18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/07/2017, 12.29

    VIETNAM

    “Ottimista” sul futuro, malgrado tutto, il presidente dei vescovi vietnamiti



    “Comunisti e cattolici si capiscono molto meglio”. “Il regime comunista è sempre un regime dittatoriale le autorità del quale hanno la tendenza a opprimere gli oppositori”, compresi sacerdoti e blogger cattolici. Le stesse autorità che, per altro verso, “rubano” i terreni dei monasteri e vogliono escludere i cattolici da settori come la scuola o la sanità”.

    Hue (AsiaNews/EdA) – Si dice “ottimista” sul futuro dei rapporti tra cattolici e governo vietnamita mons. Joseph Nguyên Chi Linh, arcivescovo di Hue e presidente della Conferenza episcopale del suo Paese. “Comunisti e cattolici – ha detto in una intervista a Eglises d’Asie – si capiscono molto meglio che in altri momenti”.

    E questo malgrado, a quanto egli stesso afferma, “il regime comunista è sempre un regime dittatoriale le autorità del quale hanno la tendenza a opprimere gli oppositori”, compresi sacerdoti e blogger cattolici. Le stesse autorità che, per altro verso, “rubano” i terreni dei monasteri, vogliono escludere i cattolici da settori come la scuola o la sanità, nascondono alla popolazione le terribili conseguenze dell’inquinamento, non vogliono che ci sia un rappresentante vaticano residente nel Paese, cercano di interferire nelle nomine dei vescovi e in qualsiasi attività che la Chiesa voglia intraprendere.

    “Sono ottimista – dichiara- perché dopo un lungo periodo di coabitazione, i membri della società cercano di riavvicinarsi. Comunisti e cattolici si capiscono meglio che in altri momenti. I cattolici sono sempre meno sospettati. In altri tempi si era troppo comandati da quello che diceva la propaganda. Ormai si ha la possibilità di guardare con i propri occhi e si è scoperto che i cattolici non sono così cattivi come si pensava. E poi la testimonianza dei cattolici diviene sempre più positiva. L’odio, il rancore diminuiscono. I rapporti sono sempre più amichevoli. Ci vuole coraggio per superare questo periodo. Bisogna essere pazienti, non si può cambiare il Paese in cinque minuti”.

    L’arcivescovo spiega poi la vicenda che lo scorso 28 giugno ha visto assalire e vandalizzare il monastero benedettino di Thiên An. Il fatto è che la legge non riconosce la proprietà privata e questo vale anche per i circa 107 ettari di terreno del monastero. Le autorità li hanno “rubati per venderli a imprese straniere”. “Si infischiano” dei diritti dei monaci  e fanno quello che vogliono. Così hanno abbattuto una croce e quando i monaci l’hanno rialzata c’è stato l’attacco al convento.

    Sacerdoti e blogger minacciati o arrestati rientrano invece nella logica del “regime dittatoriale”. Nella stessa logica va visto l’atteggiamento verso il disastro ecologico del Formosa Plastic Group. “Il governo ha sempre paura di riconoscere la verità riguardo allo scandalo Formosa” E per gli indennizzi, “si è sempre di fronte allo stesso problema di corruzione”.

    Quanto alla nuova legge “sui credenti e le religioni”, “in generale si osservano degli arretramenti, non dei progressi; noi non abbiamo ancora una vera libertà. Per esempio, esistono numerosi settori nei quali la Chiesa non ha il diritto di impegnarsi, come la sanità, l’educazione, ecc. Non si è usciti dalla mentalità del sistema detto ‘della domanda e della concessione’ (‘xin-cho’)” per il quale si deve chiedere l’autorizzazione per qualsiasi iniziativa e le autorità possono concederla o no.

    “Delusione” è poi dichiarata a proposito del mancato diritto del nunzio vaticano a risiedere in Vietnam. “E’ sempre ‘rappresentante non residente della Santa Sede’. Vive a Singapore e ha il diritto di restare in Vietnam solo per un mese, poi deve andar via. Tutti i suoi spostamenti in Vietnam debbono essere approvati, autorizzati dal Ministero degli esteri vietnamita. Le nostre aspettative sono misurate, ma il governo non osa andare avanti senza l'approvazione delle autorità cinesi”.

    Le vocazioni, infine, sono molto numerose in Vietnam. Sia nei seminari che negli ordini religiosi. "Abbiamo ottenuto una certa libertà nell’organizzazione delle attività dei centri di formazione”. Resta teoricamente in vigore, “ma non viene più applicata” la politica per la quale serviva l’approvazione statale per mandare  un giovane in seminario e ogni diocesi aveva il diritto di mandare sei o otto candidati ogni due anni. Ed è anche relativamente facile, ora, mandare i giovani a studiare all’estero. “Questa è la nostra speranza. Coloro che ritornano dall'estero tornano a lavorare nei nostri centri di formazione e ne migliorano gradualmente, la qualità”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/05/2015 VIETNAM
    Hue: sacerdoti e fedeli a difesa del monastero di Thiên An, nel mirino delle autorità comuniste
    Il luogo di culto oggetto di attacchi da parte di polizia e teppisti assoldati dall’amministrazione locale. Il governo vuole requisire la struttura e il parco, che ospita una foresta protetta, per costruire un parco di divertimenti. Studenti cattolici: "Terrorismo psicologico per costringere la Chiesa a vendere i terreni".

    28/08/2014 VIETNAM
    Binh Thuan, anche il Partito rende omaggio a mons. Nguyễn Thanh Hoan, il "vescovo dei poveri"
    Emerito di Phan Thiết, egli ha speso la propria vita al servizio dei più bisognosi. Il prelato ha promosso i valori di “unità, amore reciproco, attenzione ai poveri”, non solo a parole ma anche mediante “opere concrete”. In un Paese diviso dalla guerra, egli ha sempre promosso la pace. Autorità e membri del partito hanno reso omaggio alla sua salma.

    29/05/2017 14:22:00 VIETNAM
    Sacerdoti vietnamiti diffamati, Mons. Kiệt: Continuate a difendere i diritti degli ultimi

    P. Đặng Hữu Nam e p. Nguyễn Đình Thục hanno ricevuto la visita di mons. Joseph Ngô Quang Kiệt. I due sacerdoti difendono i diritti delle vittime del disastro della Formosa. Dall’inizio dell’anno sono vittime di una campagna diffamatoria organizzata dalle autorità. P. Đặng Hữu Nam: “è un onore e uno sprone la visita di chi ha vissuto in passato la persecuzione che noi viviamo oggi”.



    03/10/2009 VIETNAM
    Mons. Dac Trong, la lotta della Chiesa vietnamita sotto il comunismo
    La diocesi di Hanoi pubblica le memorie del vescovo ausiliare scomparso il 7 settembre scorso. “Storia di un era” narra, in forma di diario, la vita della Chiesa nel Paese dall’avvento del comunismo sino ai giorni nostri. Dalle vicende degli anni ’50 ad oggi racconta le sofferenze di vescovi, sacerdoti e laici ed offre elementi utili per capire i l’ attualità del cristianesimo in Vietnam.

    13/04/2017 15:18:00 VIETNAM
    Thien An, cinque ordinazioni sacerdotali nonostante le persecuzioni del regime

    Il vescovo di Kontum in visita pastorale al monastero. L’amministrazione locale intende requisire l’area e l’annessa struttura. Il monastero spesso oggetto degli attacchi di teppisti e polizia.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®