01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/06/2006, 00.00

    Pakistan

    Pakistan, bandito il "Codice da Vinci"



    Secondo il governo, il film è "blasfemo ed offensivo". Stessa decisione nell'Andhra Pradesh, settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo pakistano ha deciso di bandire dalle sale cinematografiche del Paese il "Codice da Vinci", pellicola tratta dall'omonimo romanzo, in quanto "blasfemo ed offensivo nei confronti della minoranza cristiana".

    Secondo Ghulam Jamal, ministro della Cultura, "il film è blasfemo: l'Islam ci insegna il rispetto per ogni profeta e Gesù Cristo è un profeta molto rispettato da ogni musulmano. Ogni attacco o degradazione contro di lui è da condannare".

    La decisione del governo segue le proteste della piccola comunità cristiana, il 2,5 % della popolazione totale, che a fine maggio aveva chiesto "il bando totale di un'opera che offende tutti noi, in nome del rispetto di ogni simbolo religioso che l'Islam insegna". Alla protesta si era unita anche la Muttehida Majlas-e-Amal [Mma, alleanza dei sei partiti islamici del Pakistan ndr].

    Il "Codice" è stato bandito sabato 3 giugno anche dall'Andhra Pradesh, il settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola dopo il pronunciamento del Consiglio della censura indiana del 25 maggio scorso.

    Questa aveva lasciato ai governi locali la decisione sul bando ma ha imposto alla Sony – casa di produzione e di distribuzione del film – di inserire un avvertimento all'inizio della proiezione che spiega come "il film è un prodotto di finzione senza alcuna validità storica".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2006 Pakistan
    Pakistan, minoranze contro il Codice da Vinci "blasfemo e diabolico"

    Il governo pakistano "dovrebbe fare esattamente come nel caso delle vignette su Maometto: bando totale di un'opera che insulta la divinità di Cristo e la verità delle Sacre Scritture, nuclei del cristianesimo".



    23/05/2006 Vietnam – Pakistan
    Cattolici vietnamiti e musulmani pakistani insieme contro il "Codice"

    I giovani del Forum cattolico sociale vietnamita "in piedi con la Chiesa universale contro la falsità dipinta da verità". In Pakistan, i musulmani della Muttahida Majlis-e-Amal "invitano a boicottare ciò che offende i sentimenti religiosi di ogni comunità".



    18/05/2006 ASIA
    Nell'islam il "Codice" fa scordare "il rispetto di ogni simbolo religioso"

    A dispetto degli accorati appelli al "rispetto di ogni simbolo religioso" lanciati durante le proteste contro le vignette su Maometto, il mondo islamico ritiene "inutile censurare il film" che nega la natura divina di Cristo. Per Pechino, "il film sarà un successo strepitoso".



    18/05/2006 Thailandia
    Commissione thai: "Il Paese è buddista, inutile censurare il Codice da Vinci"

    Secondo il nipote del re, membro della Commissione e produttore cinematografico, "quasi nessuno fra di noi conosce la storia di Gesù: tagliare il film renderebbe la trama incomprensibile".



    20/05/2006 COREA DEL SUD – FILIPPINE
    Dure opposizioni cristiane al "Codice Da Vinci"

    Il 18 maggio è stato proiettato in tutta la Corea, nonostante protestanti e cattolici ne avessero chiesto il blocco. Per i presuli filippini "è un problema", ma "può essere d'aiuto per approfondire la nostra fede".





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®