29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/06/2006
Pakistan
Pakistan, bandito il "Codice da Vinci"

Secondo il governo, il film è "blasfemo ed offensivo". Stessa decisione nell'Andhra Pradesh, settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola.



Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo pakistano ha deciso di bandire dalle sale cinematografiche del Paese il "Codice da Vinci", pellicola tratta dall'omonimo romanzo, in quanto "blasfemo ed offensivo nei confronti della minoranza cristiana".

Secondo Ghulam Jamal, ministro della Cultura, "il film è blasfemo: l'Islam ci insegna il rispetto per ogni profeta e Gesù Cristo è un profeta molto rispettato da ogni musulmano. Ogni attacco o degradazione contro di lui è da condannare".

La decisione del governo segue le proteste della piccola comunità cristiana, il 2,5 % della popolazione totale, che a fine maggio aveva chiesto "il bando totale di un'opera che offende tutti noi, in nome del rispetto di ogni simbolo religioso che l'Islam insegna". Alla protesta si era unita anche la Muttehida Majlas-e-Amal [Mma, alleanza dei sei partiti islamici del Pakistan ndr].

Il "Codice" è stato bandito sabato 3 giugno anche dall'Andhra Pradesh, il settimo Stato indiano che ha deciso di non far uscire nelle sale la pellicola dopo il pronunciamento del Consiglio della censura indiana del 25 maggio scorso.

Questa aveva lasciato ai governi locali la decisione sul bando ma ha imposto alla Sony – casa di produzione e di distribuzione del film – di inserire un avvertimento all'inizio della proiezione che spiega come "il film è un prodotto di finzione senza alcuna validità storica".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2006 Pakistan
Pakistan, minoranze contro il Codice da Vinci "blasfemo e diabolico"
di Qaiser Felix
23/05/2006 Vietnam – Pakistan
Cattolici vietnamiti e musulmani pakistani insieme contro il "Codice"
18/05/2006 ASIA
Nell'islam il "Codice" fa scordare "il rispetto di ogni simbolo religioso"
18/05/2006 Thailandia
Commissione thai: "Il Paese è buddista, inutile censurare il Codice da Vinci"
di Weena Kowitwanij
20/05/2006 COREA DEL SUD – FILIPPINE
Dure opposizioni cristiane al "Codice Da Vinci"

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate