13/06/2019, 11.41
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: l’opzione per i poveri, per i cristiani è una ‘scelta prioritaria’

Messaggio per la terza Giornata mondiale dei poveri sul tema “La speranza dei poveri non sarà mai delusa”. “La promozione anche sociale dei poveri non è un impegno esterno all’annuncio del Vangelo, al contrario, manifesta il realismo della fede cristiana e la sua validità storica”. Dai poveri una “forza salvifica”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – I poveri “sono persone a cui andare incontro”, uomini, donne e bambini che “attendono una parola amica”, un segno di speranza, ma al tempo stesso “i poveri ci salvano perché ci permettono di incontrare il volto di Gesù Cristo”. Povertà e indigenza hanno “una forza salvifica” che “che non esclude nessuno e tutti coinvolge in un reale pellegrinaggio di conversione per riconoscere i poveri e amarli”. Lo scrive papa Francesco nel messaggio per la terza Giornata mondiale dei poveri che quest’anno cade il 17 novembre 2019, e che ha il tema “La speranza dei poveri non sarà mai delusa”.

Una Giornata che, auspica Francesco, “possa rafforzare in tanti la volontà di collaborare fattivamente affinché nessuno si senta privo della vicinanza e della solidarietà”.

Il tema scelto dal Papa è preso dal Salmo (Sal 9,19) e sono parole che “esprimono una verità profonda che la fede riesce a imprimere soprattutto nel cuore dei più poveri: restituire la speranza perduta dinanzi alle ingiustizie, sofferenze e precarietà della vita”.

Il documento ricorda le “molte forme di nuove schiavitù a cui sono sottoposti milioni di uomini, donne, giovani e bambini. Incontriamo ogni giorno famiglie costrette a lasciare la loro terra per cercare forme di sussistenza altrove; orfani che hanno perso i genitori o che sono stati violentemente separati da loro per un brutale sfruttamento; giovani alla ricerca di una realizzazione professionale a cui viene impedito l’accesso al lavoro per politiche economiche miopi; vittime di tante forme di violenza, dalla prostituzione alla droga, e umiliate nel loro intimo. Come dimenticare, inoltre, i milioni di immigrati vittime di tanti interessi nascosti, spesso strumentalizzati per uso politico, a cui sono negate la solidarietà e l’uguaglianza? E tante persone senzatetto ed emarginate che si aggirano per le strade delle nostre città?”. “Una moltitudine di poveri spesso trattati con retorica e sopportati con fastidio. Diventano come trasparenti e la loro voce non ha più forza né consistenza nella società. Uomini e donne sempre più estranei tra le nostre case e marginalizzati tra i nostri quartieri”.

Il povero però, nelle parole del Salmo “è colui che ‘confida nel Signore’ (cfr v. 11), perché ha la certezza di non essere mai abbandonato. Il povero, nella Scrittura, è l’uomo della fiducia! L’autore sacro offre anche il motivo di tale fiducia: egli ‘conosce il suo Signore’ (cfr ibid.), e nel linguaggio biblico questo ‘conoscere’ indica un rapporto personale di affetto e di amore”. 

Un povero, scrive ancor Francesco, “non potrà mai trovare Dio indifferente o silenzioso dinanzi alla sua preghiera. Dio è colui che rende giustizia e non dimentica (cfr Sal 40,18; 70,6); anzi, è per lui un rifugio e non manca di venire in suo aiuto (cfr Sal 10,14). Si possono costruire tanti muri e sbarrare gli ingressi per illudersi di sentirsi sicuri con le proprie ricchezze a danno di quanti si lasciano fuori. Non sarà così per sempre. Il ‘giorno del Signore’, come descritto dai profeti (cfr Am 5,18; Is 2-5; Gl 1-3), distruggerà le barriere create tra Paesi e sostituirà l’arroganza di pochi con la solidarietà di tanti. La condizione di emarginazione in cui sono vessati milioni di persone non potrà durare ancora a lungo”.

I poveri sono “l’oppresso, l’umile, colui che è prostrato a terra”, eppure “Gesù non ha avuto timore di identificarsi con ciascuno di essi”. Non a caso le Beatitudini iniziano con “Beati i poveri…”. “Gesù, che ha inaugurato il suo Regno ponendo i poveri al centro”, “ma ha affidato a noi, suoi discepoli, il compito di portarlo avanti, con la responsabilità di dare speranza ai poveri. È necessario, soprattutto in un periodo come il nostro, rianimare la speranza e restituire fiducia. È un programma che la comunità cristiana non può sottovalutare. Ne va della credibilità del nostro annuncio e della testimonianza dei cristiani”.

“Nella vicinanza ai poveri, la Chiesa scopre di essere un popolo che, sparso tra tante nazioni, ha la vocazione di non far sentire nessuno straniero o escluso, perché tutti coinvolge in un comune cammino di salvezza”. “La promozione anche sociale dei poveri non è un impegno esterno all’annuncio del Vangelo, al contrario, manifesta il realismo della fede cristiana e la sua validità storica”. Per questo l’opzione per gli ultimi è “una scelta prioritaria” che i cristiani sono chiamati a fare “per non tradire la credibilità della Chiesa e donare speranza fattiva a tanti indifesi”.

“L’impegno dei cristiani, in occasione di questa Giornata Mondiale e soprattutto nella vita ordinaria di ogni giorno, non consiste solo in iniziative di assistenza che, pur lodevoli e necessarie, devono mirare ad accrescere in ognuno l’attenzione piena che è dovuta ad ogni persona che si trova nel disagio”. “Non è facile essere testimoni della speranza cristiana nel contesto della cultura consumistica e dello scarto, sempre tesa ad accrescere un benessere superficiale ed effimero. È necessario un cambiamento di mentalità per riscoprire l’essenziale e dare corpo e incisività all’annuncio del regno di Dio. La speranza si comunica anche attraverso la consolazione, che si attua accompagnando i poveri non per qualche momento carico di entusiasmo, ma con un impegno che continua nel tempo. I poveri acquistano speranza vera non quando ci vedono gratificati per aver concesso loro un po’ del nostro tempo, ma quando riconoscono nel nostro sacrificio un atto di amore gratuito che non cerca ricompensa”.

Il Papa, poi, ringrazia i volontari, impegnati in tante iniziative e li incoraggia a proseguire nei loro sforzi anche superando “le divisioni che provengono da visioni ideologiche o politiche, fissiamo lo sguardo sull’essenziale che non ha bisogno di tante parole, ma di uno sguardo di amore e di una mano tesa”.

“I poveri prima di tutto hanno bisogno di Dio, del suo amore reso visibile da persone sante che vivono accanto a loro, le quali nella semplicità della loro vita esprimono e fanno emergere la forza dell’amore cristiano. Dio si serve di tante strade e di infiniti strumenti per raggiungere il cuore delle persone. Certo, i poveri si avvicinano a noi anche perché stiamo distribuendo loro il cibo, ma ciò di cui hanno veramente bisogno va oltre il piatto caldo o il panino che offriamo. I poveri hanno bisogno delle nostre mani per essere risollevati, dei nostri cuori per sentire di nuovo il calore dell’affetto, della nostra presenza per superare la solitudine. Hanno bisogno di amore, semplicemente”. (FP)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: I 100 anni dalla ‘inutile strage’. Investiamo sulla pace, non sulla guerra
11/11/2018 12:14
Papa: la politica divenga davvero strumento di pace
18/12/2018 11:51
Papa: Cristiani delle Beatitudini, sale della terra e luce del mondo, anche verso i malati
09/02/2014
Papa: presi dalle Beatitudini i temi delle prossime tre Giornate mondiali della gioventù
07/11/2013
Papa: Non cercate la felicità seguendo i venditori di fumo e di morte
17/02/2019 12:25