18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/07/2016, 10.59

    FILIPPINE

    P. D’Ambra: A Jolo la vita dei cristiani è in pericolo, i jihadisti vogliono ucciderli



    Il missionario del Pime, presidente del gruppo Silsilah per il dialogo interreligioso, fa appello alle autorità “perché trovino soluzioni contro l’agonia dei cristiani”. Pochi giorni fa un uomo è stato ucciso e altri 20 sono minacciati di morte dagli integralisti. A rischio anche i musulmani moderati, ma essi “non siano testimoni silenziosi di questa persecuzione”.

     

    Jolo (AsiaNews/Silsilah) – Un appello “per fermare l’uccisione dei cristiani a Jolo”. È questo il titolo del messaggio diffuso dal Silsilah Dialogue Movement e firmato da p. Sebastiano D’Ambra, presidente del movimento e missionario del Pime da più di 40 anni a Mindanao (sud delle Filippine). Il sacerdote denuncia la situazione di paura e pericolo vissuta dai cristiani nella città della provincia di Sulu, quartier generale del gruppo jihadista Abu Sayyaf.

    Pochi giorni fa, scrive p. D’Ambra, “un cristiano è stato ucciso e una fonte affidabile mi ha detto che altri 20 cristiani sono stati presi di mira per essere uccisi o rapiti al più presto. In mezzo a così tanti buoni leader islamici e amici di Jolo, la comunità cristiana soffre per la persecuzione di coloro che sono guidati da individui cattivi che dicono di agire in nome dell’islam”.

    Il Silsilah Forum, fondato 30 anni fa da p. D’Ambra, è un movimento per il dialogo e la pace fra musulmani e cristiani. Esso segue tuttora numerosi gruppi interreligiosi a Mindanao, regione che ospita una consistente comunità islamica, dove si nascondono gruppi fondamentalisti e separatisti.

    Il missionario si chiede: “Perché i leader locali e nazionali di diversi settori sono così silenziosi nella loro autorità? Perché coloro che detengono il potere non agiscono per trovare le soluzioni adeguate?”. Purtroppo, riconosce il sacerdote, “la bella relazione che esisteva in passato fra i cristiani e musulmani di Jolo non è più realtà. Molti cristiani se ne sono andati e altri stanno programmando di partire appena ne avranno l’opportunità”.

    P. D’Ambra si appella “a tutti, in special modo a voi leader musulmani che siete parte del Silsilah Dialogue Movement e del Consiglio interreligioso (Ifcl)”. “Molte vite – continua – sono in pericolo a Jolo. I cristiani hanno paura di parlare e anche di andare a messa nella cattedrale nel centro della città nonostante ci siano i militari di pattuglia. Quella chiesa è stata per anni simbolo del dialogo fra cristiani e musulmani, ma ora non lo è più per i molti che seguono un islam che divide e oppone sempre più”.

    “Sono a Mindanao da 40 anni – prosegue il missionario – e so che i tausug [etnia musulmana maggioritaria a Sulu, ndr] di Jolo sono coraggiosi. Mi appello al loro coraggio e alla loro bontà prima che sia troppo tardi e il mondo vi accusi di essere stati silenti di fronte all’agonia della comunità cristiana e di altri musulmani. Infatti, la situazione è allarmante anche per i bravi musulmani, perché gli individui cattivi trovano motivi per ucciderli chiamandoli ‘kafir’ (infedeli) come i cristiani”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/12/2015 FILIPPINE
    Missonario Pime: Il Giubileo “occasione di pace per i musulmani di Mindanao”
    P. Sebastiano D’Ambra ha fondato 30 anni fa il Silsilah Forum, movimento per il dialogo tra cristianesimo e islam. Secondo il sacerdote, “anche per i fedeli di Allah è importante il discorso sulla misericordia, come testimonia molto bene il messaggio del Corano”. Il missionario opera a Mindanao, isola a forte densità islamica: “Fra poco ci saranno le elezioni politiche e si prevedono violenze. Dobbiamo dialogare anche sulla presenza dell’Isis, di cui nessuno parla”.

    06/12/2017 13:00:00 FILIPPINE
    Mindanao, Silsilah: ‘Avvento, tempo di riconciliazione’

    Cristiani e musulmani invitati perseverare nell’incontro, nonostante le differenze. Iniziative di dialogo, segni di solidarietà a storie di amicizia tra le due comunità siano fonte d’ispirazione.



    16/09/2009 FILIPPINE
    Ramadan occasione di amicizia tra cristiani e musulmani
    Giornalista islamica di Mindanao racconta la sua esperienza di amicizia quotidiana con i cristiani e giudica conoscenza e rispetto reciproco una possibile via per l’armonia tra le due fedi.

    20/01/2016 12:17:00 FILIPPINE
    P. D’Ambra: L’Eucarestia, forza spirituale che ci porta all’incontro con i musulmani

    Il missionario del Pime è intervenuto oggi al Simposio di introduzione al 51mo Congresso Eucaristico internazionale di Cebu. “Il paragone è con l’episodio di Emmaus: i due discepoli riscoprono il Signore allo spezzare del pane e da lì trovano la forza per andare senza paura”. La sfida “è cercare di comunicare agli altri cosa sia l’Eucarestia, anche se i musulmani fanno fatica a capire, per stimolare un incontro che di solito non avviene”.



    04/07/2017 13:12:00 FILIPPINE
    Sarah L. Handag, educatrice musulmana: ‘L’istruzione, strumento per combattere l’odio’

    La donna è a capo del Programma educativo per le madrasse a Zamboanga (Mindanao). “Educare i cuori, non solo le menti; solo educando al dialogo religioso sapremo costruire ponti tra musulmani e cristiani”. “L’ignoranza, la mancanza di educazione, la povertà e la politica sono i veri nemici dell’islam di oggi”. L’esperienza di Silsilah, il movimento fondato da p. Sebastiano D’Ambra: “Queste storie possono ispirare altre città”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®