21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/12/2007
INDIA
Orissa: attacco notturno di fondamentalisti contro i missionari di Madre Teresa
di Nirmala Carvalho
Le suore e il sacerdote sono in fuga e nascosti nella foresta. In applicazione ancora il coprifuoco. A Natale il Vhp (Vishva Hindu Parishad) ha celebrato il ritorno all’induismo di 187 persone. Manifestazione indetta a New Delhi

New Delhi (AsiaNews) – Continuano le violenze contro i cristiani nell’Orissa. La scorsa notte una casa dei Missionari della Carità, il ramo maschile dell’ordine di Madre Teresa, è stata attaccata dai fondamentalisti indù a Kandhamal. Il fratello Sadasananda e la casa Shanti Niwas  di Madre Teresa hanno subito violenze. Attaccato anche il convento delle suore di san Giuseppe di Annecy.

L’attacco è avvenuto in piena notte, nonostante il coprifuoco che regna nella zona. Le suore e il sacerdote della missione sono fuggiti e sono nascosti nella foresta che circonda l’area. Intanto, nella capitale indiana i cristiani di tutte le denominazioni hanno organizzato per oggi pomeriggio una imponente manifestazione contro le violenze in Orissa.

Dalla sera della vigilia di Natale, uno “sciopero” lanciato dal Vhp (Vishva Hindu Parishad, un’organizzazione fondamentalista indù, nota per la sua violenza) ha fatto diverse vittime e ha distrutto chiese, conventi, case, negozi di cristiani.

Secondo il Global Council of Indian Churches (Gcic), presente nell’Orissa, “300 case di cristiani sono state bruciate e 3 fedeli sono morti in un incendio a Barakamal”.

Il coprifuoco rimane applicato in 4 delle cittadine dove sono avvenute le violenze: Baliguda, Daringibadi, Brahmanigaon e Phulbani. T K Mishra, segretario degli Affari interni, ha assicurato che la situazione è sotto controllo, anche se ieri e stanotte sono avvenute violenze sporadiche.

Sajan George, presidente nazionale del Gcic ha dichiarato ad AsiaNews che “i radicali del Vhp hanno cercato di uccidere il pastore Bikay Charan Sethi a Bamunigam. Gli hanno gettato addosso una bottiglia molotov e ora soffre per ustioni al 50% del corpo”. Intanto, le violenze si diffondono in tutti i distretti vicini: Boudh, Gajapati, Koraput  e Kalahandi.

Gli attivisti del Vhp hanno scatenato le violenze di questi giorni per bloccare le conversioni al cristianesimo, accusando le chiese cristiane di proselitismo. Il giorno di Natale, il 25 dicembre, il Vhp ha celebrato il “ritorno” di 187 cristiani all’induismo. Con una cerimonia a Chikita, nel distretto di Sundergarth (Orissa), 103 uomini e 84 donne, appartenenti a 82 famiglie hanno festeggiato la loro “riconversione” (definita “barabartan”, il ritorno a casa), ricevendo delle immagini di divinità indù. Presenti alla cerimonia anche alcune autorità politiche dello Stato.

Dal 24 dicembre ad oggi i gruppi del Vhp hanno assaltato almeno 20 istituzioni cristiane in Orissa. L’ondata di violenze ha portato alla distruzione di 18 fra chiese e cappelle, 4 conventi, 8 ostelli, 15 negozi di cristiani.

Dalle 16 alle 18 oggi a New Delhi si terrà una manifestazione contro le violenze anti-cristiane. Tutta la popolazione è invitata. Fra i partecipanti vi saranno l'ex primo ministro VP Singh, l'arcivescovo di Delhi, msgr Vincent Concessao, John Dayal, dell'All India Catholic Council e molte organizzazioni a difesa dei diritti umani.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/01/2008 INDIA
Card. Toppo: violenze anti-cristiane, uno “tsunami umano”
di Nirmala Carvalho
02/01/2008 INDIA
Vescovi indiani: un “autentico Calvario” quello dei cristiani in Orissa
di Nirmala Carvalho
29/12/2008 INDIA
Le forze di sicurezza in Orissa non tolgono la paura e gli incendi
di Nirmala Carvalho
26/12/2007 INDIA
Vescovo dell’Orissa: le violenze di Natale una vergogna per l’India democratica
di Mgr. Thomas Thiruthalil
09/07/2008 INDIA
Nuovo attacco contro i cristiani nell’Orissa: distrutto un orfanotrofio e colpita una parrocchia
di Nirmala Carvalho

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate