27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2017, 11.34

    PAKISTAN

    Pakistan, scomparsi quattro attivisti laici. Forse rapiti dalla polizia



    Sono il professor Salman Haider e i blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. I quattro uomini sono spariti la scorsa settimana in varie città. Avevano espresso sui social network posizioni contrarie all’estremismo religioso e criticato le frange radicali di governo e militari.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – La scorsa settimana quattro attivisti laici sono scomparsi nel nulla in varie città del Pakistan. Si tratta del professor Salman Haider e dei tre blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. Tutti e quattro gli uomini sono noti per le loro posizioni, che esprimono tramite commenti sui social network, critiche dell’estremismo religioso e delle frange radicali presenti nel governo e in ambienti militari. Ieri in tutto il Paese centinaia di persone son scese in strada per chiedere che sia fatta piena luce su queste misteriose sparizioni e che gli attivisti possano tornare presto dalle loro famiglie.

    Sostenitori e amici degli attivisti esprimono grande preoccupazione sulle sorti dei loro cari, arrivando persino ad ipotizzare un sequestro da parte di agenzie governative. Parlando di fronte alla folla riunita ad Islamabad, il senatore Afrasiab Khatak, ex presidente della Human Rights Commission of Pakistan, ha affermato: “Questo è bullismo di Stato. Chi ha fatto tutto ciò ha infranto la legge. Questo Paese non appartiene né ai generali, né ai burocrati, né ai capitalisti o ai signori feudali, ma appartiene al suo popolo. Non rimarremmo in silenzio”.

    Salman Haider è un noto poeta e insegna alla Fatima Jinnah Women’s University di Rawalpindi. Egli è scomparso lo scorso 6 gennaio a Islamabad, mentre due giorni prima a Lahore si sono perse le tracce dei cugini Waqas Goraya e Aasim Saeed. Infine il 7 gennaio è scomparso anche il blogger Ahmed Raza Naseer, malato di poliomelite, forse rapito mentre era nel suo negozio di Skeikhupura, vicino Lahore.

    Il ministro dell’Interno ha annunciato che condurrà un’indagine sul professor Haider, che aveva denunciato in pubblico alcune sparizioni forzate in Balochistan, ma non ha fatto riferimento a nessuno dei tre blogger.

    Shahzad Ahmed, a capo della Ong “Bytes for All” che si occupa di sicurezza in rete, riferisce che “nessuno degli scomparsi era mai comparso davanti a un giudice o era mai stato incolpato di qualche reato. La modalità della loro sparizione è preoccupante non solo per le famiglie, ma anche per gli internauti e per gli utenti dei social media nel Paese”. Secondo altri attivisti, mentre in passato le autorità statali hanno attuato stretti controlli sul mezzo televisivo, ora avrebbero ampliato il raggio d’azione anche sullo spazio digitale.

    In un editoriale apparso su Dawn, il maggior quotidiano in lingua inglese del Pakistan, si sottolinea che non si “può nascondere la sgradevole verità: il Pakistan continua ad essere sospettato di coinvolgimento nella scomparsa o nella detenzione illegale di una serie di privati cittadini. Ora […] si è aperto un nuovo capitolo nel torbido di Stato, nella guerra illegale contro la società civile. Non basta che governo e polizia dichiarino di voler aprire un’indagine sulle sparizioni. Lo Stato, proprio perché è l’esecutore della legge, non può essere al di sopra della legge”. Brad Adams, direttore per l’Asia di Human Rights Watch, aggiunge: “La natura di questi chiari rapimenti mette il governo in avviso di essere parte della soluzione o essere ritenuto responsabile per il suo ruolo nel problema”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/01/2017 11:21:00 PAKISTAN
    Pakistan, cristiani e musulmani chiedono il rilascio degli intellettuali attivisti scomparsi (Foto)

    La Commissione per i diritti umani ha organizzato un seminario. I parenti degli intellettuali rapiti respingono le accuse di blasfemia, mosse dai radicali islamici. “È solo una mossa per rinchiuderli dietro le sbarre dopo il loro eventuale rilascio”.



    18/01/2017 09:05:00 PAKISTAN
    Lahore, torturato uno studente per aver twittato in favore di intellettuali attivisti scomparsi

    Suhail Ahmad studia giurisprudenza alla University Law College e si è distinto per numerose competizioni studentesche. Un gruppo di radicali lo ha prelevato dalla sua stanza del campus e trascinato in un luogo segreto. È stato torturato e tenuto in ostaggio per tre ore. Aperta un’indagine contro gli aggressori.



    24/01/2017 15:37:00 PAKISTAN
    Attivisti pakistani: Il sequestro degli intellettuali è un fallimento dello Stato

    Da quasi tre settimane si sono perse le tracce del professor Salman Haider e di quattro blogger di Lahore. Forse sono stati rapiti per aver criticato le frange radicali del governo e dei militari. Chi è accusato di qualche crimine deve avere il diritto di difendersi davanti a un giudice. Il Pakistan ai primi posti tra i Paesi più a rischio per giornalisti e difensori dei diritti umani.



    28/01/2017 09:03:00 PAKISTAN
    Pakistan mette al bando un presentatore televisivo: diffonde “discorsi d’odio” contro gli attivisti scomparsi

    Aamir Liaquat Hussain conduce un programma sul canale Bol News. In passato è stato al centro delle polemiche per aver distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli e per aver ospitato radicali islamici critici degli ahmadi. I suoi commenti rischiano di provocare reazioni violente contro coloro che chiedono il ritorno a casa dei cinque intellettuali spariti.



    30/01/2017 08:57:00 PAKISTAN
    Pakistan, ricompare un professore attivista scomparso

    Salman Haider era sparito a Islamabad lo scorso 6 gennaio. Prima di lui, si sono perse le tracce di due blogger di Lahore. Un altro blogger disperso si è messo in contatto con la famiglia. Nessuna notizia del presidente della Civil Progressive Alliance of Pakistan.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®