5 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/07/2010
INDIA
Otto Stati indiani hanno più poveri di 26 Paesi africani messi insieme
di Santosh Digal
Secondo un nuovo indice Onu per la misura della povertà, sono oltre 421 milioni i poveri negli otto stati indiani, tra cui Orissa, Chhattisgarh e West Bengal, rispetto ai 410 milioni dei 26 Paesi africani, come Zimbawe, Sierra Leone, Niger e Somalia. La nuova misurazione tiene conto oltre al reddito pro capite anche dell’accesso alle risorse, educazione e assistenza medica. Per la Chiesa indiana la principale causa di povertà sono la corruzione dei governi locali e lo sfruttamento indiscriminato delle risorse a danno della popolazione.

New Delhi (AsiaNews) – In otto stati dell’India il numero dei poveri supera quello dei 26 Paesi più arretrati dell’Africa. Lo rivela il Multidimensional poverty index (Mpi), nuovo indice per la misura della povertà, realizzato dall’Oxford Poverty and Human Development Initiative (OPHI) in collaborazione con l’Onu. Secondo l’Mpi sono oltre 421 milioni i poveri negli stati indiani di Bihar, Chhattisgarh, Jharkhand, Madhya Pradesh, Orissa, Rajasthan, Uttar Pradesh e West Bengal, rispetto ai 410 milioni rilevati nei 26 Paesi africani come Zimbawe, Sierra Leone, Niger e Somalia.

Il nuovo indice utilizza 10 variabili, tra cui l'accesso a combustibili ed energia elettrica e tiene conto anche della qualità di alimentazione, scuola e assistenza sanitaria, al contrario dei precedenti indici basati soprattutto sul reddito familiare. Lo scopo è quello di trovare per ciascun Paese soluzioni di sviluppo adeguate ai bisogni della popolazione.

In India uno dei principali fattori di povertà è la corruzione delle alte sfere dei settori pubblico e privato. Per attirare investimenti stranieri i governi locali consentono lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali a danno della popolazione, che spesso è costretta ad abbandonare le proprie terre a favore delle industrie.

P. Udanayath Bishoyi, operatore sociale in Orissa, afferma: “Nella maggior parte dei casi il governo non si cura dello sviluppo di dalit e tribali, che rappresentano la fetta maggiore dei poveri dell’India”. Secondo il sacerdote le autorità fanno grandi concessioni alle industrie, che depredano i terreni con il pretesto dello sviluppo delle aree depresse.

“Loro – afferma – non permettono ai locali di partecipare alla pianificazione delle industrie, e ciò non fa che aumentare la corruzione e la povertà”. “Chi porta avanti questa politica resta ricco – aggiunge - mentre la popolazione è sempre più povera perché nessuno si interessa sul serio ai bisogni reali della gente. I politici locali portano avanti progetti di sviluppo che favoriscono solo le aziende e mancano di trasparenza”. In maggio il primo ministro dell’Orissa, Naveen Patnaik, ha garantito al governo federale e ai vertici del colosso siderurgico sud coreano “Posco” l’utilizzo di oltre 4mila acri di terreno, costringendo migliaia di persone ad abbandonare abitazioni e campi agricoli. La Chiesa locale è stata l’unica a scendere in campo a favore degli agricoltori e ha invitato i politici a ripensare le logiche di esproprio e sfruttamento dei terreni, salvando quelli produttivi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/05/2010 INDIA
Orissa, la Chiesa contro l’industrializzazione selvaggia
di Santosh Digal
10/12/2010 NEPAL
Religiose della Santa Croce contro gli abusi e il traffico delle donne nepalesi
di Santosh Digal
02/09/2010 INDIA
Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
di Nirmala Carvalho
30/06/2010 INDIA
Condannato un deputato indù per i pogrom nell’Orissa
23/05/2011 LIBIA
Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
di Simone Cantarini

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate