21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2016, 12.02

    VIETNAM

    P. Joseph Trần Sỹ Tín, una vita spesa al servizio dei tribali Jarai

    Thanh Thuy

    Il sacerdote redentorista arriva nella diocesi di Kontum nel 1969, insieme ad alcuni compagni. Lo studio della lingua tribale e la conquista della fiducia della popolazione. Gli anni duri della guerra, l’arresto da parte dei comunisti, e la fioritura dei battesimi: “Ho battezzato più di mille persone sulle montagne. Nel 2005 i cattolici erano presenti in 90 villaggi”. I redentoristi gestiscono tre centri missionari che contano 24mila fedeli.

     

    Hanoi (AsiaNews) – Una vita spesa a fare missione nella diocesi di Kontum (centro-ovest del Vietnam) in mezzo ai tribali Jarai. È quella di p. Joseph Trần Sỹ Tín, sacerdote redentorista che vive nella regione dal 1969 e che da quasi 50 anni accompagna la popolazione locale nel cammino di fede. Pochi giorni fa p. Joseph ha incontrato sacerdoti, religiosi e fedeli della diocesi, raccontando la storia della sua missione.

    Mons. Paul Seitz Kim, vescovo di Kontum, aveva invitato per la prima volta i sacerdoti ad operare nella diocesi nel 1960. Il primo villaggio dove si stabilisce p. Joseph Trần Sỹ Tín è quello di Pleikly. Insieme ad altri tre sacerdoti redentoristi fonda il “Gruppo per l’uscita” (Nhóm Ra Đi), il cui scopo è quello di “andare fuori” per vivere insieme alle minoranze etniche che non hanno ancora conosciuto Gesù.

    Quando arrivammo a Plaeikly, racconta p. Joseph, “non avevamo una casa in cui stare e non conoscevamo nessuno nel villaggio. Così abbiamo iniziato a studiare la lingua Jarai e a fare visita alle famiglie per farci degli amici. Mangiavamo con loro e ci esercitavamo nella lingua”.

    Quando arriva il tempo del raccolto, “abbiamo chiesto agli abitanti del villaggio se potevamo andare nei campi a lavorare con loro. A volte pranzavamo insieme nelle risaie. La sera tornavamo a casa con loro e spesso cenavamo anche assieme”. Dopo un certo periodo di convivenza, una sera arriva il primo riconoscimento dei sacerdoti da parte del capo-villaggio: “Mentre cenavamo attorno al fuoco ci ha detto: ‘Noi abbiamo avuto cura della nostra gente per anni, per quanto riguarda il cibo, i vestiti e le abitazioni. Nessuno però ci aveva mai parlato dello spirito, del bene e del male, della felicità. Voi dovete dirci queste cose”.

    Gli anni ’70 sono i più difficili per la missione di p. Joseph, perché la guerra arriva anche nei villaggi di Kontum. Nel 1971 il sacerdote è arrestato insieme ad un compagno dalle autorità comuniste e è mandato vicino al confine con la Cambogia, dove vive insieme a gente povera e affetta da malaria.

    Dopo la fine della guerra (1975), il sacerdote pensa che nessuno seguirà più il cristianesimo. Invece nel 1988 molte persone appartenenti alle minoranze etniche iniziano ad essere battezzate. Entro il 2000 p. Joseph ne battezza 1000 sulle montagne, la maggior parte di etnia Jarai. I nuovi fedeli non riescono a partecipare con regolarità alla messa, perché le autorità comuniste impongono procedure restrittive per i permessi di uscita dai villaggi. Entro il 2005 i cattolici sono presenti in più di 90 villaggi.

    La missione di p. Joseph si affida molto al ruolo dei laici. Il laicato, secondo il sacerdote, è una priorità, e senza di esso non c’è vera missione. Sono gli stessi fedeli, infatti, a dover annunciare la Buona Novella dovunque, accettando anche i rischi che ciò comporta. P. Tín si è adoperato negli anni per la formazione di piccoli gruppi di missionari laici.

    Il sacerdote è ora vicario della parrocchia di Pleichuet, ricca di 1400 fedeli. I redentoristi gestiscono centri missionari a Cheoreo Tolui e Pleichuet Pleikly che, insieme alle parrocchie, contano più di 24mila cattolici. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/09/2017 13:20:00 VIETNAM
    Dong Nai, pressioni sui cattolici che avevano difeso il loro parroco

    Venti militanti di “Bandiere Rosse” hanno fatto irruzione nella parrocchia. Un parrocchiano: “Siamo persone gentili e semplici nella fede. Non abbiamo voce nemmeno nel nostro vivere quotidiano”. Pham Van, ex prigioniero nei “campi di rieducazione”: “Proteggere i fedeli della parrocchia e della diocesi di Vinh”.



    22/08/2008 VIETNAM
    I Redentoristi di Hanoi tornano a chiedere la restituzione dei loro terreni
    Una lettera aperta del superiore contesta le accuse mosse dai media statali, afferma di avere “tutte le prove” della proprietà e sfida le autorità a provare che il terreno contestato è stato donato al governo, come esse sostengono.

    11/02/2008 VIETNAM
    I cattolici di Ho Chi Minh City manifestano solidarietà con quelli di Hanoi
    A migliaia hanno voluto esprimere sostegno alla pacifica protesta che, nella capitale, mira ad ottenere la restituzione dei terreni sottratti alla parrocchia di Thái Hà.

    08/04/2008 VIETNAM
    Scaduto l’ultimatum che ordina di abbandonare il terreno della parrocchia di Dong Da
    Le autorità vogliono la fine di una protesta iniziata il 6 gennaio per la restituzione del terreno ove sorge la chiesa, acquistato dai Redentoristi nel 1928. Nel 1954, con la conquista de potere da parte dei comunisti e la divisione del Vietnam, i religiosi furono imprigionati o deportati. I 60mila metri quadrati del complesso sono ridotti a 2.700.

    11/10/2008 VIETNAM
    Anche un giornale per bambini nella campagna contro i cattolici di Hanoi
    Sul periodico, destinato ai ragazzi delle elementari, “uno studente” delle primarie scrive di aver perso la fede a causa del comportamento dell’arcivescovo. Ordine di comparizione per il superiore dei Redentoristi.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®