20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/07/2015, 00.00

    PAKISTAN

    Pakistan: il “crimine” di essere donne e non musulmane

    Kamran Chaudhry

    L’Ong cristiana Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) ha organizzato un seminario sulla violenza contro le donne. Nel 2014 solo nel Punjab si sono consumati più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo.

    Lahore (AsiaNews) – Nella società pakistana essere donne è “il primo crimine”, ma essere anche non musulmane è ancora peggio. È quanto affermato da Mehboob Khan, consulente legale della Commissione per i diritti umani del Pakistan, in occasione di una conferenza sulla violenza contro le donne, organizzata dal Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) a Lahore l’8 luglio scorso.

    “Donne, bambini e altre minoranze religiose – ha sottolineato – sono tra i gruppi più svantaggiati. I cristiani in particolare preferiscono rimanere in silenzio quando si tratta di parlare di giustizia sociale. Esistono varie forme di violenza basata sul genere, per le quali bisogna incolpare la società”.

    Alla conferenza hanno partecipato più di 35 persone, inclusi avvocati e attivisti per i diritti umani. L’evento è stata anche l’occasione per lanciare il Rapporto annuale 2014 del Claas. L’Ong cristiana ha parlato di tre ragazze cristiane – inclusa una bambina di 8 anni – che lo scorso anno sono state stuprate da musulmani nella provincia del Punjab. Class ha seguito i loro casi, ha collaborato con la polizia e ha mantenuto regolari contatti con le famiglie delle vittime.

    Secondo l’ultimo rapporto annuale della Commissione per i diritti umani, ogni due ore una donna viene stuprata in Pakistan, ogni otto ore subisce una violenza di gruppo. Meno del 4% dei casi di violenza sessuale terminano con una condanna. Più di 3mila donne sono morte per un omicidio d’onore dal 2008 a oggi.

    Nel 2014 più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo sono avvenuti nel solo Punjab.

    Da quando è salita al potere nel 2013, il governo provinciale targato Pakistan Muslim League-Nawaz (Pml-N) ha approvato solo quattro leggi pro-donne, inclusa una sull’autorità della salute riproduttiva, materna, neonatale e minorile.

    “Le nostre battaglie – spiega ad AsiaNews Bushra Khaliq, direttore esecutivo di Women in Struggle for Empowerment – finiscono davanti alle porte dell’Assemblea provinciale del Punjab. In genere una mentalità feudale e tribale prevale tra i politici. Ogni volta che si solleva una questione pro-donne, tutti iniziano a preoccuparsi sui possibili abusi. Questo influisce sia sulle politiche che sulla psiche.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2008 PAKISTAN
    Aumentano le violenze contro le donne, primi colpevoli i familiari
    Secondo il Rapporto annuale sulle violenze contro le donne compilato dalla Commissione nazionale per lo sviluppo dei diritti umani, aumentano omicidi, stupri, rapimenti e persino roghi di donne considerate “poco islamiche” o infedeli. Nel 70 % dei casi, i colpevoli sono familiari. La polizia non interviene quasi mai.

    13/06/2016 09:59:00 PAKISTAN
    Attivista pakistana: Basta chiamarli “delitti d’onore”, sono veri e propri omicidi

    Nell’ultimo mese tre ragazze sono state uccise e bruciate per aver disobbedito alla famiglia. Nel 2015 oltre 1.100 donne sono morte per “salvare l’onore” dei parenti. La maggior parte delle violenze avviene in casa, e sono pochissime quelle che denunciano. La pratica del “karo-kari”, con la quale si giustifica l’eliminazione della “donna corrotta”. Le opere della Chiesa a favore delle donne in pericolo.



    04/02/2006 PAKISTAN
    Pakistan: nuova norma a tutela delle donne violentate

    Una donna vittima di violenza sessuale non sarà più condannata per adulterio come previsto dal vecchio ordinamento del 1979. Peter Jacob dichiara che il verdetto è importante ma chiede una soluzione definitiva per l'abrogazione di tutte le leggi discriminatorie.



    27/07/2017 13:50:00 PAKISTAN
    Multan, una ragazza stuprata per vendetta. Giustizia e pace: la piaga delle donne

    Lo stupro della 16enne doveva lavare le colpe di suo fratello, che ha violentato una bambina di 12 anni. La polizia di Multan ha arrestato 20 persone coinvolte. Le violenze “frutto di una mentalità feudale”. La popolazione “non ha fiducia nelle istituzioni e si rivolge ai consigli di villaggio illegali”.



    09/03/2016 15:37:00 PAKISTAN
    Punjab, attivisti premono per l'attuazione della Legge sulla protezione delle donne

    L’assemblea provinciale ha dichiarato illegale la violenza contro le donne. La norma prevede anche pene più severe per i mariti violenti, ma ancora non viene applicata. Madre cattolica: “I mariti cattivi ora avranno timore della denuncia dei vicini”. Vedova musulmana: “Le cose peggioreranno: i suoceri non dimenticano”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®