24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/03/2005, 00.00

    pakistan

    Pakistan, torna l'indicazione religiosa sui passaporti



    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) –  Sui passaporti pachistani tornerà di nuovo l'indicazione della religione di appartenenza. Lo ha deciso un comitato interministeriale di Islamabad, che ha accolto le pressioni dei gruppi islamici che chiedevano di reintrodurre l'esplicita menzione della confessione religiosa per "salvaguardare l'identità islamica" del paese. Ora l'ultima decisione al riguardo spetta al premier Aziz.

    Attivisti per i diritti umani e per le minoranze religiose hanno più volte denunciato la dichiarazione obbligata della propria religione, definendola "una fonte di intolleranza". In particolare la norma rischia di prendere di mira i musulmani Ahmadi, considerati eretici, impedendo loro di recarsi a La Mecca per il tradizionale pellegrinaggio.

    Nelle scorse settimane 6 partiti islamici di opposizione, riuniti nella Muttahida Majlis-e-Amal (MMA), avevano inscenato manifestazioni per chiedere all'esecutivo di rivedere la decisione di abolire l'indicazione confessionale sui passaporti. In seguito alle proteste di piazza il governo aveva istituito un comitato interministeriale per affrontare la questione.

    Ieri il ministro della Difesa Rao Sikandar Iqbal, presidente del gruppo di lavoro sui passaporti, ha comunicato che il comitato ha raccomandato "all'unanimità" all'esecutivo di reintrodurre sui documenti la menzione della religione professata dal cittadino. Nel 2004 il governo aveva abolito la casella sulla religione per rendere i passaporti pachistani conformi alle norme internazionali dell'Icao (Organizzazione internazionale per l'aviazione civile). Circa 80 mila nuovi documenti sono già stati distribuiti tra la popolazione.

    Il ministro dell'Informazione Shaikh Rashid ha inoltre comunicato che sulla copertina dei documenti comparirà ancora la dicitura "Repubblica islamica del Pakistan".

    Su 150 milioni di pachistani, i musulmani sono il 97%, i cristiani sono il 2,5% della popolazione, i cattolici 1 milione 200 mila. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2005 PAKISTAN
    Attivista musulmano: legge sulla blasfemia vanifica il sogno di un Pakistan moderato
    Munawar Ali Shahid commenta il recente arresto di due coniugi indù nella North Western Frontier Province accusati di aver dissacrato il Corano.

    14/09/2005 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia

    Younis Masih è in carcere da domenica, accusato di aver offeso Maometto durante alcuni canti tradizionali. Mons. Saldanha: questi episodi ostacolano gli sforzi verso il dialogo interreligioso.



    11/12/2006 PAKISTAN
    Nel 2006, peggiorata la situazione delle minoranze religiose
    La denuncia viene dal presidente dell’All Pakistan Minorities Alliance che, in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’uomo, sottolinea l’uso distorto delle leggi nazionali e l’aumento della discriminazione sociale. Accuse anche agli inerti politici cristiani.

    07/12/2005 PAKISTAN
    Estremismo islamico contro i cristiani del Pakistan

    Continuano le violenze contro i cattolici. Conferenza stampa delle organizzazioni cristiane studieranno gli episodi di odio religioso nel paese.



    03/11/2004 PAKISTAN
    Legge sulla blasfemia: ragazza minacciata di morte, la sua famiglia costretta a emigrare




    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®