30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/07/2010, 00.00

    INDIA

    Otto Stati indiani hanno più poveri di 26 Paesi africani messi insieme

    Santosh Digal

    Secondo un nuovo indice Onu per la misura della povertà, sono oltre 421 milioni i poveri negli otto stati indiani, tra cui Orissa, Chhattisgarh e West Bengal, rispetto ai 410 milioni dei 26 Paesi africani, come Zimbawe, Sierra Leone, Niger e Somalia. La nuova misurazione tiene conto oltre al reddito pro capite anche dell’accesso alle risorse, educazione e assistenza medica. Per la Chiesa indiana la principale causa di povertà sono la corruzione dei governi locali e lo sfruttamento indiscriminato delle risorse a danno della popolazione.

    New Delhi (AsiaNews) – In otto stati dell’India il numero dei poveri supera quello dei 26 Paesi più arretrati dell’Africa. Lo rivela il Multidimensional poverty index (Mpi), nuovo indice per la misura della povertà, realizzato dall’Oxford Poverty and Human Development Initiative (OPHI) in collaborazione con l’Onu. Secondo l’Mpi sono oltre 421 milioni i poveri negli stati indiani di Bihar, Chhattisgarh, Jharkhand, Madhya Pradesh, Orissa, Rajasthan, Uttar Pradesh e West Bengal, rispetto ai 410 milioni rilevati nei 26 Paesi africani come Zimbawe, Sierra Leone, Niger e Somalia.

    Il nuovo indice utilizza 10 variabili, tra cui l'accesso a combustibili ed energia elettrica e tiene conto anche della qualità di alimentazione, scuola e assistenza sanitaria, al contrario dei precedenti indici basati soprattutto sul reddito familiare. Lo scopo è quello di trovare per ciascun Paese soluzioni di sviluppo adeguate ai bisogni della popolazione.

    In India uno dei principali fattori di povertà è la corruzione delle alte sfere dei settori pubblico e privato. Per attirare investimenti stranieri i governi locali consentono lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali a danno della popolazione, che spesso è costretta ad abbandonare le proprie terre a favore delle industrie.

    P. Udanayath Bishoyi, operatore sociale in Orissa, afferma: “Nella maggior parte dei casi il governo non si cura dello sviluppo di dalit e tribali, che rappresentano la fetta maggiore dei poveri dell’India”. Secondo il sacerdote le autorità fanno grandi concessioni alle industrie, che depredano i terreni con il pretesto dello sviluppo delle aree depresse.

    “Loro – afferma – non permettono ai locali di partecipare alla pianificazione delle industrie, e ciò non fa che aumentare la corruzione e la povertà”. “Chi porta avanti questa politica resta ricco – aggiunge - mentre la popolazione è sempre più povera perché nessuno si interessa sul serio ai bisogni reali della gente. I politici locali portano avanti progetti di sviluppo che favoriscono solo le aziende e mancano di trasparenza”. In maggio il primo ministro dell’Orissa, Naveen Patnaik, ha garantito al governo federale e ai vertici del colosso siderurgico sud coreano “Posco” l’utilizzo di oltre 4mila acri di terreno, costringendo migliaia di persone ad abbandonare abitazioni e campi agricoli. La Chiesa locale è stata l’unica a scendere in campo a favore degli agricoltori e ha invitato i politici a ripensare le logiche di esproprio e sfruttamento dei terreni, salvando quelli produttivi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2010 INDIA
    Orissa, la Chiesa contro l’industrializzazione selvaggia
    Sta per partire l’impianto della prima acciaieria della multinazionale coreana “Posco”, che dovrebbe creare posti di lavoro e sviluppo industriale. Ma questo, ricorda la Chiesa locale, non deve avvenire a spese degli abitanti.

    10/12/2010 NEPAL
    Religiose della Santa Croce contro gli abusi e il traffico delle donne nepalesi
    A causa della crisi economica ogni anno oltre 7mila donne fuggono in India dove sono spesso vittime di abusi sessuali e sfruttamento della prostituzione. Suor. Jaya e le sue consorelle visitano i villaggi del Terai a confine con l’India e offrono alle donne ospitalità, istruzione e sostegno spirituale.

    02/09/2010 INDIA
    Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
    Mons. Cheenath e il presidente dell’Orissa Minority Forum chiedono condanne per gli autori delle violenze, compensi alle vittime e iniziative di pace. Il movimento ha creato un’ala giovanile per far fronte ai bisogni della comunità. A oggi restano ancora 3500 alloggi da ricostruire.

    30/06/2010 INDIA
    Condannato un deputato indù per i pogrom nell’Orissa
    L’uomo, esponente del partito nazionalista, è stato condannato a 7 anni per aver commesso violenze e omicidi durante i moti anti-cristiani del 2008. L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar commenta: “Un segnale che aspettavamo da tempo, mentre Kandhamal torna lentamente alla pace”.

    23/05/2011 LIBIA
    Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
    Per Jean Paul Pougala, camerunese, docente di sociologia ed esperto di Africa, la guerra contro Gheddafi è troppo costosa e potrebbe durare anni. La No Fly Zone della Nato basata su fatti mai provati, nasconde interessi economici e frustrazioni di Europa e Lega araba. La lezione della Chiesa al muto mondo pacifista.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®