29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/12/2007, 00.00

    INDIA

    Orissa: attacco notturno di fondamentalisti contro i missionari di Madre Teresa

    Nirmala Carvalho

    Le suore e il sacerdote sono in fuga e nascosti nella foresta. In applicazione ancora il coprifuoco. A Natale il Vhp (Vishva Hindu Parishad) ha celebrato il ritorno all’induismo di 187 persone. Manifestazione indetta a New Delhi

    New Delhi (AsiaNews) – Continuano le violenze contro i cristiani nell’Orissa. La scorsa notte una casa dei Missionari della Carità, il ramo maschile dell’ordine di Madre Teresa, è stata attaccata dai fondamentalisti indù a Kandhamal. Il fratello Sadasananda e la casa Shanti Niwas  di Madre Teresa hanno subito violenze. Attaccato anche il convento delle suore di san Giuseppe di Annecy.

    L’attacco è avvenuto in piena notte, nonostante il coprifuoco che regna nella zona. Le suore e il sacerdote della missione sono fuggiti e sono nascosti nella foresta che circonda l’area. Intanto, nella capitale indiana i cristiani di tutte le denominazioni hanno organizzato per oggi pomeriggio una imponente manifestazione contro le violenze in Orissa.

    Dalla sera della vigilia di Natale, uno “sciopero” lanciato dal Vhp (Vishva Hindu Parishad, un’organizzazione fondamentalista indù, nota per la sua violenza) ha fatto diverse vittime e ha distrutto chiese, conventi, case, negozi di cristiani.

    Secondo il Global Council of Indian Churches (Gcic), presente nell’Orissa, “300 case di cristiani sono state bruciate e 3 fedeli sono morti in un incendio a Barakamal”.

    Il coprifuoco rimane applicato in 4 delle cittadine dove sono avvenute le violenze: Baliguda, Daringibadi, Brahmanigaon e Phulbani. T K Mishra, segretario degli Affari interni, ha assicurato che la situazione è sotto controllo, anche se ieri e stanotte sono avvenute violenze sporadiche.

    Sajan George, presidente nazionale del Gcic ha dichiarato ad AsiaNews che “i radicali del Vhp hanno cercato di uccidere il pastore Bikay Charan Sethi a Bamunigam. Gli hanno gettato addosso una bottiglia molotov e ora soffre per ustioni al 50% del corpo”. Intanto, le violenze si diffondono in tutti i distretti vicini: Boudh, Gajapati, Koraput  e Kalahandi.

    Gli attivisti del Vhp hanno scatenato le violenze di questi giorni per bloccare le conversioni al cristianesimo, accusando le chiese cristiane di proselitismo. Il giorno di Natale, il 25 dicembre, il Vhp ha celebrato il “ritorno” di 187 cristiani all’induismo. Con una cerimonia a Chikita, nel distretto di Sundergarth (Orissa), 103 uomini e 84 donne, appartenenti a 82 famiglie hanno festeggiato la loro “riconversione” (definita “barabartan”, il ritorno a casa), ricevendo delle immagini di divinità indù. Presenti alla cerimonia anche alcune autorità politiche dello Stato.

    Dal 24 dicembre ad oggi i gruppi del Vhp hanno assaltato almeno 20 istituzioni cristiane in Orissa. L’ondata di violenze ha portato alla distruzione di 18 fra chiese e cappelle, 4 conventi, 8 ostelli, 15 negozi di cristiani.

    Dalle 16 alle 18 oggi a New Delhi si terrà una manifestazione contro le violenze anti-cristiane. Tutta la popolazione è invitata. Fra i partecipanti vi saranno l'ex primo ministro VP Singh, l'arcivescovo di Delhi, msgr Vincent Concessao, John Dayal, dell'All India Catholic Council e molte organizzazioni a difesa dei diritti umani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2008 INDIA
    Card. Toppo: violenze anti-cristiane, uno “tsunami umano”
    Il presidente della Conferenza episcopale indiana visita le zone aggredite dai fondamentalisti indù a fine dicembre in Orissa. Ma le autorità locali gli impediscono di parlare con le vittime. Nell’incontro con il premier Singh, la condanna agli attacchi. A due settimane dall’accaduto, la Commissione nazionale per le minoranze arriva finalmente nel martoriato distretto di Kandhamal.

    02/01/2008 INDIA
    Vescovi indiani: un “autentico Calvario” quello dei cristiani in Orissa
    La Conferenza episcopale indice 8 giorni di preghiera dopo gli incidenti di Natale. Nella foresta cercano riparo ancora numerosi fuggitivi, vivendo senza cibo e nessun riparo. Un memorandum alla Commissione nazionale per i diritti umani e al governo dello Stato indiano elenca i danni e le perdite subite dai cristiani e chiede provvedimenti anche contro la polizia, rimasta per lo più a guardare.

    29/12/2008 INDIA
    Le forze di sicurezza in Orissa non tolgono la paura e gli incendi
    Due negozi e un centro cristiano sono stati bruciati. Oltre 10mila profughi raccolti nei centri di rifugio hanno celebrato il Natale sotto la protezione dell'esercito. Nei villaggi le messe anticipate al pomeriggio per evitare il ritorno a casa con il buio.

    26/12/2007 INDIA
    Vescovo dell’Orissa: le violenze di Natale una vergogna per l’India democratica
    I fondamentalisti indù usano da tempo le leggi anti-conversione per terrorizzare i cristiani. Ma la Chiesa si rafforza nella persecuzione. Il commento del vescovo di Balasore e presidente del Consiglio regionale dei vescovi dell’Orissa.

    09/07/2008 INDIA
    Nuovo attacco contro i cristiani nell’Orissa: distrutto un orfanotrofio e colpita una parrocchia
    La reazione del gruppo fondamentalista indù Sangh Parivar scatenata dalla macellazione di una mucca. Lo scorso Natale nella stessa regione sono state distrutte 13 chiese e uccise 3 persone. Il vescovo accusa il governo di collusione con gli attentatori.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®