti del Vhp hanno scatenato le violenze di questi giorni per bloccare le conversioni al cristianesimo, accusando le chiese cristiane di proselitismo. Il giorno di Natale, il 25 dicembre, il Vhp ha celebrato il “ritorno” di 187 cristiani all’induismo. Con una cerimonia a Chikita, nel distretto di Sundergarth (Orissa), 103 uomini e 84 donne, appartenenti a 82 famiglie hanno festeggiato la loro “riconversione” (definita “barabartan”, il ritorno a casa), ricevendo delle immagini di divinità indù. Presenti alla cerimonia anche alcune autorità politiche dello Stato.

Dal 24 dicembre ad oggi i gruppi del Vhp hanno assaltato almeno 20 istituzioni cristiane in Orissa. L’ondata di violenze ha portato alla distruzione di 18 fra chiese e cappelle, 4 conventi, 8 ostelli, 15 negozi di cristiani.

Dalle 16 alle 18 oggi a New Delhi si terrà una manifestazione contro le violenze anti-cristiane. Tutta la popolazione è invitata. Fra i partecipanti vi saranno l'ex primo ministro VP Singh, l'arcivescovo di Delhi, msgr Vincent Concessao, John Dayal, dell'All India Catholic Council e molte organizzazioni a difesa dei diritti umani.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/01/2008 INDIA
Card. Toppo: violenze anti-cristiane, uno “tsunami umano”
di Nirmala Carvalho
02/01/2008 INDIA
Vescovi indiani: un “autentico Calvario” quello dei cristiani in Orissa
di Nirmala Carvalho
29/12/2008 INDIA
Le forze di sicurezza in Orissa non tolgono la paura e gli incendi
di Nirmala Carvalho
26/12/2007 INDIA
Vescovo dell’Orissa: le violenze di Natale una vergogna per l’India democratica
di Mgr. Thomas Thiruthalil
09/07/2008 INDIA
Nuovo attacco contro i cristiani nell’Orissa: distrutto un orfanotrofio e colpita una parrocchia
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate