21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2006, 00.00

    Pakistan

    Pakistan, bandito il "Codice da Vinci"



    Secondo il governo, il film è "blasfemo ed offensivo". Stessa decisione nell'Andhra Pradesh, settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo pakistano ha deciso di bandire dalle sale cinematografiche del Paese il "Codice da Vinci", pellicola tratta dall'omonimo romanzo, in quanto "blasfemo ed offensivo nei confronti della minoranza cristiana".

    Secondo Ghulam Jamal, ministro della Cultura, "il film è blasfemo: l'Islam ci insegna il rispetto per ogni profeta e Gesù Cristo è un profeta molto rispettato da ogni musulmano. Ogni attacco o degradazione contro di lui è da condannare".

    La decisione del governo segue le proteste della piccola comunità cristiana, il 2,5 % della popolazione totale, che a fine maggio aveva chiesto "il bando totale di un'opera che offende tutti noi, in nome del rispetto di ogni simbolo religioso che l'Islam insegna". Alla protesta si era unita anche la Muttehida Majlas-e-Amal [Mma, alleanza dei sei partiti islamici del Pakistan ndr].

    Il "Codice" è stato bandito sabato 3 giugno anche dall'Andhra Pradesh, il settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola dopo il pronunciamento del Consiglio della censura indiana del 25 maggio scorso.

    Questa aveva lasciato ai governi locali la decisione sul bando ma ha imposto alla Sony – casa di produzione e di distribuzione del film – di inserire un avvertimento all'inizio della proiezione che spiega come "il film è un prodotto di finzione senza alcuna validità storica".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2006 Pakistan
    Pakistan, minoranze contro il Codice da Vinci "blasfemo e diabolico"

    Il governo pakistano "dovrebbe fare esattamente come nel caso delle vignette su Maometto: bando totale di un'opera che insulta la divinità di Cristo e la verità delle Sacre Scritture, nuclei del cristianesimo".



    23/05/2006 Vietnam – Pakistan
    Cattolici vietnamiti e musulmani pakistani insieme contro il "Codice"

    I giovani del Forum cattolico sociale vietnamita "in piedi con la Chiesa universale contro la falsità dipinta da verità". In Pakistan, i musulmani della Muttahida Majlis-e-Amal "invitano a boicottare ciò che offende i sentimenti religiosi di ogni comunità".



    18/05/2006 ASIA
    Nell'islam il "Codice" fa scordare "il rispetto di ogni simbolo religioso"

    A dispetto degli accorati appelli al "rispetto di ogni simbolo religioso" lanciati durante le proteste contro le vignette su Maometto, il mondo islamico ritiene "inutile censurare il film" che nega la natura divina di Cristo. Per Pechino, "il film sarà un successo strepitoso".



    18/05/2006 Thailandia
    Commissione thai: "Il Paese è buddista, inutile censurare il Codice da Vinci"

    Secondo il nipote del re, membro della Commissione e produttore cinematografico, "quasi nessuno fra di noi conosce la storia di Gesù: tagliare il film renderebbe la trama incomprensibile".



    20/05/2006 COREA DEL SUD – FILIPPINE
    Dure opposizioni cristiane al "Codice Da Vinci"

    Il 18 maggio è stato proiettato in tutta la Corea, nonostante protestanti e cattolici ne avessero chiesto il blocco. Per i presuli filippini "è un problema", ma "può essere d'aiuto per approfondire la nostra fede".





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®