19 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/05/2017, 11.50

    ISRAELE

    P. Piotr Zelazko: Nel sud di Israele, il dialogo fra le fedi ‘spinge verso l’altro, non verso l’odio’



    L’”Iniziativa interreligiosa del Negev” è un’organizzazione fondata da rappresentanti delle tre religioni monoteistiche. All’origine, l’intuizione di due donne: il dialogo come strumento di pace. Attività con i giovani, in scuole, librerie e università. Le religioni sono la “soluzione” e non la “causa” del conflitto.

    Beersheba (AsiaNews) – “La religione non è causa del conflitto. La religione, la vera religione, porta soluzioni, spinge verso l’altro non verso l’odio”. Con queste parole, p. Piotr Zelazko, parroco di Beersheba nel sud di Israele, descrive ad AsiaNews il messaggio che l’”Iniziativa interreligiosa del Negev” cerca di diffondere con le sue attività.

    P. Zelazko, insieme al rabbino Mauricio Balter e Sheyk Jamal Alumbra della moschea di Rahat, è fra i fondatori dell’opera: “Le persone sono abituate a vedere un rabbino partecipare alla messa di Natale, o un prete alla sinagoga durante le grandi feste. È una cosa solita che essi si incontrino in una moschea con un gruppo di giovani”.

    L’iniziativa è la risposta alle tensioni esplose dopo la sparatoria alla stazione di Beersheba, il 18 ottobre 2015: “Mentre nel Paese la tensione cresceva, le persone hanno cominciato a chiedersi cosa potessero fare. Persone comuni, non politici”.

    Due donne, Amirit Rosen e Roxana Omer, scelsero il dialogo come strumento di pace: “Hanno preso loro l’iniziativa, non solo di ‘pensare’, ma ‘agire’. Hanno invitato rabbini, leader islamici e anche me, un prete cattolico, a incontrarci. Volevano che condividessimo, che ci conoscessimo. È stata una bellissima idea. Abbiamo cominciato ad incontrarci ogni mese all’università di Beersheba, e poi a organizzare incontri per le nostre comunità in moschee, sinagoghe, chiese. Siamo diventati amici e insieme abbiamo iniziato diversi progetti, organizzazioni, incontri”.

    Una delle attività primarie è l’educazione religiosa nelle scuole ai ragazzi del 12mo grado [ultimo anno di liceo ndr] con la cooperazione del Ministero dell’educazione e il Ministero delle scuole religiose: rappresentanti religiosi intervengono nelle scuole, sia ebraiche che musulmane, per parlare delle soluzioni possibili al conflitto, diffondendo il messaggio che la fede è tolleranza, pace e coesistenza.

    Inoltre, c’è un corso semestrale all’università Ben Gurion di Beersheba, in cui musulmani ed ebrei studiano insieme la Bibbia e il Corano. In biblioteche pubbliche e altri istituti di cultura, istruzione e arte si stanno svolgendo dibattiti e presentazioni con i rappresentanti ebraici, cristiani e musulmani per discutere sulle occasioni e le sfide della società variegata d’Israele.  Quest’ultimo è molto importante, racconta p. Zelazko, “perché c’è la possibilità di fare domande, aprire un dibattito”.

    L’ultimo evento a cui p. Zelazko ha partecipato, lo scorso 18 maggio, è stato l’incontro con circa 40 futuri direttori dell’educazione presso la moschea di Rahat, Al-Nur. Rappresentanti dell’islam, dell’ebraismo e cristiani hanno discusso le sfide di una società multi-religiosa, puntando l’attenzione sull’educazione per la tolleranza e pace.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2017 12:26:00 ISRAELE - PALESTINA
    La Tomba dei Patriarchi, Isacco ed Ismaele "spiegati" dallo statista israeliano Uri Avnery

    Una risoluzione Unesco aveva provocato sdegno perché diceva che il sito era “palestinese”. Ma l’indicazione non sarebbe di appartenenza, ma di semplice locazione. Il luogo è sacro per le tre religioni monoteistiche: secondo la Genesi, Ismaele e Isacco, progenitori di arabi ed ebrei, seppellirono insieme il padre.



    18/01/2005 VATICANO - ISRAELE
    Rabbini al Papa: A lei, nuovo Aronne, il nostro grazie


    21/12/2004 ISRAELE - PALESTINA
    Mons. Sabbah: per Natale "giorni che sembrano annunciare la pace"


    24/07/2017 16:35:00 ISRAELE – PALESTINA
    Palestinesi cristiani insieme ai musulmani contro il controllo della Spianata delle Moschee

    Cristiani in preghiera con i musulmani. Per Bernard Sabella, la religione non può e non deve diventare un motivo di conflitto. C’è bisogno di saggezza per ristabilire la calma e il dialogo, come dice il papa. Adel Misk: i palestinesi cristiani e musulmani hanno detto “no” al conflitto religioso. Israele “si è arrampicata su un albero e non sa come scendere”. I musulmani non cederanno.



    09/10/2013 ISRAELE - PALESTINA
    I costi dell'occupazione israeliana e la "giudaizzazione" di Gerusalemme
    L'occupazione dei territori palestinesi appare ormai irreversibile. Il governo e i politici della destra israeliana spingono sempre più ebrei a istallarsi nei territori della Cisgiordania. In un saggio, 20 studiosi spiegano l'impatto negativo di tale approccio da un punto di vista socio-economico e morale. Il concetto di Stato religioso si sta sostituendo a quello di Paese democratico.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®