21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/10/2017, 13.02

    VATICANO - ITALIA

    Papa a Bologna: Valorizzare l’umanesimo. Quanto dico vale per l’Italia e per l’Europa



    Nella sua visita pastorale a Bologna (e Cesena), papa Francesco augura collaborazione fra la Chiesa, l’università e il comune, per dare “un orizzonte” alla vita della città. Solidarietà e dialogo fra le parti sociali per superare la crisi economica, che ha una radice etica: “Alla radice c’è un tradimento del bene comune, da parte sia di singoli sia di gruppi di potere. È necessario quindi togliere centralità alla legge del profitto e assegnarla alla persona e al bene comune”. La beatificazione di Titus Zeman, salesiano slovacco.

    Bologna (AsiaNews) - “Vi incoraggio a valorizzare questo umanesimo di cui siete depositari per cercare soluzioni sapienti e lungimiranti ai complessi problemi del nostro tempo, vedendoli sì come difficoltà, ma anche come opportunità di crescita e di miglioramento. E questo che dico vale per l’Italia nel suo insieme e per l’intera l’Europa”. È l’augurio che papa Francesco ha rivolto oggi alla città di Bologna dove è in visita pastorale, incontrando prima dell’Angelus rappresentanti del mondo del lavoro, imprenditori, sindacati e disoccupati. L’incontro è avvenuto nella Piazza Maggiore, davanti alla basilica di san Petronio. E proprio riferendosi a lui, protettore della città, il pontefice ha suggerito la via dell’umanesimo, che è la collaborazione fra “la Chiesa, il Comune e l’Università”.  “Quando essi dialogano e collaborano tra loro - ha aggiunto -  si rafforza il prezioso umanesimo che essi esprimono e la città – per così dire – ‘respira’, ha un orizzonte, e non ha paura di affrontare le sfide che si presentano”.

    Il papa ha sottolineato la necessità del dialogo e della solidarietà anche fra le parti sociali. “Non pieghiamo mai - ha detto - la solidarietà alla logica del profitto finanziario, anche perché così la togliamo – potrei dire la rubiamo – ai più deboli che ne hanno tanto bisogno”.

    Egli ha anche citato il “Patto per il lavoro” firmato lo scorso maggio dalla Curia bolognese insieme al comune per reintegrare e dare lavoro a molti disoccupati. Esso utilizza fondi del governo locale e di un’eredità della curia (i proventi dell’industria Faac, dei cancelli automatici).

    “Il recente ‘Patto per il lavoro’, che ha visto tutte le parti sociali, e anche la Chiesa, firmare un comune impegno per aiutarsi nella ricerca di risposte stabili, non di elemosine, è un metodo importante che auspico possa dare i frutti sperati”. E ha ricordato la radice etica della crisi economica attuale: “La crisi economica - ha detto - ha una dimensione europea e globale; e, come sappiamo, essa è anche crisi etica, spirituale e umana. Alla radice c’è un tradimento del bene comune, da parte sia di singoli sia di gruppi di potere. È necessario quindi togliere centralità alla legge del profitto e assegnarla alla persona e al bene comune. Ma perché tale centralità sia reale, effettiva e non solo proclamata a parole, bisogna aumentare le opportunità di lavoro dignitoso”.

    All’Angelus Francesco ha affidato tutta la città alla Madonna di san Luca, il cui santuario domina dalle colline dei dintorni.

    Dopo la preghiera mariana, papa Francesco ha ricordato che ieri, a Bratislava (Slovacchia), è stato beatificato Titus Zeman (1915-1969), sacerdote salesiano. All’avvento del comunismo in Cecoslovacchia e al bando degli ordini religiosi, egli continuava ad educare i giovani. Per questo nel 1952 è stato condanno a 25 anni di prigione, dei quali ne scontò solo 12. Ma, debilitato dal carcere, morì nel 1969. “Egli - ha detto il papa - si unisce alla lunga schiera dei martiri del XX secolo…  La sua testimonianza ci sostenga nei momenti più difficili della vita e ci aiuti a riconoscere, anche nella prova, la presenza del Signore”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/06/2017 11:27:00 VATICANO
    Papa: il sindacato deve essere “profezia”, difendendo i diritti dei “lavoratori più fragili”

    Il ruolo del sindacato in una società moderna, il suo dover essere diverso rispetto alla politica e la necessità di un nuovo patto sociale a favore dei giovani. “E’ una società stolta e miope quella che costringe gli anziani a lavorare troppo a lungo e obbliga una intera generazione di giovani a non lavorare quando dovrebbero farlo per loro e per tutti”.



    23/09/2007 VATICANO
    Papa: Convertire la logica del profitto per rispondere all’emergenza fame ed ecologia
    Benedetto XVI sottolinea la dottrina sociale della Chiesa: il denaro non è disonesto in se stesso, ma deve esse usato anche per i poveri. Il profitto, pur giusto, deve essere corretto dalla logica della solidarietà. Sostegno a una campagna contro l’analfabetismo e un saluto a alunni e insegnanti per l’inizio della scuola.

    28/05/2014 VATICANO - OIL
    Papa: disoccupazione e migrazioni richiedono che crescano solidarietà e cooperazione
    In un messaggio all'Organizzazione Internazionale del Lavoro Francesco chiede "di unire le forze e di lavorare insieme per liberare le vittime" della tratta di esseri umani. Pianificare "uno sviluppo focalizzato sulla persona umana quale protagonista centrale e principale beneficiario".

    07/06/2006 GIAPPONE
    Crescono in Giappone poveri, disoccupati e anziani
    Le pensioni sociali bastano appena per sopravvivere, in un Paese dove chi è povero si vergogna di dirlo. Preoccupazione per l'aumento dell'età media.

    16/11/2009 VATICANO-FAO
    Papa: la lotta alla fame, alla fine, richiede di riconoscere il valore di ogni persona
    Intervenendo oggi al vertice mondiale sulla sicurezza alimentare, Benedetto XVI dice che occorre abbandonare le logiche del profitto fine a se stesso, del considerare gli aiuti “funzionali” a chi li dà, applicando invece il principio di sussidiarietà e la giustizia. La tutela dell’ambiente esige un cambiamento degli stili di vita.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®